Salvini lancia “Scuole sicure”: 2,5 milioni contro spaccio di droga… Ora, chi usa ancora la testa e non si “ammocca” la solita propaganda, si sarà reso conto che – avendo in Italia 40.000 scuole -ognuna avrà a disposizione 60 Euro… Insomma, un’altra presa per i fondelli!

 

Scuole sicure

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Salvini lancia “Scuole sicure”: 2,5 milioni contro spaccio di droga… Ora, chi usa ancora la testa e non si “ammocca” la solita propaganda, si sarà reso conto che – avendo in Italia 40.000 scuole  -ognuna avrà a disposizione 60 Euro… Insomma, un’altra presa per i fondelli!

 

Matteo Salvini: il ministro dell’Interno ha illustrato il progetto volto ad assicurare più videosorveglianza e vigili contro lo spaccio all’esterno delle scuole.

Dopo il taser, la pistola elettrica data in dotazione alle forze dell’ordine, il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha annunciato l’avvio di un altro progetto: Scuole sicure. Il progetto è stato illustrato dallo stesso Salvini al Viminale, insieme al capo della polizia Franco Gabrielli.

“Scuole sicure” proverà a debellare il fenomeno dello spaccio di stupefacenti in prossimità degli istituti. Per garantire una maggiore sicurezza nelle scuole, è stata stanziata una cifra complessiva di 2,5 milioni di euro: con questi fondi si potenzieranno gli impianti di video-sorveglianza, si potranno effettuare assunzioni temporanee di più vigili urbani e organizzare campagne informative.

Questo è quello che abbiamo sentito dai Tg e letto un po’ su tutti i giornali.

Ora, per chi non è solito “ammoccarsi” la solita propaganda e usando la testa avrà fatto due semplici conti, qualcosa non torna:

In Italia le scuole sono circa 40.000…

2,5 milioni di Euro diviso 40.000,00 fa poco più di

60 Euro a scuola

Cioè, una presa per i fondelli!

…L’ennesima…!!!

By Eles

Fiorella Mannoia senza peli sulla lingua dopo l’aggressione a Daisy Osakue: Ma che “razza” di gente siete? – il ministro della paura sarà contento…!

 

Fiorella Mannoia

 

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Fiorella Mannoia senza peli sulla lingua dopo l’aggressione a Daisy Osakue: Ma che “razza” di gente siete? – il ministro della paura sarà contento…!

 

Fiorella Mannoia dopo l’aggressione a Daisy Osakue: il ministro della paura sarà contento

La cantante interviene sull’aggressione della campionessa italiana di origini nigeriane e critica Salvini

Come ha detto Salvini in Italia la deriva razzista è un’invenzione della sinistra mentre esiste solamente l’emergenza immigrati.

Parole che da sole confermano come sia proprio chi la le responsabilità istituzionali ha creare il clima di intolleranza che provoca odio e aggressioni.


Fiorella Mannoia, da sempre impegnata sulle questioni sociali, anche a rischio di finire nel vortice degli insulti, ha duramente attaccato l’inquilino del Viminale a margine del caso Daisy Osakue:

“Ma che “razza” di gente siete? Il lavoro del “ministro della paura” sta dando i suoi frutti, ci si è messo d’impegno, giorno dopo giorno. Complimenti! Ora sarà soddisfatto.”
Altri commenti non sono necessari.

Solo oggi altri 4 operai morti sul lavoro. Ma non Vi preoccupate, Salvini sta lavorando sodo per imporre il crocefisso in TUTTI i luoghi pubblici…!

 

morti sul lavoro

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Solo oggi altri 4 operai morti sul lavoro. Ma non Vi preoccupate, Salvini sta lavorando sodo per imporre il crocefisso in TUTTI i luoghi pubblici…!

Oggi sono morti 4 operai: l’emergenza vera d’Italia che il governo neppure considera

Se questo è lavoro: morti schiacciati, morti d’infarto, morti per cadute. Oggi quattro, quattro padri di famiglia, hanno perso la vita. Per loro neppure una prece dal governo della paura

Quattro morti in un giorno. Abbiamo messo solo le notizie flash. Quattro: Cuneo, Genova, Catanzaro, Pavia. Perché le morti sul lavoro non hanno geografia, non hanno età. E una strage quotidiana. Quando il governo parla di emergenze e dimentica questa, la più grave, dimostra solo la pochezza di un esecutivo, caricato a pallettoni su propaganda e false urgenze. Parlerete voi di Palazzo Chigi con le vedove , i figli di questi operai? O non avranno neppure un piccolo aiuto? Neanche un necrologio di Stato?
Segue la feroce cronaca.
Cuneo: E’ morto travolto dal crollo di un mucchio di terra mentre controllava uno scavo appena eseguito nel centro di Busca, e non a causa di una caduta, Aldo Taricco. L’uomo, originario di Tarantasca, è stato subito soccorso, ma per lui non c’è stato nulla da fare. Sull’esatta dinamica dell’incidente sono in corso gli accertamenti dello Spresal e delle forze dell’ordine. L’incidente sul lavoro è avvenuto in un cantiere del centrale corso Romita.
Genova: Il dipendente di una azienda florovivaistica è morto stamani nel giardino di Villa Banfi, a Genova Pegli, schiacciato da un mezzo agricolo. L’uomo, operaio manutentore del verde, è morto sul colpo. Sul posto Vigili del fuoco, 118, carabinieri e ispettorato del lavoro. La vittima è un genovese di 46 anni, Matteo Marré Brunenghi. Lavorava per la ditta Vivai Carbone, una piccola azienda che da anni si occupa della potatura del verde in subappalto per Aster, l’azienda comunale di manutenzioni. L’incidente è avvenuto questa mattina: il 46enne è rimasto schiacciato da un trattore che si è ribaltato. Il magistrato di turno, il sostituto procuratore Chiara Maria Paolucci, è stata informata dell’ accaduto e nelle prossime ore aprirà un fascicolo per omicidio colposo contro ignoti e darà l’incarico per eseguire l’autopsia.
Catanzaro: Un operaio di 50 anni, O.D., è morto in un incidente su lavoro a Borgia, un centro a pochi chilometri da Catanzaro. L’operaio, secondo quanto si  è appreso,  è caduto, per cause in corso d’accertamento, da un’impalcatura sulla quale stava lavorando per la realizzazione di un muro. O.D. è deceduto sul colpo anche perché un pezzo di ferro, nella caduta, gli si è conficcato nello sterno. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, che hanno avviato le indagini per ricostruire la dinamica dell’incidente ed accertare eventuali responsabilità.
Pavia: Un operaio di 54 anni è morto la scorsa notte, stroncato da un infarto, in un’azienda di Parona, un comune della Lomellina a pochi chilometri da Vigevano nel Pavese. L’uomo, che abitava a Cilavegna (Pavia), stava svolgendo un turno notturno nella ditta (specializzata nella realizzazione di lamine di metallo) quando si è improvvisamente accasciato. I suoi colleghi hanno cercato subito di rianimarlo, utilizzando anche il defibrillatore. Sul posto è arrivato, nel giro di pochi minuti, il 118. Il lavoratore è stato trasportato al Pronto Soccorso dell’ospedale di Vigevano, ma ogni tentativo di salvarlo purtroppo è risultato vano. Al momento non si sa se, quando è stato colto da malore, l’operaio stesse svolgendo mansioni particolari. Sul fatto è stata aperta un’inchiesta.

 

tratto da: https://www.globalist.it/news/2018/07/25/oggi-sono-morti-4-operai-l-emergenza-vera-d-italia-che-il-governo-neppure-considera-2028490.html

Spara con pistola a piombini contro una bambina Rom di 13 mesi. È grave, rischia di rimanere paralizzata… E ora pensate che è proprio a queste merde che Salvini vuole dare il porto d’armi per difendersi…

 

bambina Rom

 

 

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Spara con pistola a piombini contro una bambina Rom di 13 mesi. È grave, rischia di rimanere paralizzata… E ora pensate che è proprio a queste merde che Salvini vuole dare il porto d’armi per difendersi…

 

Un ex dipendente del Senato è l’uomo la merda che ha sparato alla bimba rom: “Volevo solo provare la pistola”

È stato un italiano a sparare alla bambina rom di 13 mesi a Roma. Fosse stato un uomo di origine rom a sparare ad una bambina italiana di 1 anno si sarebbe scatenato l’inferno. E invece tutto tace. Probabilmente il nostro Ministro degli Interni ha finito i giga, dato che non ha alcuna puttanata delle sue da sparare a riguardo sui social.

L’uomo ha sparato dalla finestra di casa sua, ora è sotto accusa per lesioni gravissime.

Si tratta di un ex dipendente del Senato, M.A. di 59 anni, che è stato individuato nella giornata di ieri dagli inquirenti che stanno indagando sull’accaduto.

L’uomo si è subito difeso dicendo che non voleva sparare contro i rom. “Non ho nulla contro i nomadi”, ha dichiarato il cecchino che ha sparato dalla finestra di casa sua con una pistola ad aria compressa.

Anche noi non abbiamo nulla contro i pezzi di merda, però è proprio a questi che il Nostro emerito* Ministro degli Interni vuole dare il porto d’armi per la legittima difesa…

Certo che per doversi difendere da bambini di un anno o poco più, si deve essere ridotti proprio male…

By Eles

 

nota:

*”emerito” sta per “emerito”. Chi ha pensato a male tipo “emerito stronzo” ha travisato il nostro pensiero e lo ha fatto a titolo personale**.

 

nota della nota:

**comunque, anche se lo ha fatto a titolo personale, travisando il nostro pensiero, TUTTA LA NOSTRA SIMPATIA

Durissimo attacco di Giampaolo Pansa – “Salvini è un fascista: verso i giudici nemmeno Berlusconi osò tanto”

Giampaolo Pansa

 

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Durissimo attacco di Giampaolo Pansa – “Salvini è un fascista: verso i giudici nemmeno Berlusconi osò tanto”

 

«Salvini è un fascista: verso i giudici nemmeno Berlusconi osò tanto». Parla Giampaolo Pansa

In una intervista esclusiva a L’Espresso in edicola da domenica, il giornalista e scrittore boccia il governo gialloverde «arrogante e impreparato», e spiega l’addio a La Verità
DI GOFFREDO PISTELLI
Giampaolo Pansa“Salvini è fascista”, parola di uno che, dell’antifascismo e di una certa retorica resistenziale, è stato un fustigatore: Giampaolo Pansa.

Nel numero de L’Espresso in edicola domenica, il giornalista e scrittore, intervistato da Goffredo Pistelli, spiega che ha lasciato La Verità di Maurizio Belpietro, proprio per l’endorsement del quotidiano al ministro degli Interni: «Non ci sto in un giornale che vedo in preda a una deriva salviniana pazzesca» e, ancora, riferito al direttore, aggiunge che «non si può concludere un editoriale scrivendo ‘Viva Salvini’».

Secondo Pansa, il ministro degli Interni «è muscolare, è accentratore, è fascista nei modi, nelle cose», è uno cui «si legge in volto la prepotenza» e parla di «arroganza e impreparazione, che si accoppiano con quella del M5s».

Pansa, classe 1935, uno dei decani del giornalismo italiano ancora in attività, dice la sua anche sull’inchiesta della Procura di Genova, sui milioni di finanziamento pubblico della Lega che oggi non si trovano più nelle casse del partito di Via Bellerio: «Salvini – dice il Pansa – ha fatto numeri terribili, fino a chiedere l’intervento di Sergio Mattarella. Ma andiamo! Senza dimenticare che quei soldi, sono danari del finanziamento pubblico, vengono dalle nostre tasche». «Neppure Silvio Berlusconi – prosegue Pansa – osò tanto».

Quanto al futuro politico del leader leghista, il giornalista dubita della prospettiva trentennale che lo stesso Salvini ha avanzato per sé : «Lo vedo incamminato lungo una strada che sarà disastrosa, per lui e per noi».

L’autore de Il sangue dei vinti, peraltro, non risparmia nemmeno l’omologo grillino di Salvini, definendo Luigi Di Maio «finto pauperista», aggiungendo che il vicepremier pentastellato sarebbe «istigato da Beppe Grillo, uno che pensa di estrarre a sorte i senatori, capisce?».

E su uno dei pochi atti del governo gialloverde che si deve proprio a Di Maio, il decreto ‘Dignità’, Pansa è sibillino: «Una parola che trasuda moralismo. Siamo alla morale fatta per legge».

fonte: http://espresso.repubblica.it/attualita/2018/07/13/news/salvini-e-un-fascista-verso-i-giudici-nemmeno-berlusconi-oso-tanto-giampaolo-pansa-1.324798

Incassavano 35 euro al giorno per l’accoglienza dei rifugiati, ma li sfruttavano nei campi a 0,90 centesimi l’ora. Qualcuno spieghi al nostro Ministro degli Interni che questi sono i criminali che deve far arrestare!

 

 

rifugiati

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Incassavano 35 euro al giorno per l’accoglienza dei rifugiati, ma li sfruttavano nei campi a 0,90 centesimi l’ora. Qualcuno spieghi al nostro Ministro degli Interni che questi sono i criminali che deve far arrestare!

 

Incassavano 35 euro al giorno per l’accoglienza dei rifugiati sfruttati nei campi a 0,90 centesimi l’ora

 

I gestori incassavano 35 euro al giorno per dar loro accoglienza. In realtà venivano sfruttati nei campi e picchiati se ritenuti ‘troppo lenti’

Di Maria Teresa Improta

Riportiamo da QuiCosenza.it:

Accoglienza e caporalato in provincia di Cosenza. Si è tenuta oggi l’udienza preliminare a carico dei 13 indagati per abuso d’ufficio, tentata truffa aggravata per il conseguimento di fondi pubblici, intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. Una vicenda sulla quale la Procura di Cosenza ha acceso i riflettori dopo una denuncia sporta da un nigeriano ospite del centro di accoglienza Villa Letizia di Camigliatello Silano. L’uomo ha raccontato agli investigatori di essere stato costretto a firmare il foglio delle presenze nel Cas, mentre in realtà era costretto a lavorare dalle 6:00 alle 17:00 nei campi a raccogliere fragole e patate per 0,90 centesimi l’ora. Nelle intercettazioni captate nel corso delle investigazioni e dalle testimonianze raccolte è poi emerso uno scenario definito dal colonnello Fabio Ottaviani del comando provinciale di Cosenza “una vera e propria tratta degli schiavi che andava avanti da tempo”. I rifugiati, per ciascuno dei quali i gestori incassavano 35 euro al giorno al fine di garantire la loro sussistenza, venivano selezionati in base al carattere mite e il fisico prestante. In tutto erano una trentina tra ghanesi, somali, nigeriani e senegalesi prelevati dal Cas Santa Lucia del Centro giovanile universitario jonico suddiviso in due strutture a Camigliatello Silano e Spezzano Piccolo.

Se ritenuti troppo lenti venivano percossi con calci, schiaffeggiati e insultati se chiedevano il motivo per il quale non gli veniva corrisposto il misero salario. Molti di loro invece di dormire nei centri in cui risultavano domiciliati vivevano nei pressi dei terreni in cui lavoravano, in stanze fredde e sporche. Questo quanto emerso dalle dichiarazioni rese alla polizia giudiziaria che oggi sono risultate essere diverse da quelle proposte dalla difesa degli indagati. Il Procuratore della Repubblica Aggiunto Marisa Manzini ha quindi chiesto che il giudice attivasse quelli che sono i poteri istruttori che gli competono per sentire direttamente alcuni rifugiati. Nello studio del fascicolo il Pm infatti si è resa conto che l’attività difensiva, consistita nell’assumere informazioni da alcuni migranti, ha determinato che negli atti vi siano dichiarazioni rese alla polizia giudiziaria (che li ha interrogati con un interprete madre lingua inglese) di contenuto diverso da quello che hanno detto ai legali degli indagati. Un’incongruenza generata dal fatto che i teste sono stati sentiti in italiano senza la presenza di un mediatore, quindi potrebbe darsi che le domande non siano state comprese a pieno e per questo le risposte risultino sommarie.

Si è quindi chiesto al giudice, prima di decidere, di ascoltarli per avere l’immediata percezione del contenuto delle loro dichiarazioni. Ciò è stato fatto sia per valutare la posizione dei due imputati che hanno scelto di essere giudicati in abbreviato (Fulvio Serra e Gianpaolo Serra titolari della società agricola La Sorgente Srl dove lavoravano i migranti) sia di altri per i quali è in corso l’udienza preliminare. Solo Corrado Scarcelli (responsabile del Cas Santa Lucia) dopo essere finito in carcere ha patteggiato la pena, mentre le altre persone coinvolte nell’operazione del maggio 2017 attendono la pronuncia sull’eventuale rinvio a giudizio. Si tratta di Vittorio Imbrogno ritenuto l’uomo che aveva il compito di reclutare i rifugiati e portarli nei campi, Luca Carucci lo psicologo presidente dell’associazione Centro giovanile universitario jonico, Giorgio Luciano Morrone responsabile Cas Santa Lucia, Franco Provato, Gianluca Gencarelli, Renato Gabriele,  Giuseppe Gabriele, Giorgio Gabriele, Vincenzo Perrone, Salvatore Perrone e Vincenzo Pasqua. Rinviata alla prossima settimana sia la discussione dell’udienza preliminare, sia del processo con rito abbreviato, dopo che il giudice avrà sciolto la riserva in merito alla richiesta di ascoltare i migranti affiancati da un interprete. Se la richiesta istruttoria del Procuratore della Repubblica Aggiunto Marisa Manzini verrà accolta i migranti testimonieranno, se invece l’istanza non verrà accolta si discuterà direttamente delle responsabilità da imputare ai 13 uomini accusati di essere caporali travestiti da volontari.

 

 

tratto da: http://www.politicamentescorretto.info/2018/07/11/incassavano-35-euro-al-giorno-per-laccoglienza-dei-rifugiati-sfruttati-nei-campi-a-090-centesimi-lora/

Caro Salvini, Cara Meloni. Sono uno di quei coglioni che ha pietà per i migranti che crepano… Ora ho una domanda per voi: …E perché non vi portate gli italiani in difficoltà a casa vostra?

 

Salvini

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Caro Salvini, Cara Meloni. Sono uno di quei coglioni che ha pietà per i migranti che crepano… Ora ho una domanda per voi: …E perché non vi portate gli italiani in difficoltà a casa vostra?

E perché non vi portate gli italiani in difficoltà a casa vostra?

Le tasse che ogni anno vengono pagate da ogni contribuente servono affinché lo Stato possa e debba sostituirsi alla personale solidarietà dei singoli, che potrebbero anche decidere di prendere parte a qualche programma di inserimento e accoglienza ma non possono essere né obbligati a farlo né tantomeno possono essere criticati per il fatto che una serie di problemi personali impedisce loro di spendersi in prima persona con iniziative più concrete di un appello sul giornale. E questo vale sia per i migranti che per i terremotati che per gli italiani in povertà assoluta, perché così funziona uno Stato. Eppure nessuno va a chiedere conto a Salvini o Meloni del perché loro, nella loro magione dorata, non ospitino alcun italiano in difficoltà pur dicendosi sempre molto preoccupati dalla situazione economica delle famiglie indigenti. Cosa cambia?

“Portateli a casa tua” è il commento più gettonato quando si parla di migranti. Su Facebook o nella vita reale, ogni volta che si affronta la questione migranti lo scontro si sposta sul terreno economico e della pubblica sicurezza e i detrattori delle politiche di accoglienza puntano il dito contro i cosiddetti “radical chic” evidenziando che potrebbero ospitare i migranti a casa propria, se proprio ci tengono così tanto a farli stare in Italia. Non solo commenti e diatribe da bar, però, quel “portateli a casa tua” è diventato lo scheletro di una “inchiesta” condotta dal quotidiano Il Tempo che sta facendo molto parlare in questa calda giornata di mezza estate.

Cercando di contrastare l’iniziativa di “Rolling Stone” organizzata per esprimere dissenso contro le politiche del ministro dell’Interno Matteo Salvini, un cronista del quotidiano romano ha inventato di sana pianta un ong e ha iniziato a chiamare un centinaio di intellettuali e artisti da sempre vicini alla causa migratoria chiedendo loro di ospitare un migrante a caso in casa loro, così a caso. Dopo aver effettuato una serie di chiamate, il cronista ha poi costruito un pezzo ad hoc volto a dimostrare che i radical chic di sinistra solo a parole sarebbero solidali con i migranti ma non a fatti e “sputtanare” i volti noti che hanno aderito all’appello di Rolling Stone o all’iniziativa “Magliette rosse”. E così, l’articolo, condividiso con gaudio e giubilo anche dallo stesso Salvini, ha letteralmente fatto il giro della rete ed è in pochissime ore divenuto una vera e propria clava da utilizzare per picchiare i buonisti della rete e sbattere loro in faccia “la verità che nessuno racconta”.

Insomma, secondo il cronista che ha costruito il pezzo – perché di costruzione a tesi si tratta – il rifiutare l’invito di una sconosciuta ong inventata di sana pianta o richiede informazioni più specifiche via mail per sincerarsi della bontà dell’iniziativa e dell’esistenza della onlus stessa dimostrerebbe che i radical chic con il rolex e l’attico a New York non sono poi davvero così buoni e bravi ma sarebbero degli egoisti che di fronte alla possibilità di dare un aiuto concreto si tirano indietro senza colpo ferire. L’articolo de Il Tempo, invece, altro non è che l’accozzaglia di una serie di luoghi comuni spacciati per verità assoluta e altro non fa che sciorinare una serie di nomi noti – e molto odiati dai cattivisti – insieme a una serie di scuse che questi avrebbero presentato all’anonimo chiamante. Su 100 persone, solo 4 avrebbero accettato l’offerta, mentre una buona metà nemmeno avrebbe risposto al telefono e un’altra buona metà avrebbe gentilmente declinato l’invito. L’articolista ha poi messo insieme una serie di vittime designate e le ha date in pasto alla rete, sottolineandone l’incongruenza tra parole e comportamenti.

Come ha spiegato sui social lo stesso Linus, però, molti hanno rifiutato perché hanno subodorato puzza di bruciato e hanno compreso subito potesse trattarsi di un banale scherzo telefonico a opera di qualche buontempone, ma nonostante questo si sono ritrovati nel tritacarne dei cattivisti senza possibilità d’appello. La critica che però si può e si deve muovere a questo articolo de Il Tempo e in generale a tutti quelli che credono che i migranti possano e debbano essere ospitati a casa dei buonisti è un’altra: l’iniziativa di Rolling Stone e quella di Libera erano di stampo umanitario e miravano a sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della chiusura dei porti italiani connessa ai naufragi, sottolineando che è dovere di ogni nazione salvare e accogliere i migranti in viaggio nel Mar Mediterraneo perché non si possono contare i centesimi quando in ballo di sono le vite delle persone.

Quel “portateli a casa tua” non ha alcun senso perché non possono essere compiti di un singolo cittadino il mantenimento e l’integrazione di immigrati e richiedenti asilo sul territorio nazionale, le tasse che ogni anno vengono pagate da ogni contribuente servono affinché lo Stato possa e debba sostituirsi alla personale solidarietà dei singoli, che potrebbero anche decidere di prendere parte a qualche programma di inserimento e accoglienza ma non possono essere né obbligati a farlo né tantomeno possono essere criticati per il fatto che una serie di problemi personali impedisce loro di spendersi in prima persona con iniziative più concrete di un appello sul giornale. E questo vale sia per i migranti che per i terremotati che per gli italiani in povertà assoluta, perché così funziona uno Stato. Eppure nessuno va a chiedere conto a Salvini o Meloni del perché loro, nella loro magione dorata, non ospitino alcun italiano in difficoltà pur dicendosi sempre molto preoccupati dalla situazione economica delle famiglie indigenti. Cosa cambia?

fonte: https://www.fanpage.it/e-perche-non-vi-portate-gli-italiani-in-difficolta-a-casa-vostra/

 

 

L’amarezza di Camilleri: “intorno all’estremismo di Salvini vedo il consenso di Mussolini nel 1937 – Sto per lasciare una brutta eredità ai miei nipoti”

 

Camilleri

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

L’amarezza di Camilleri: intorno all’estremismo di Salvini vedo il consenso di Mussolini nel 1937

Lo scrittore parla dei giorni giorni bui: questo è davvero un brutto passaggio nella storia italiana. Sto per lasciare una brutta eredità ai miei nipoti.

Parole amare, con la delusione nel vedere un paese incattivito e pieno di razzisti: “Non ho rimpianti per il passato. Però questo è davvero un brutto passaggio nella storia italiana che temo non abbia paragoni con altri periodi”. Lo ha dettolo scrittore Andrea Camilleri in un’intervista a ‘la Repubblica’, dove definisce l’Italia di oggi “un paese che torna indietro, come i gamberi. È come se avesse cominciato a procedere in senso inverso, smarrendo le importanti conquiste sociali che aveva realizzato in passato. Se devo essere sincero, io non riconosco più gli italiani”, dice.
E a proposito delle posizioni del ministro dell’Interno e leader della Lega, Matteo Salvini: “Non voglio fare paragoni – osserva Camilleri – ma intorno alle posizioni estremiste di Salvini avverto lo stesso consenso che a dodici anni, nel 1937, sentivo intorno a Mussolini. Ed è un brutto consenso perché fa venire alla luce il lato peggiore degli italiani, quello che abbiamo sempre nascosto”. Quale? “Prima di tutto il razzismo. Noi ci siamo riparati dietro l’immagine stereotipata di ‘italiani brava gente’, ma non è sempre stato così, specie nell’Africa Orientale. Su questo preferisco sorvolare. Però ricordo ancora le scritte che mi accoglievano a Torino negli anni Sessanta quando andavo a lavorare nella sede Rai: ‘Non si affittano case ai meridionali'”.
“Una delle mie più grosse pene è proprio questa: a novantatré anni, a un passo dalla morte, mi trovo a lasciare a nipoti e pronipoti un’Italia che non mi aspettavo di lasciare in eredità. I miei uomini politici si chiamavano De Gasperi, Togliatti, Nenni, Sforza. Avevano un preciso concetto dello Stato e di quello che si poteva fare del paese. Abbiamo ricostruito l’Italia, ora la stiamo risfasciando. Per questa ragione sento di aver fallito come cittadino italiano. E mi pesa molto”, conclude Camilleri.

tratto da: https://www.globalist.it/politics/2018/07/08/l-amarezza-di-camilleri-intorno-all-estremismo-di-salvini-vedo-il-consenso-di-mussolini-nel-1937-2027538.html

Salvini deride pure i bambini affogati in mare: “Che peccato, in casa non ho trovato neanche una maglietta rossa da esibire oggi…” – Sveglia Gente, siamo ITALIANI, non le merde in cui ci vuole trasformare quest’individuo!

 

Salvini

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Salvini deride pure i bambini affogati in mare: “Che peccato, in casa non ho trovato neanche una maglietta rossa da esibire oggi…” – Sveglia Gente, siamo ITALIANI, non le merde in cui ci vuole trasformare quest’individuo!

 

Salvini deride i bambini morti in mare: peccato che non ho trovato una maglietta rossa

Il nemico di chi salva vite in mare ironizza sull’iniziativa lanciata da Libera. Sinistra Italiana replica: è indegno di svolgere il ruolo istituzionale

C’è qualcuno che ha la responsabilità delle centinaia di annegati nel Mediterraneo nelle ultime settimana. E chi ha la responsabilità? Chi ha criminalizzato le Ong impedendo loro di operare e si è affidato a un non-stato come la Libia dove comandando le milizie e, all’interno delle milizie, comandano i cartelli criminali.
Così la Guardia Costiera libica, stranamente, arriva sempre a naufragio avvenuto a fare la cosa dei dispersi (centinaia) e raccogliere i pochi sopravvissuti.
Ma no si è razzisti e xenofobi fino in fondo se non di deride la sofferenza: “Che peccato, in casa non ho trovato neanche una maglietta rossa da esibire oggi…”.

E l’emoticon di un bacio. Così Matteo Salvini – che notioriamente ama vestire capi d’abbigliamento di marchi vicini a CasaPound – prende le distanze, su Facebook, dall’appello di Libera e Don Ciotti a indossare oggi una maglietta rossa in memoria dei bambini morti in mare mentre tentavano di arrivare in Europa e sfuggire a guerre, fame e miseria.
Le magliette rosse ricordano i pigiamini rossi indossati dai bimbi annegati una settimana fa davanti alle coste della Libia, e la maglietta rossa del piccolo Alan Kurdi, ritrovato senza vita tre anni fa su una spiaggia turca. Le madri dei piccoli migranti tendono a vestire i propri figli di rosso durante la traversata, nella speranza che, in caso di naufragio, quel colore richiami l’attenzione dei soccorritori.

La replica di Sinistra Italiana: è un indegno
“Salvini non trova nel suo armadio una maglietta rossa? Non ci stupisce. La sua battuta nemmeno.”
Lo afferma Nicola Fratoianni di Liberi e Uguali replicando alle battute di Salvini sull’iniziativa delle magliette rosse lanciata da Libera, Arci e Anpi.
“Non ci stupisce ma ci fa schifo. – conclude Fratoianni – Chi ironizza sulla morte e sulla disperazione di migliaia di persone è solo un poveraccio. Indegno di svolgere il ruolo istituzionale che riveste.”

tratto da: https://www.globalist.it/politics/2018/07/07/salvini-deride-i-bambini-morti-in-mare-peccato-che-non-ho-trovato-una-maglietta-rossa-2027519.html

L’annuncio di Salvini: “Soldi sequestrati alle mafie per combattere abusivi e massaggiatori in spiaggia” …dico a TE, coglione disoccupato che forse stasera non riuscirai a mettere il piatto a tavola: il TUO problema, secondo Salvini, sono i massaggiatori in spiaggia! Ma veramente non ti senti preso per il culo?

 

Salvini

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

L’annuncio di Salvini: “Soldi sequestrati alle mafie per combattere abusivi e massaggiatori in spiaggia” …dico a TE, coglione disoccupato che forse stasera non riuscirai a mettere il piatto a tavola: il TUO problema, secondo Salvini, sono i massaggiatori in spiaggia! Ma veramente non ti senti preso per il culo?

Arriva la direttiva spiagge sicure voluta dal ministro dell’Interno Matteo Salvini: I soldi sequestrati alle mafie serviranno per combattere ambulanti e massaggiatori…

Capito mio bel disoccupato? Sì, vabbè, forse il Governo se ne fotte altamente che stasera non potrai mettere il piatto in tavola. Però domani, mentre prenderai il sole in una delle più esclusive spiagge italiane, la tua digestione (?) non sarà disturbata da tutti quei negri che vogliono venderti braccialetti o peggio dai gialli che vogliono proporti massaggi…

Soddisfatto, no?

Io, al posto tuo, mi sentirei molto, ma molto preso per il culo…!

Da Fanpage:
Spiagge sicure, l’annuncio di Salvini: “Soldi sequestrati alle mafie per combattere abusivi e massaggiatori”

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini annuncia l’arrivo della direttiva ‘Spiagge sicure’ per combattere il commercio abusivo sulle spiagge italiane. Oltre alle sanzioni già previste, Salvini annuncia che la norma prevede l’impiego di “alcuni milioni di euro che arrivano dal Fondo unico giustizia, soldi sequestrati ai mafiosi: dalla mafia arriveranno sulle nostre spiagge per pagare gli straordinari agli agenti della polizia locale”.

Arriva la direttiva spiagge sicure voluta dal ministro dell’Interno Matteo Salvini e, rispetto agli anni passati, c’è una novità sostanziale annunciata dallo stesso vicepresidente del Consiglio: “Quest’anno all’invito aggiungiamo dei soldi, alcuni milioni di euro che arrivano dal Fondo unico giustizia, soldi sequestrati ai mafiosi, quindi con doppio gusto: dalla mafia arriveranno sulle nostre spiagge per pagare gli straordinari agli agenti della polizia locale”. L’invito di cui parla Salvini è quello ai cittadini che frequentano le spiagge italiane, a cui chiede di non comprare la borsa, la collanina o di non farsi fare i massaggi in spiaggia da persone che non hanno il diritto di farlo: “Comprarli significa aiutare la malavita organizzata e non il poverino che le vende”.

Salvini annuncia anche il daspo urbano per le aree ad alta densità turistica, introducendo “la possibilità di sanzionare e leggi ad hoc per le aree infestate dall’abusivismo commerciale, sanitario e non solo”. Il ministro dell’Interno, ringraziando gli uffici del Viminale che hanno elaborato questo strumento “trovando anche dei soldi”, spiega che la sua direttiva ricalca in parte quello che alcuni comuni già fanno. È il caso della prefettura di Ravenna che “da due anni controlla chilometri di litorale e ha sconfitto qualsiasi tipo di abuso”. Ciò su cui punta il vicepresidente del Consiglio è il “coinvolgimento diretto degli enti locali insieme al protagonismo dei sindaci e degli assessori: contiamo che aumentino i sequestri, le confische, gli arresti, i numeri di chilometri di spiagge tranquille”.

Le sanzioni per chi acquista in spiaggia
Il ministro dell’Interno fa sapere che la nuova direttiva, presentata oggi al Viminale, non prevede un innalzamento delle sanzioni per l’acquisto di merce da venditori abusivi. Per chi compra il rischio è di subire sanzioni che vanno dai 100 ai 7mila euro. “È già previsto dal codice – spiega Salvini – non abbiamo voluto aumentare le sanzioni, ma semplicemente mettere gli agenti in condizioni di applicare la legge vigente. Sarebbe ipocrita aumentare all’infinito le sanzioni quando non c’è il personale sufficiente”.

Come funziona il Fondo unico di giustizia
Il Fondo unico di giustizia, citato da Salvini e da cui arriveranno i fondi, raccoglie i rapporti finanziari e assicurativi sottoposti a sequestro penale o amministrativo e le somme non ritirate trascorsi cinque anni dai processi civili e dalle procedure fallimentari. Attraverso Equitalia giustizia vengono versate allo Stato le somme confiscate dall’autorità giudiziaria o amministrativa, l’utile della gestione finanziaria delle risorse liquide del Fondo e una quota delle risorse sequestrate che viene stabilita con decreto ministeriale. Le somme versate allo Stato da Equitalia giustizia sono destinate – per essere riassegnate – in misura non inferiore a un terzo al ministero dell’Interno, in misura non inferiore a un altro terzo al ministero della Giustizia e all’entrata del bilancio dello Stato. Le quote di riassegnazione vengono stabilite annualmente con un decreto del presidente del Consiglio e finora si è sempre deciso di dare il 49% al ministero dell’Interno, il 49% a quello della Giustizia e il restante 2% al bilancio dello Stato. Il ministero dell’Interno può utilizzare questi fondi per la tutela della pubblica sicurezza e del soccorso pubblico.

Una tabella riportata sul sito del ministero della Giustizia mostra quali siano le cifre che Equitalia giustizia versa allo Stato attraverso questo fondo. Negli ultimi anni la cifra totale si è aggirata tra i 150 e i 220 milioni di euro: dal 2013 non è mai scesa sotto i 100 milioni. Per i primi mesi del 2018 – fino al 31 marzo – la cifra versata allo Stato è stata di 55 milioni di euro.

fonte: https://www.fanpage.it/spiagge-sicure-lannuncio-di-salvini-soldi-sequestrati-alle-mafie-per-combattere-abusivi-e-massaggiatori/
http://www.fanpage.it/