Fanno sul serio – Legge di Bilancio, taglio dell’80% dei fondi alle Regioni che non tagliano i vitalizi d’oro…!

 

vitalizi

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

Fanno sul serio – Legge di Bilancio, taglio dell’80% dei fondi alle Regioni che non tagliano i vitalizi d’oro…!

Legge di Bilancio, taglio dell’80% dei fondi alle Regioni che non riducono i vitalizi

L’ultima versione della legge di Bilancio prevede un taglio dell’80% dei trasferimenti alle Regioni nel caso in cui non provvedano a ridurre il vitalizio degli ex presidenti, consiglieri e assessori. Le Regioni avranno quattro mesi per adeguarsi dal momento dell’entrata in vigore della legge di Bilancio.

L’aveva annunciato il vicepresidente del Consiglio e capo politico del MoVimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, nel giorno in cui il Senato ha approvato il taglio dei vitalizi: l’obiettivo è quello di ritoccare anche l’assegno degli ex consiglieri regionali. E per farlo il governo targato M5s-Lega ha pensato a un sistema da inserire nella legge di bilancio. L’ultima versione della legge di Bilancio, inviata oggi al Quirinale, prevede un taglio dei trasferimenti alle Regioni nel caso in cui non taglino i vitalizi del presidente e dei consiglieri regionali. La norma è inserita all’articolo 76 della legge di Bilancio, una norma dal titolo “Riduzione dei costi della politica nelle regioni a statuto speciale, ordinario e nelle province autonome”. In realtà, si specifica che la misura è in attesa di valutazione politica.

Il governo vuole quindi tagliare l’80% dei trasferimenti, dando alle Regioni quattro mesi “dalla data di entrata in vigore” della manovra per tagliare i vitalizi dei presidenti di Regione, dei consiglieri e degli assessori. “Ai fini del coordinamento della finanza pubblica e per il contenimento della spesa pubblica – si legge nel testo – a decorrere dall’anno 2019 una quota pari all’80% dei trasferimenti erariali a favore delle regioni e province autonome, diversi da quelli destinati al finanziamento del Servizio sanitario nazionale, delle politiche sociali e per le non autosufficienze e del trasporto pubblico locale, è erogata a condizione che, ove non vi abbiano già provveduto, le regioni a statuto speciale, ordinario e le province autonome, con le modalità previste dal proprio ordinamento, entro quattro mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, ovvero sei mesi qualora occorra procedere a modifiche statutarie, provvedano a rideterminare, ai sensi del comma 2, la disciplina dei trattamenti previdenziali e dei vitalizi già in essere in favore di coloro che abbiano ricoperto la carica di Presidente della regione, di consigliere regionale o di assessore regionale”.

Vengono quindi esclusi dal taglio i fondi per il Servizio sanitario e per le politiche sociali, oltre che per il trasporto pubblico. Per quanto riguarda i vitalizi, il governo chiede di definire il taglio entro il 31 marzo 2019 seguendo il principio del metodo di calcolo contributivo, così come avvenuto alla Camera e al Senato. Gli enti interessati da questa norma dovranno documentare “il rispetto delle condizioni mediante comunicazione da inviare alla presidenza del Consiglio dei ministri entro il quindicesimo giorno successivo all’adempimento”. A quel punto, il dipartimento per gli Affari regionali avrà 15 giorni per comunicare al ministero dell’Economia se l’adempimento è stato compiuto o, in caso contrario, l’eventuale riduzione dei trasferimenti. Nel caso di mancato adempimento, le regioni e le province hanno altri sessanta giorni per mettersi in regola.

tratto da: https://www.fanpage.it/legge-di-bilancio-taglio-dell80-dei-fondi-alle-regioni-che-non-riducono-i-vitalizi/

Taglio dei Vitalizi: quelli di Pd e Forza Italia se ne vanno dall’aula al momento del voto… Ricordatevelo quando sarete VOI a dover votare…!


zzz

 

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Taglio dei Vitalizi: quelli di Pd e Forza Italia se ne vanno dall’aula al momento del voto… Ricordatevelo quando sarete VOI a dover votare…!

 

Vitalizi, M5S: ‘Pd e Forza Italia se ne vanno al momento del voto’

“Forza Italia e Pd se ne vanno al momento del voto per il taglio dei vitalizi: vergogna”.

Così il Movimento 5 Stelle in un post pubblicato sulla propria pagina Facebook condividendo un’immagine che mostra un gatto e una volpe e la scritta sovrapposta “sempre in società”.

“Oggi al momento della votazione per il taglio dei vitalizi al Senato, una vittoria del MoVimento 5 Stelle dopo anni di battaglie, Forza Italia e Pd hanno abbandonato il Consiglio al momento del voto,” denunciano i pentastellati.

In un post della pagina Facebook del M5S Camera si legge:

“NON SI SMENTISCONO MAI
Mentre eliminavamo per sempre l’assurdo privilegio dei vitalizi, Forza Italia e Partito Democratico, indignati e offesi, hanno lasciato il Senato astenendosi dal voto!
OGGI I CITTADINI HANNO DEMOLITO LA VECCHIA POLITICA. MASSIMA CONDIVISIONE!”.

Poco dopo il voto, i 5Stelle hanno scritto sempre su Facebook:

“CE L’ABBIAMO FATTA! ABBIAMO TAGLIATO I VITALIZI ANCHE AL SENATO
Promesso, detto e fatto. Abbiamo tagliato i vitalizi anche al Senato. È crollato un muro che separava la politica e le istituzioni dai cittadini. Abbiamo riportato a galla due valori che la vecchia politica aveva dimenticato: l’equità e la giustizia sociale.
Per quanto tempo la rabbia dei cittadini è rimasta inascoltata? Mentre le riforme delle pensioni si susseguivano, peggiorando sempre di più la condizione di chi ha lavorato una vita, i politici continuavano a incassare ricchi assegni per nulla giustificati dai contributi che avevano versato. Un privilegio che la politica si inventò agli albori della Repubblica e che finirà il 31 dicembre del 2018. Da gennaio questi signori incasseranno in base a quello che hanno versato. Funziona così per gli altri cittadini, quelli che non sono passati per qualche anno dai Palazzi di Camera e Senato. Sarà così anche per gli ex parlamentari.
Il Movimento 5 Stelle i privilegi li combatte e li cancella!”

 

 

tratto da: https://www.silenziefalsita.it/2018/10/16/vitalizi-m5s-pd-e-forza-italia-se-ne-vanno-al-momento-del-voto/

Oltre 700 ex deputati ricorrono contro il taglio dei vitalizi. Questa volta Di Maio ha proprio ragione: “Non conoscono vergogna”

 

Di Maio

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Oltre 700 ex deputati ricorrono contro il taglio dei vitalizi. Questa volta Di Maio ha proprio ragione: “Non conoscono vergogna”

 

Oltre 700 ex deputati ricorrono contro il taglio dei vitalizi. Di Maio: “Non conoscono vergogna”

Sono già quasi 700 i ricorsi presentati da ex deputati della Repubblica contro il taglio dei vitalizi approvato dalla Camera qualche mese fa. Di Maio commenta: “Ma questi ex dis-onorevoli lo sanno cosa è la giustizia sociale? Credo di no,ma lo scopriranno presto. E lo scopriranno anche gli ex senatori”.

Sono già 700 i ricorsi presentati dagli ex deputati contro il taglio dei vitalizi approvato dalla Camera. All’agenzia di stampa Adnronos, l’avvocato ed ex parlamentare Pdl Maurizio Paniz ha dichiarato: “Io ho già presentato giovedì scorso oltre 300 ricorsi contro i tagli dei vitalizi per gli ex deputati e ne presenterò un altro centinaio la prossima settimana, prima della scadenza che ritengo sia accreditabile l’11 settembre. Punto ad ottenere l’annullamento della delibera dell’Ufficio di presidenza della Camera, che ha fortemente ridotto l’ammontare dei vitalizi in essere. Una delibera che ritengo totalmente illegittima e palesemente incostituzionale”.

Paniz è uno dei cinque legali che assistono i ricorrenti per un totale di quasi 700 ricorsi ed è convinto che i giudici gli daranno ragion: “Penso di vincere al 100% nel lungo percorso, perché l’illegittimità della delibera è assolutamente palese. Lo ha confermato anche il Consiglio di Stato nel parere che ha recentemente dato alla presidenza del Senato, indicando le condizioni per un possibile intervento che qui alla Camera non sono state in alcun modo rispettate. Io sono il legale che difende un principio fondamentale in uno Stato di diritto e che in questo caso interessa tutti i 18 milioni di pensionati italiani, perché il principio che riguarda gli ex parlamentari, riguarda anche tutti i nostri pensionati. Non si tratta di privilegi, ma di diritti acquisti, non certamente voluti dagli attuali beneficiari, ma decisi molti decenni fa da altri autorevoli esponenti della vita politica italiana”.

Nella mattinata di oggi, con un post pubblicato sulla sua pagina Facebook, il vicepremier e leader del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, si è scagliato contro i 700 ricorrenti: “700 ex deputati hanno fatto ricorso per riavere i vitalizi che noi abbiamo abolito e continuare a essere mantenuti a vita dallo Stato come fossero dei nababbi. Quando erano in Parlamento non hanno fatto nulla per aumentare le pensioni minime e le condizioni di vita dei pensionati più poveri e ora vogliono continuare a prendere vitalizi di migliaia di euro nonostante abbiano versato moooolto meno. Ma questi ex dis-onorevoli lo sanno cosa è la giustizia sociale? Credo di no,ma lo scopriranno presto. E lo scopriranno anche gli ex senatori. Il Senato deve abolire subito i vitalizi come abbiamo fatto alla Camera. Non c’è più tempo da perdere per eliminare i privilegi. Bisogna decidere da che parte stare, da quella dei cittadini o da quella dei parassiti. Noi abbiamo già scelto e non faremo neppure mezzo passo indietro: i ricorsi non ci spaventano. Intanto consiglio caldamente a questi 700 vitalizio-dipendenti di andarsi a nascondere il più lontano possibile, magari su un eremo. Non conoscono vergogna”.

tratto da: https://www.fanpage.it/oltre-700-ex-deputati-ricorrono-contro-il-taglio-dei-vitalizi-di-maio-non-conoscono-vergogna/
http://www.fanpage.it/

UDITE, UDITE: “Ha tagliato i vitalizi degli altri, ma il suo non è stato toccato” …Lo ha dichiarato MATTEO RENZI, quello che ha regalato 57 MILIARDI di soldi nostre alle BANCHE, parlando di DI MAIO, quello che da 6 anni restituisce metà dello stipendio!

 

RENZI

 

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

UDITE, UDITE: “Ha tagliato i vitalizi degli altri, ma il suo non è stato toccato” …Lo ha dichiarato MATTEO RENZI, quello che ha regalato 57 MILIARDI di soldi nostre alle BANCHE, parlando di DI MAIO, quello che da 6 anni restituisce metà dello stipendio!

 

Matteo Renzi: “Hanno tagliato i vitalizi degli altri, ma quello di Luigi Di Maio non è stato toccato”

Matteo Renzi attacca Luigi Di Maio sul taglio dei vitalizi e sul Decreto dignità, definendolo “ministro della Disoccupazione”. L’ex presidente del Consiglio sul taglio dei vitalizi attacca: “Il vitalizio di Di Maio – perché Di Maio, Fico e tanti altri con la scorsa legislatura hanno ottenuto il vitalizio – non lo hanno toccato. Hanno toccato alcuni di quelli del passato”.

Ridicolo no? Che uno ha per 5 anni si è palleggiato il taglio dei vitalizi senza mai attuarlo, che nel frattempo ha regalato 57 miliardi di soldi nostri alle banche (fanno circa 2.370 Euro a famiglia) ora pcerchi di screditare Di Maio, Fico e altri cinquestelle, che nel frattempo hanno restituito metà del loro stipendio…

Leggi anche:

Tutti i regali del Pd alle Banche. Fanno 57 miliardi di Euro, circa 2.370 Euro a famiglia …per il momento!

Tagliati i vitalizi alla Camera… E al Senato? Per la pupilla di Berlusconi, la nuova paladina della Casta, non se ne parla proprio…

 

vitalizi

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Tagliati i vitalizi alla Camera… E al Senato? Per la pupilla di Berlusconi, la nuova paladina della Casta, non se ne parla proprio…

 

Tagliati i vitalizi ai deputati, i senatori si adegueranno?

Il presidente della Camera si dice sicuro sulla tenuta del provvedimento: “Non sono preoccupato dai ricorsi, perché la delibera è forte e sostanziale e ripara a un’ingiustizia”. Cosa deciderà ora la presidente del Senato?

“Non sono preoccupato dai ricorsi, perché la delibera è forte e sostanziale e ripara a un’ingiustizia e poiché la Costituzione dispone che tutti i cittadini sono uguali renderli tutti uguali” equivale ad agire “come dispone la Costituzione”. Roberto Fico, presidente Cinquestelle della Camera, ‘padre’ della delibera con cui ieri sono stati tagliati i vitalizi agli ex deputati, non sembra temere nulla, non i ricorsi contro il provvedimento annunciati da diversi ex onorevoli. “Agli ex parlamentari dico che non è un provvedimento punitivo, ma un provvedimento che ripara a un’ingiustizia e finalmente colmiamo il solco e il burrone” che c’era fino ad ora tra le istituzioni e i cittadini. “Sono certo che il Senato farà le sue valutazioni e sono convinto che arriverà alle stesse decisioni”.

In attesa di conoscere il pensiero della presidente del Senato (allinearsi o non allinearsi al provvedimento di Montecitorio) portano acqua al mulino degli ex parlamentari due illustri costituzionalisti, presidenti emeriti della Consulta.

“Sarebbe stato più ‘opportuno’ intervenire sulla materia dei vitalizi con una legge: in questo modo “si sarebbe assicurata una maggior trasparenza nel dibattito parlamentare e si sarebbe approfondito un problema non rimettendolo alla cerchia ristretta dell’ufficio di presidenza”, ha detto all’Agi Cesare Mirabelli, rilevando inoltre che “se il Senato non delibera allo stesso modo si crea una palese disparità di trattamento”.

“Il fondamento di questo tipo di trattamento – spiega Mirabelli – è la natura largamente previdenziale, connessa con l’indennità parlamentare con la quale si assicura che possano svolgere queste funzioni non solo coloro che hanno possibilità economiche”. In alcuni casi evidenti – aggiunge il giurista – può “apparire che tale trattamento abbia costituito un privilegio, ma nella maggior parte delle situazioni, per chi ha svolto con onore per lungo tempo funzioni in Parlamento, non è cosi'”. Inoltre, il ‘nodo’ è anche la retroattività dell’intervento: “È vero – spiega il presidente emerito della Consulta – che la Costituzione vieta la retroattività solo per le leggi penali, ma vale il principio di affidamento nel rapporto tra Stato e cittadini; un intervento del genere deve avere una forte giustificazione per incidere su una situazione consolidata”.

Quanto ai ricorsi, che potrebbero essere presentati sul taglio dei vitalizi, Mirabelli sottolinea: “Il problema che si porrà sarà quello della competenza. A decidere su queste controversie potrebbe essere un organismo interno alla Camera in base al principio dell’autodichia, ma anche il giudice ordinario potrebbe dirsi competente perché si tratta di un diritto di ex parlamentari”.

Sulla stessa lunghezza d’onda un altro presidente emerito della Corte Costituzionale, Sabino Cassese. “La misura adottata è illegittima e ingiusta”, ha detto Cassese a Repubblica. “È dubbio che l’ufficio di presidenza avesse competenza. È illegittimo il procedimento. Priva i destinatari del diritto di difesa davanti a una corte indipendente”. La posizione del costituzionalista appare netta:

“L’assegno vitalizio per i parlamentari non esiste più dal 2012. Strano che si gioisca tanto. Per quel che si sa (la Camera non ha ancora messo sul sito la delibera), l’ufficio di presidenza della (sola) Camera dei deputati ha ora soltanto stabilito di ricalcolare con il metodo contributivo gli assegni vitalizi percepiti da coloro che non erano più deputati nel 2011 (1240 percettori, età media di 76,5 anni). Una decisione che presta il fianco a molti dubbi. Si può dire giusta una giustizia retroattiva?”

“Non crea ingiustizie un provvedimento preso per gli ex deputati, ma non per tutti gli altri ex rappresentanti che godono di assegni detti vitalizi, come i consiglieri regionali e i senatori? Che succede a coloro che in passato sono stati prima deputati, poi senatori, o viceversa? È giusto il ricalcolo anche delle pensioni di reversibilità, spettanti a familiari degli ex deputati (per lo più in età avanzata)? È legittimo un provvedimento regolamentare dell’ufficio di presidenza adottato senza istruttoria in contraddittorio, non impugnabile davanti a un giudice e sottratta al sindacato costituzionale diretto?”.

“I diritti acquisti vanno rispettati, e possono essere limitati solo in maniera che sia ragionevole e proporzionale, al verificarsi di una situazione nuova che giustifichi il nuovo intervento. Se l’intervento è sproporzionato e non trova una spiegazione obiettiva in una situazione economica nuova, come può essere ritenuto legittimo?”

In attesa di conoscere i nomi dei firmatari dei primi ricorsi, la palla passa a Palazzo Madama. Cosa farà il Senato? Si adeguerà alla delibera Fico o no? E in questo secondo caso, cosa succederà ai vitalizi degli ex senatori e a quei politici che sono stati sia deputati che senatori in legislature diverse? Non c’è dubbio che se il Senato non assumerà le stesse decisioni, ravvedendo dubbi di legittimità o persino costituzionalità della ‘delibera Fico’ anche il taglio varato con tanto di brindisialla Camera vacillerebbe, dando forza ai ricorrenti.

“La questione per me non ha una valenza politica, le mie perplessità sono di carattere tecnico-giuridico”, aveva detto Casellati qualche giorno fa. “Quando il presidente Fico ha iniziato a trattare il tema dei vitalizi  ho chiesto ai nostri questori del Senato di lavorare insieme a loro, proprio per arrivare a una decisione che fosse condivisa anche al Senato, in una prospettiva di accelerazione di tempi e di condivisione di contenuti”.

Ancora la presidente del Senato: «Solo attraverso un provvedimento tecnicamente ineccepibile potrà andare in porto. I dubbi che avevo presentato di una possibile incostituzionalità, che ho prospettato non solo io ma anche dei giuristi, potrebbero portare a vanificare lo sforzo che stiamo facendo per eliminare i privilegi”.

fonte: https://www.globalist.it/politics/2018/07/14/tagliati-i-vitalizi-ai-deputati-i-senatori-si-adegueranno-2027863.html

Taglio dei vitalizi, Luigi Di Maio: “Risparmio di 200 milioni di Euro per ogni legislatura” …Vi sembrano pochi?

 

vitalizi

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Taglio dei vitalizi, Luigi Di Maio: “Risparmio di 200 milioni di Euro per ogni legislatura” …Vi sembrano pochi?

 

Taglio dei vitalizi, Luigi Di Maio: “Risparmio di 200 milioni di euro per ogni legislatura”

Luigi Di Maio annuncia l’approvazione della delibera su Facebook: “Da qui si parte per mettere mano alle pensioni d’oro con una legge. Ringrazio Roberto Fico tutti i membri dell’ufficio di presidenza. La delibera mi risluta che sia stata votata da tutti, tranne che da due astenuti”.

Luigi Di Maio ha dato l’annuncio sul suo profilo Facebook dell’approvazione della delibera che autorizza il taglio dei vitalizi:

“Per cinque o sei anni ci hanno detto che non si poteva fare, ma abbiamo finalmente abolito i vitalizi agli ex parlamentari della Repubblica. Alla fine abbiamo tolto quest’ingiustizia. D’ora in poi i parlamentari che hanno versato i contributi per tre anni in Parlamento prenderanno quei contributi nella pensione se avranno raggiunto la pensione che spetta a tutti i cittadini italiani. Immaginate l’emozione per me e per Riccardo Fraccaro: ci hanno tolto la parola in Aula quando chiedevamo di discutere l’abolizione di questo odioso privilegio. Da qui si parte per mettere mano alle pensioni d’oro con una legge. Ringrazio Roberto Fico tutti i membri dell’ufficio di presidenza. La delibera mi risluta che sia stata votata da tutti, tranne che da due astenuti. In questi anni si è sempre impedito che si arrivasse alla discussione di questo tema. Risparmieremo circa 200 milioni di euro a legislatura, che sono soldi vostri. Li togliamo ai privilegiati per ridarli a voi. Questo è il primo capitolo del taglio agli sprechi, un regalo agli italiani nei primi 100 giorni di governo”.

La delibera prevede un ricalcolo dei vitalizi sulla base del sistema contributivo. La nuova misura dovrebbe entrarà in vigore dal primo gennaio 2019, come ha spiegato il presidente della Camera Roberto Fico al termine dell’ufficio di presidenza della Camera. Precedentemente l’entrata in vigore prevista era stata fissata al primo novembre di quest’anno.

Secondo le stime la cifra che lo Stato risparmierebbe sarebbe di circa 40 milioni di euro l’anno. Il totale dei vitalizi erogati ammonta a 1.405, il ricalcolo varrà per 1.338 assegni che verranno abbassati. Gli altri 67 non verranno ritoccati in quanto riguardano parlamentari con almeno 4-5 legislature alle spalle e che hanno quindi versato più contributi e per questo con il nuovo sistema di calcolo andrebbero a guadagnare di più di adesso. Per questo motivo i loro vitalizi rimarranno invariati. Nella delibera è stato inserito anche un tetto minimo di 980 euro al mese per chi ha fatto solo una legislatura.

A proposito di un’eventuale bocciatura da parte della Corte Costituzionale, il presidente della Camera Roberto Fico ha detto: “Non sono preoccupato. Ho scritto una delibera forte, sostanziale e sostanziosa che ripara un’ingiustizia” facendo proprio un principio “costituzionale per cui tutti i cittadini sono uguali”.

Il provvedimento al Senato è ancora in fase di studio: “Il Senato farà le sue valutazioni e andrà avanti e arriverà a una conclusione simile”, ha spiegato Fico.

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è intervenuto su Twitter: “Grande soddisfazione per l’abolizione dei vitalizi. È un bel segnale per il Paese che si aspettava da tanto tempo. Avanti così!”.

Le reazione dell’opposizione
“Il Pd ha votato a favore: è una delibera giusta, che incide sui dei privilegi non più tollerabili anche se i vitalizi non li aboliamo oggi: li abbiamo aboliti nel 2011”, ha detto il vice presidente della Camera ed unico esponente in ufficio di presidenza per il Pd Ettore Rosato – “Lo strumento utilizzato non è dei migliori ed è debole perché riguarda un solo ramo del Parlamento. Credo ci sia un retropensiero: quando la Consulta boccerà la delibera si stracceranno le vesti e così potranno parlarne ancora”.

“Fratelli d’Italia ha votato l’abolizione dei vitalizi: un privilegio inaccettabile e fuori dal tempo. Abbiamo combattuto per anni, spesso in totale solitudine, la battaglia per il ricalcolo dei vitalizi e delle pensioni d’oro sulla base dei contributi versati, e siamo contenti che ora sia patrimonio di tutti. La proposta del M5S contiene purtroppo delle lacune ma ci auguriamo che, per questo motivo, la riforma non venga bloccata”, ha dichiarato la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni.

Critica Mara Carfagna, vice presidente della Camera e deputata di Forza Italia: “Oggi i Cinquestelle stappano champagne in piazza, ma il conto lo pagheranno gli italiani. Noi di Forza Italia siamo i primi nemici dei vitalizi ed è facile dimostrarlo: li abbiamo aboliti nel 2011. Ci siamo astenuti sulla delibera proposta oggi dal Movimento 5 stelle perché siamo d’accordo sul principio, ma non sul metodo di ricalcolo adottato nel provvedimento, che non risponde a criteri di legittimità costituzionale. Non è una questione astratta: si tratta di denaro pubblico. Quando arriveranno gli inevitabili ricorsi i costi saranno salati, ben più alti del risparmio che stanno festeggiando i Cinquestelle. Nel corso della riunione dell’Ufficio di presidenza ho segnalato alla maggioranza il paradosso di voler eliminare un privilegio proteggendosi dietro un altro privilegio, ovvero l’insindacabilità del parlamentare, ultimo scudo che gli rimane di fronte al rischio di poter rispondere in solido di questo errore tecnico”.

La deputata del Pd Raffaella Paita ha attaccato LeU: “E’ proprio vero, in politica l’aria cambia in fretta. La conferma, in questo caso, la fornisce Luca Pastorino, segretario d’Aula di Liberi e Uguali, annunciando che non prenderà parte al voto sulla delibera sul ricalcolo dei vitalizi in Ufficio di Presidenza alla Camera. La coerenza, evidentemente, non è la sua qualità principale. Certo, i tempi sono forzati e la delibera è imperfetta, tutto vero. Ma quando si tratta di dare un segnale ai cittadini che vada nella direzione della riduzione dei costi e dei privilegi della politica, il Pd c’è, mentre quella che si erge a vera sinistra fa un passo indietro. Noi abbiamo cominciato questo percorso con Matteo Richetti nella scorsa legislatura, Pastorino e i suoi compagni l’hanno sempre intrapreso solo a parole. E quando si deve passare dalle parole ai voti, fatalmente, non se la sentono”.

fonte: https://www.fanpage.it/taglio-dei-vitalizi-luigi-di-maio-risparmio-di-200-milioni-di-euro-per-ogni-legislatura/
http://www.fanpage.it/

 

Vitalizi, Di Maio stronca le proteste: “Non si torna indietro. Mettetevi l’anima in pace”

 

Vitalizi

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Vitalizi, Di Maio stronca le proteste: “Non si torna indietro. Mettetevi l’anima in pace”

 

“Potete piangere e strepitare quanto volete, tanto non si torna indietro. NOI I VITALIZI VE LI TOGLIAMO. Mettetevi l’anima in pace”.

Lo scrive su Facebook Luigi Di Maio, che ha commentato un articolo “divertentissimo” sul Corriere della Sera.

Questo articolo, spiega il vicepremier, “raccoglie le lamentele di alcuni ex parlamentari a cui toglieremo i vitalizi tra pochi giorni”.

“Uno – prosegue – piange miseria perché da 4.700 euro al mese grazie alla nostra delibera prenderà 2.500 e parla di atto illiberale”.

Di Maio quindi si chiede: “Ma dico io: ma se hai versato contributo per avere una pensione di 2.500 euro perché te ne davo dare il doppio?.”

“Questa è giustizia, altro che illiberalità,” osserva il leader 5Stelle, che cita un altro esemio:

“Un altro dice che da 2.000 passerà a 400 ed è una rapina. Quindi parliamo di un ex parlamentare che ha versato contributi solo per avere una pensione minima”.

E prosegue: “Capite questa gente? Quando erano in parlamento non hanno mosso un dito per alzare le pensioni minime perché tanto loro avevano il vitalizio che valeva 5 volte tanto”.

“Adesso lo Stato se ne frega di difendere chi ha i privilegi e pensa a proteggere i più deboli. Potete piangere e strepitare quanto volete, tanto non si torna indietro. NOI I VITALIZI VE LI TOGLIAMO. Mettetevi l’anima in pace,” conclude Di Maio.

L’articolo in questione riporta anche le dichiarazioni di Gerardo Bianco, due volte capogruppo della Dc al Senato e ben 9 legislature all’attivo. Una carriera che gli ha fruttato un vitalizio di 5.100 euro netti.

“So solo che questa delibera danneggerà ex parlamentari che sono oggi ultra ottantenni e sono stati alla Camera per una sola legislatura,” ha affermato Bianco, che ha parlato di “operazione demagogica” in quanto “con il sistema contributivo chi come me ha nove legislature dovrebbe addirittura aumentare il vitalizio”.

 

tratto da: https://www.silenziefalsita.it/2018/06/29/vitalizi-di-maio-non-si-torna-indietro-mettetevi-lanima-in-pace/

Ricapitoliamo: l’Italia è quel paese dove lo Job Act e la Legge Fornero sono sacrifici responsabili e necessari, mentre l’abolizione dei vitalizi è un attentato allo Stato di Diritto.

 

 

abolizione dei vitalizi

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Ricapitoliamo: l’Italia è quel paese dove lo Job Act e la Legge Fornero sono sacrifici responsabili e necessari,  mentre l’abolizione dei vitalizi è un attentato allo Stato di Diritto.

 

Abolizioni vitalizi, la delibera di Fico. La Casellati frena: “Qualche perplessità”… Mentre la Casta non ci sta: gli Ex deputati in coro, “abolizione dei vitalizi è un attentato allo Stato di Diritto”

Il nuovo governo MS5-Lega ha annunciato il taglio ai famosi vitalizi, le pensioni d’oro percepite dagli ex parlamentari, secondo gli attuali membri dell’esecutivo, in maniera ingiusta.

Molti i consensi nei confronti di questa manovra, ma non sono mancate le parole di condanna. Al di là ovviamente della denuncia della stessa “Casta” (che potete trovare qui sotto), anche la presidente del senato, Elisabetta Alberti Casellati, ha esternato qualche perplessità circa l’annuncio del numero uno della Camera, Fico. L’esponente di Forza Italia, come riportato dall’agenzia Ansa, auspica soluzioni condivise circa la famosa “sforbiciata”, e dice di avere «qualche perplessità sul fatto di poter incidere sui diritti acquisiti». Secondo la Casellati, tagliare i vitalizi: «significa incidere sullo status di persone che magari oggi possono avere anche un’età rilevante e che si trovano improvvisamente ad avere uno stipendio magari inferiore al reddito di cittadinanza».

GLI EX PARLAMENTARI INSORGON: L’ABOLIZIONE DEI VITALIZI È UN ATTENTATO ALLO STATO DI DIRITTO”

Sono pronti a rappresaglie gli ex parlamentari a cui il governo ha previsto di tagliare il vitalizio, la cosiddetta Casta. Come riportato da Il Fatto Quotidiano, è stata indetta quest’oggi una conferenza stampa in cui i privilegiati di cui sopra hanno alzato la voce, esternando le proprie ragioni: «Noi non siamo uguali agli altri, è una vendetta politica, un attacco frontale allo Stato di diritto». Quindi la minaccia ai parlamentari: «L’associazione degli ex ha infatti inviato a tutti i membri dell’Ufficio di presidenza della Camera una diffida stragiudiziale a non approvare la delibera, con la minaccia di un’azione civile e amministrativa per danni rispetto alla quale risponderebbero personalmente e patrimonialmente ciascun membro dell’ufficio di Presidenza, compreso il presidente Roberto Fico». Parole a cui ha prontamente replicato il ministro del lavoro e dello sviluppo economico, Luigi Di Maio, che non si è fatto intimorire ed ha spiegato: «Ho visto che già chi sta minacciando, ma noi a queste minacce siamo abituati dagli ultimi sei anni. Quelli sono privilegi rubati non diritti acquisiti e la smettano con le minacce, è uno schiaffo alla miseria fare ricorsi e protestare perché ti tolgono un vitalizio di 6-7000 euro quando sei stato tre giorni in Parlamento».

M5S – Taglio dei Vitalizi? – Non finisce qui, ecco il “Nuovo Regolamento contro i privilegi della Politica”

M5S

 

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

M5S – Taglio dei Vitalizi? – Non finisce qui, ecco il “Nuovo Regolamento contro i privilegi della Politica”

Il M5S introduce un nuovo Regolamento contro i privilegi della Politica.

Lo hanno fatto sapere i pentastellati con un post pubblicato sul proprio blog ufficiale.

“Nella scorsa legislatura – si legge sul Blog delle Stelle – i parlamentari del MoVimento 5 Stelle hanno restituito oltre 23 milioni di euro finanziando il Fondo per il Microcredito alle imprese e contribuendo a creare più di 16.000 posti di lavoro”.

Nella legislatura 2018-2023 i 5Stelle intendono “fare ancora meglio” e hanno quindi ed è per questo che creato un nuovo Regolamento per il trattamento economico dei portavoce eletti nel Parlamento italiano, nel Parlamento europeo e nei consigli regionali.

Questo regolamento è approvato stato Comitato di Garanzia del MoVimento.

E questo, ha sottolineato il M5S, è solo l’inizio in quanto l’intenzione è quella di estendere la nuova disciplina economica a tutti i politici di tutti i partiti facendola diventare obbligo di legge: questo, scrivono i portavoce 5Stelle, “finalmente gli odiosi privilegi della politica”.

“L’obiettivo – prosegue il post – è lo stesso di sempre, cioè garantire il corretto utilizzo dei soldi pubblici nel rispetto dei contribuenti, ma il nuovo Regolamento ci aiuterà a raggiungerlo con ancora maggiore efficienza”.

Il Movimento 5 Stelle ha anche elencato alcuni punti chiave del Regolamento contro i privilegi della Politica.

Li riportiamo di seguito:

– Taglio delle indennità e dell’assegno di fine mandato
– Rinnovato impegno a superare il privilegio dei vitalizi
– Rinuncia a qualsiasi doppie indennità o rimborsi per altre cariche istituzionali ricoperte
– Trasparente e regolare rendicontazione delle indennità, dei rimborsi e delle spese sostenute per l’organizzazione di eventi M5S e delle spese di mandato per collaboratori, consulenze, altri eventi e convegni.

La cifra che i parlamentari dovranno restituire si aggira attorno ai 2mila euro al mese.

I parlamentari, hanno precisato, potranno trattenere un importo forfettario di 3.000 euro mensili, (2.000 per chi risiede in Provincia di Roma) per le spese di soggiorno, vitto, trasporti e telefoniche.

Il Codacons: Interverremo in Tribunale a sostegno di qualsiasi misura che riduca i vergognosi vitalizi ai parlamentari. Si tratta infatti di un “furto” legalizzato ai danni della collettività che i cittadini non possono più tollerare!

 

vitalizi

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

Il Codacons: Interverremo in Tribunale a sostegno di qualsiasi misura che riduca i vergognosi vitalizi ai parlamentari. Si tratta infatti di un “furto” legalizzato ai danni della collettività che i cittadini non possono più tollerare!

VITALIZI, CODACONS: MISURA SACROSANTA, LA DIFENDEREMO IN TRIBUNALE CONTRO POLITICI CONTRARI

DISUMANE LE PROTESTE DELLA CASTA. SARANNO SCONFITTI DINANZI I GIUDICI

Il Codacons pronto alle barricate legali contro la “casta” che ha già annunciato iniziative contro il taglio dei vitalizi comunicato da Roberto Fico.
“Interverremo in Tribunale a sostegno di qualsiasi misura che riduca i vergognosi vitalizi ai parlamentari – spiega il presidente Carlo Rienzi – Si tratta infatti di un “furto” legalizzato ai danni della collettività che i cittadini non possono più tollerare, e di privilegi inaccettabili pagati con le tasche degli italiani”.
“Le proteste di chi ha minacciato ricorsi sono “disumane” e verranno sconfitte dinanzi ai giudici, dove il Codacons interverrà per difendere un provvedimento non più rinviabile” – conclude Rienzi.

fonte: https://codacons.it/vitalizi-codacons-misura-sacrosanta-la-difenderemo-in-tribunale-contro-politici-contrari/