Un’altro geniale editoriale di Marco Travaglio: I nuovissimi mostri

 

Marco Travaglio

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Un’altro geniale editoriale di Marco Travaglio: I nuovissimi mostri

 

I nuovissimi mostri

Spunti e appunti per una nuova, grande commedia all’italiana a episodi, nella migliore tradizione de I mostri e I nuovi mostri.

Il sindaco da balcone.

Arrestato per corruzione e turbativa d’asta, il sindaco leghista di Legnano Giambattista Fratus è recluso ai domiciliari dal 16 maggio. Non potendo governare con le manette ai polsi, Fratus si dimette, il prefetto lo sospende in base alla legge Severino e commissaria il Comune. Ma il 7 giugno Fratus cambia idea e, mentre il Riesame conferma il suo arresto, ritira le dimissioni e resta sindaco. Vivo compiacimento dalla Lega tutta, a partire dal leader Matteo Salvini: “Conosco Fratus come persona seria, corretta e perbene come Siri, Rixi, Fontana e tanti altri. Se l’ha fatto, vuol dire che si sente assolutamente tranquillo. Fare il sindaco è un mestiere difficile, quindi ha il mio sostegno”.

Cioè, con l’aria di fargli un complimento beneaugurante, lo paragona a due leghisti già condannati, l’uno con patteggiamento definitivo per bancarotta fraudolenta e sottrazione fraudolenta di beni al fisco (Siri), l’altro con sentenza di primo grado per peculato (Rixi). Il guaio è che Salvini è pure ministro dell’Interno, superiore del prefetto che ha sospeso il sindaco per legge. Ora Legnano si ritrova con un commissario legittimo e un sindaco abusivo che però si crede ancora sindaco anche perché – aspetto ancor più interessante – ci crede pure Salvini.

Ora si procederà così. Per motivi pratici, le riunioni di giunta si terranno alternativamente in Comune sotto la presidenza del commissario e nel giardino di casa Fratus sotto la presidenza del sindaco abusivo che, non potendo uscire, parteciperà ai lavori affacciandosi al balcone o alla finestra.

Tiritiritu?

Grande retata in Umbria per concorsi truccati nella Sanità: il 12 aprile arrestati assessori, dirigenti e manager del Pd e indagata la governatrice del Pd Catiuscia Marini (per abuso d’ufficio, rivelazione di segreto d’ufficio, favoreggiamento e falso). Che annuncia subito di non volersi dimettere. Poi il segretario del Pd Nicola Zingaretti la chiama implorando un “gesto di responsabilità”. Allora la Marini si dimette e riunisce il Consiglio regionale, mettendo ai voti le dimissioni. Purtroppo bocciate anche col suo voto. Cioè: prima rassegna le dimissioni nelle sue proprie mani, poi dopo una serrata consultazione con se stessa se le respinge. Zingaretti, quando finalmente riesce a capire l’accaduto, le ritelefona per invocare un secondo “gesto di responsabilità”, possibilmente più responsabile e comprensibile del primo, ma non la trova.

La Marini è ricoverata in ospedale. Di lì annuncia che si ridimetterà eventualmente quando starà meglio. Di solito, per motivi di salute la gente, si dimette: lei invece resta per motivi di salute. Poi si vota: il Pd perde 110 mila voti, in Umbria viene sorpassato dalla Lega e perde pure le Comunali a Perugia. Poi, a danno fatto, il 28 maggio il Consiglio regionale si autoscioglie dopo le dimissioni rassegnate in gran segreto, e stavolta addirittura accolte, dalla Marini. Invece il governatore Pd della Calabria Mario Oliverio, anche lui indagato ma per reati ancor più gravi (corruzione e associazione a delinquere) resta al suo posto. Zingaretti si scorda di chiedergli il “gesto di responsabilità”. Forse pensa che commettere reati più gravi in Calabria sia meno grave che commetterne di meno gravi in Umbria, o che la Calabria non sia in Italia.

I Lotti-zzati.

Non bastando la Marini, Zingaretti si ritrova altri due morti in casa: i deputati renziani Luca Lotti e Cosimo Ferri, che incontrano nottetempo il capocorrente togato Luca Palamara e quattro consiglieri del Csm per scegliere il nuovo procuratore di Roma, che sosterrà l’accusa nel processo Consip contro l’imputato Lotti. I quattro si sospendono dal Csm su richiesta del capo dello Stato per aver parlato con Lotti e Ferri. I quali però restano nel Pd, mentre tutti fischiettano e nessuno fa un plissé. Poi il Fatto domanda in prima pagina: “Ma lo sapete che il caso Csm è targato Pd?”. Zingaretti si accorge che Lotti e Ferri sono del suo partito e convoca Lotti per uno stringente interrogatorio. Ma purtroppo sbaglia le domande. Tipo questa, riportata da Repubblica: “Ti chiedo di spiegare il sodalizio con Palamara” (come se il problema dell’imputato Lotti fosse che frequenta magistrati). La risposta di Lotti aggiunge surrealismo a surrealismo, ton sur ton: “Sono accuse infondate e infamanti, non ho commesso reati, chi mi infanga alla fine ne risponderà”. Dal che si deduce che Lotti tutto può sentirsi dire, anche di essere amico di Renzi, ma non di frequentare magistrati: quello sarebbe un reato infamante e partirebbero le querele. Comunque, spiega, quella con Palamara è “un’amicizia nata sul calcio: abbiamo organizzato partite fra la squadra dei parlamentari e quella dei magistrati”. È la vecchia linea Previti che, accusato di pagare mazzette al giudice Squillante, si difendeva con i “tornei di calcetto al circolo Canottieri Lazio”: funziona sempre.

I renziani accusano Zingaretti di “dimenticare il garantismo” e di essere “manettaro” perché “non c’è nulla di sconveniente a occuparsi di giustizia”. Manca solo che si parli dei primi caldi estivi, pur di scansare il cuore del problema: due deputati del Pd, di cui un imputato dalla Procura di Roma, che scelgono il nuovo capo della Procura di Roma. Alla fine l’intrepido Zingaretti le canta chiare: “Non ho mai dato solidarietà a Lotti”. E ci mancava pure.

La comica finale.

Il vicepresidente renziano del Csm David Ermini, deputato Pd amico di Lotti e Ferri, eletto otto mesi fa dalle correnti dello scandalo (MI e Unicost) e dal laico del Pd con l’astensione di FI, tuona: “Meno potere alle correnti”. Si ride di gusto.

“I NUOVISSIMI MOSTRI” di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano del 8 giugno 2019

Salvini “i miei figli sono 60 milioni di italiani” …E subito si scatena l’ironia del web – Ecco le risposte degli Italiani al neopapà…!

 

Salvini

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

Salvini “i miei figli sono 60 milioni di italiani” …E subito si scatena l’ironia del web – Ecco le risposte degli Italiani al neopapà…!

Nel corso dell’ultimi anno ha detto di esser stato votato da 60 milioni di italiani, di rappresentare il pensiero di 60 milioni di italiani e di combattere le battaglie di 60 milioni di italiani. Già così potrebbe bastare, ma mercoledì dal palco dell’ennesimo comizio elettorale in vista dei ballottaggi (questa volta a Foligno) Matteo Salviniha ‘rivelato’ di essere il padre di 60 milioni di italiani. Forse un po’ troppo. E sui social è nato l’hashtag #60MilioniMenoUno perché, a quanto pare, nessuno vuole essere figlio di Salvini.

Ed è scoppiata l’ilarità… Ecco una serie di risposte dal web. E sono solo quelle ripetibili…

Nella vita, per insultarmi, mi hanno dato del “figlio di” declinato nei modi più diversi e abrasivi. Me ne sono fatto una ragione, e ho incassato. Ma figlio tuo proprio no, eh.

Da oggi userò l’espressione “Sei un figlio di Salvini” come insulto pesante.

Non vorrei creare allarmismi ma a giudicare dalla quantità di coglioni che incontro in giro Salvini un buon 10/20 milioni di figli potrebbe averceli veramente

Salvini: “I miei figli sono 60 milioni di italiani”. E la maggior parte di loro sta pensando che, in fondo, a Luke Skywalker non era andata poi così male

Selfini: “60 milioni di italiani sono figli miei”. Lo ius sòla.

Il problema è che 50 milioni ti schifano nel profondo, ma tranquillo, è sicuramente colpa dei padri precedenti

Salvini mi ha profondamente diffamata. Mi ha dato della “Nipote di puttana”. Lo querelerò.

Ma sbaglio o qui qualcuno avrebbe un disperato bisogno di un po’ di lezioni di educazione civica?? Bell’esempio che dai ai tuoi figli!

ciao @telefonoazzurro, mio padre @matteosalvinimi mi molesta. potete fare qualcosa?

Scopro ora di essere figlia di uno stronzo che lascia morire le persone in mare. Che brutto risveglio!!!

Forse #Salvini è convinto che con 60 milioni di figli gli spettino 49 milioni di euro di assegni familiari.

Comunque io un papà ce l’ho già, caro #Salvini, e ti schifa pure lui – ovviamente.

Non vedo l’ora di essere orfano.

Papà @matteosalvinimi fammi un favore: dammi la mia parte dei 49 milioni che avete truffato allo Stato e vattene a fanculo.

Il capitone ha trovato la giustificazione per i 49 milioni rubati: tengo famiglia.

“La mamma dei cretini è sempre incinta.” Abbiamo scoperto chi è il padre.

Ho detto a mio nonno che serfini è mio padre. Mi ha risposto che lui di puttane se ne ha fatte tante nella sua gioventù, ma ha usato sempre le precauzioni

Mio Padre è morto. E comunque ti schifava da vivo, avrà continuato a schifarti anche da morto ed ora ti schifa ancora di più…!

Ma voi vi fidereste di uno che ha rotto 60 milioni di preservativi?

Salvini assente anche oggi al vertice europeo sui migranti. Non ha trovato 60 milioni di baby sitter con cui lasciarci.

Caro papà, dei #49milioni ci spetterebbe circa 817000€ a testa, sarebbe simpatico anticiparci l’eredità ora. A meno che tu non abbia l’intenzione di morire presto, in quel caso aspetteremmo volentieri.

Se #Salvini ha 60 milioni di figli, quei 49 milioni di euro li ha spesi in pannolini?

Ogni persona che incontri potrebbe essere figlio di #Salvini. Sii gentile sempre.

Mi sedetti dalla parte dei figli di puttana perché da quella dei figli di #Salvini erano già in #60milioni.

Oggi mio figlio mi ha riempito di soddisfazioni: “Papà, devo dirtelo, sei proprio un padre di merda, ma mai quanto #Salvini”

“Devo dare da mangiare a 60 milioni di Italiani” Si ma lasciaci qualcosa, cazzo.

Non ho mai invidiato un orfano, ma c’è una prima volta per tutto …

“Mamma, ti devo parlare”.

Quel cobra con gli occhiali – Che sibilo fa – Me lo prendi papà?

#60MilioniMenoUno grazie, ma non si disturbi. Preferisco orfano

#60MilioniMenoUno togli dal conto anche me. Un padre fascista proprio non lo voglio.

Ma te lo immagini veramente essere figlio di Salvini !?

“Papà” sono lesbica e antifascista!

Preferisco essere allevato da delle scimmie.

Secondo giorno da figlio di #Salvini e già voglio portarlo in un ospizio.

Salvini: “Ho 60 milioni di figli”. E voi ancora prendete per il culo Pamela Prati.

Tuo padre è un ladro? (invia a 60 milioni di italiani)

 

Il fascismo conviene agli italiani perché è nella loro natura e racchiude le loro aspirazioni, esalta i loro odi, rassicura la loro inferiorità. – Uno spietato pensiero di Ennio Flaiano su cui riflettere oggi più che mai…!

 

Ennio Flaiano

 

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Il fascismo conviene agli italiani perché è nella loro natura e racchiude le loro aspirazioni, esalta i loro odi, rassicura la loro inferiorità. – Uno spietato pensiero di Ennio Flaiano su cui riflettere oggi più che mai…!

“Il fascismo conviene agli italiani perché è nella loro natura e racchiude le loro aspirazioni, esalta i loro odi, rassicura la loro inferiorità. Il fascismo è demagogico ma padronale, retorico, xenofobo, odiatore di culture, spregiatore della libertà e della giustizia, oppressore dei deboli, servo dei forti, sempre pronto a indicare negli “altri” le cause della sua impotenza o sconfitta. Il fascismo è lirico, gerontofobo, teppista se occorre, stupido sempre, ma alacre, plagiatore, manierista. Non ama la natura, perché identifica la natura nella vita di campagna, cioè nella vita dei servi; ma è cafone, cioè ha le spocchie del servo arricchito. Odia gli animali, non ha senso dell’arte, non ama la solitudine, né rispetta il vicino, il quale d’altronde non rispetta lui. Non ama l’amore, ma il possesso. Non ha senso religioso, ma vede nella religione il baluardo per impedire agli altri l’ascesa al potere. Intimamente crede in Dio, ma come ente col quale ha stabilito un concordato, do ut des. È superstizioso, vuole essere libero di fare quel che gli pare, specialmente se a danno o a fastidio degli altri. Il fascista è disposto a tutto purché gli si conceda che lui è il padrone, il padre.“

Ennio Flaiano, scrittore italiano, 1910 – 1972

Italia-Grecia del 1934, la partita senza ritorno: le mani del regime fascista sul calcio…!

 

calcio

 

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Italia-Grecia del 1934, la partita senza ritorno: le mani del regime fascista sul calcio…!

Italia-Grecia nel 1934 fu il primo passo “mondiale” della Nazionale di Pozzoverso la conquista della sua prima Coppa del mondo. Una partita con connotazioni politico-sportive interessanti.

LA MACCHINA FASCISTA – Con gli anni’30 del XX secolo il calcio ha ormai raggiunto a livello internazionale un’importanza e un seguito tale da renderlo – come rilevato da Nicola Sbetti – un fenomeno significativo per le relazioni internazionali. Lo comprende molto bene la FIFA che deve fare i conti con l’uso politico del calcio da parte dei vari governi, uno dei quali è proprio quello italiano. Il fascismo, infatti, ne comprende ben presto tutte le potenzialità politiche e da subito inserisce il calcio e lo sport in generale quale “parte integrante del progetto totalitario del regime”. Il passo internazionale decisivo viene compiuto al meeting della FIFA di Zurigo del 1932 quando ufficialmente la candidatura italiana ad ospitare e organizzare la Coppa del mondo diventa effettiva. Marco Impiglia nel suo interessante saggio dedicato alla Coppa del Mondo 1934 bene spiega sul piano squisitamente sportivo quali furono gli “agganci diplomatici” che permisero all’organizzazione italiana di contare su alcuni arbitri controllandoli durante tutta la manifestazione: lo svedese Eklind, lo svizzero Mercet e il belga Baert. Dello svizzero Mercet ne riparleremo a breve perché fu l’arbitro di Italia-Grecia del 25 marzo.

TRA CALCIO E POLITICA – Quella domenica di fine marzo del 1934 non era in programma soltanto la partita tra Italia e Grecia a Milano, ma anche la tornata elettorale in forma plebiscitaria nella quale gli italiani erano chiamati ad esprimersi a favore o contro la lista dei deputati designati dal Gran Consiglio del fascismo. Ovviamente fu un plebiscito a favore di Mussolini e nessuno nel regime voleva correre il rischio che un risultato negativo della Nazionale di calcio offuscasse quello politico. In realtà quel 25 marzo ben oltre dieci milioni di italiani votarono per il regime e non poteva essere diversamente in un’Italia ormai assuefatta al fascismo e in un momento in cui l’antifascismo viveva uno dei suoi momenti peggiori con il collasso della Concentrazione antifascista sorta nella seconda metà degli anni’20 in Francia dagli esuli che si opponevano al regime e che attorno alla Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo raccoglieva esponenti del Partito Repubblicano, di quello Socialista e dei Socialisti riformisti di Turati oltre alla CGIL. Insomma, Mussolini non aveva ostacoli in campo politico e non voleva averne in quello sportivo.  ITALIA-GRECIA, SOLA ANDATA – Il Mondiale italiano doveva essere l’apoteosi del regime a livello internazionale, lo strumento in mano a Mussolini per accrescere il proprio prestigio agli occhi del mondo e nulla sarebbe dovuto andare storto, men che meno era ammissibile l’assenza della Nazionale alla fase finale. Il sorteggio per le qualificazioni fu morbido e all’Italia toccò la Grecia, non certo un’avversaria irresistibile. La qualificazione doveva però essere certa e sicura e così la direzione di quell’incontro venne affidata a Mercet. Svizzero di Lugano, sciolto con la lingua italiana, René Mercet aveva diretto gli Azzurri in parecchie partite e conosceva molto bene Mauro, membro quest’ultimo della Commissione che doveva selezionare gli arbitri per ogni turno della competizione. La sua designazione avrebbe dovuto essere una sorta di “polizza assicurativa” in caso di bisogno. In realtà quel 25 marzo la partita contro i greci a San Siro non ebbe storia, troppo superiore la squadra messa in campo da Pozzo che riuscì agevolmente ad avere la meglio per 4 a 0. Tanto fu rotondo il risultato che non si giocò neppure la gara di ritorno. Sul punto un piccolo giallo storico. Il regolamento per quella edizione della Coppa del mondo prevedeva, come detto, un turno eliminatorio preliminare per ridurre le iscritte a sedici. Il turno eliminatorio era stato strutturato in gruppi da tre e due squadre: in quelli a tre squadre la formula prevedeva un girone all’italiana, mentre in quelli a due le squadre si sarebbero affrontate in una gara in andata e ritorno. Eppure, diversamente da quanto previsto dal regolamento, il ritorno della sfida tra Italia e Grecia non fu mai giocato. Detto, per amor di verità, che anche altri incontri di ritorno non vennero disputati, per alcune fonti il motivo della mancata gara in Grecia fu che, visto il risultato dell’andata, il ritorno non fu ritenuto necessario (!), per altre fonti addirittura già prima le federazioni italiana e greca si erano accordate di giocarsi l’accesso alla fase finale in gare secca in campo italiano. Però per altri ancora il motivo stava nel fatto che alla federazione greca furono donati una sede ad Atene e regalie per un totale di 700.000 dracme. Insomma, non solo si fece in modo di avere un arbitro beneviso, ma si volle azzerare del tutto ogni alea non giocando – ad ogni costo – il ritorno.

Fatto è che quella prima volta contro la Grecia regalò alla Nazionale italiana il pass per la fase finale della Coppa del Mondo, coppa che sarebbe poi stata vinta dai ragazzi di Pozzo nell’estate del 1934 sotto gli occhi di Mussolini.

 

fonte: https://www.calciomercato.com/news/italia-grecia-del-1934-la-partita-senza-ritorno-le-mani-del-regi-79148

Amarcord – 6 giugno 2002, l’annuncio di Silvio Berlusconi della posa della prima pietra del ponte di Messina. Doveva essere pronto nel giro di 6 o 7 anni… La buffonata elettorale di Berlusconi ci è costata 1 miliardo di Euro di penali… E c’è ancora chi vota questo ciarlatano!

 

Silvio Berlusconi

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Amarcord – 6 giugno 2002, l’annuncio di Silvio Berlusconi della posa della prima pietra del ponte di Messina. Doveva essere pronto nel giro di 6 o 7 anni… La buffonata elettorale di Berlusconi ci è costata 1 miliardo di Euro di penali… E c’è ancora chi vota questo ciarlatano!

Dalla cronaca dell’epoca:

Il ministro delle Infrastrutture Pietro Lunardi e quello del Consiglio Silvio Berlusconi annunciano il via alla costruzione del ponte sullo stretto di Messina con posa della prima pietra nel 2004. Costerà 4,5 miliardi di euro e metà dei capitali saranno privati.

Al termine dell’incontro con i vertici della società Stretto di Messina, il primo ministro Berlusconi e quello delle Infrastrutture Pietro Lunardi hanno annunciato nella sala stampa di Palazzo Chigi che il ponte sullo stretto di Messina si farà e che a tutti è richiesto impegno per imprimere un’accelerazione al progetto la cui posa della prima pietra è prevista per il 2004 e il completamento a circa 6 o 7 anni dall’inizio dei lavori. Il costo dell’opera ammonterà a circa 4 miliardi e mezzo di euro, coperti per la metà da capitali privati sebbene il governo sia già all’opera per ridurre la quota a carico dello Stato grazie all’intervento di altri investitori. Sarà il ponte dei primati: lungo 3360 metri e 97mila tonnellate di peso con una struttura da due torri a quattro pilastri di quasi 400 metri. Il ponte ospiterà tre corsie autostradali per ogni senso di marcia su cui si potrà viaggiare al massimo a 90 chilometri orari e due binari ferroviari per treni fino a 130 chilometri orari.

Riportiamo da un nostro vecchio articolo:

Ricordate il Ponte sullo Stretto? Hanno speso 1,2 miliardi (di soldi nostri) per non costruirlo! – Grazie ancora, Silvio.

Lo Stato dovrà spendere più di un miliardo di euro per non realizzare il Ponte sullo Stretto.

A tanto si è arrivati, a conti fatti, a causa di una serie incredibile di provvedimenti suicidi che regaleranno al Consorzio Eurolinkgeneral contractor, uno dei risarcimenti più  alto di tutti i tempi per un’opera non realizzata.

Per evitare questa jattura ci sarebbe una sola alternativa, realizzare il Ponte sullo Stretto, impercorribile perché oggi, a causa della crisi economica, ritornare sulla decisione “definitiva” di rinunciare all’opera non trova alcuno d’accordo.

In tempi non sospetti l’Associazione delle grandi imprese di costruzione (Agi) avvertì in una nota che l’investimento a carico dello Stato previsto per costruire il Ponte sarebbe stato di circa 1,5 miliardi e che “la rinuncia espone al pagamento di indennizzi rilevantissimi – dovuti perché previsti dal contratto – elevando le spese e le perdite a una somma vicina al contributo pubblico necessario a realizzare l’opera”.

Il Consorzio Eurolink si è avvalso di una impresa capofila, la Impregilo, italiana, e due società leader del settore, una spagnola e l’altra giapponese. L’ambasciata spagnola è intervenuta duramente sul governo italiano, richiamandolo al rispetto dei patti stipulati.

Alla fine il costo del ponte che non c’è ha superato il miliardo di Euro…

Ci è costata cara la campagna elettorale del nostro caro Silvio…!

 

Salvini minaccia di togliere la scorta a Saviano, per il Consiglio d’Europa è un’intimidazione!

 

 

Saviano

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Salvini minaccia di togliere la scorta a Saviano, per il Consiglio d’Europa è un’intimidazione!

Il Consiglio d’Europa, l’organizzazione internazionale che si occupa di promuovere la democrazia, i diritti umani, e l’identità culturale europea, punta il dito contro l’annuncio di Salvini, che qualche giorno fa ha detto di voler togliere la scorta al giornalista Roberto Saviano: “È un’intimidazione attribuibile allo Stato”.

L’intenzione del vicepremier Matteo Salvini di togliere la scorta al giornalista Roberto Saviano, come ha annunciato lo stesso ministro degli Interni in un video postato su Facebook il 29 maggio, è stata aggiunta oggi alle ‘allerte’ pubblicate sulla piattaforma per la protezione dei giornalisti del Consiglio d’Europa.

Il caso, secondo l’organizzazione internazionale che si occupa di democrazia, diritti umani, e di identità culturale europea, è stato indicato come “intimidazione attribuibile allo Stato”, ed è stato inserito tra quelli di massima pericolosità per l’incolumità dei giornalisti. Nel video della diretta si vede Salvini mandare un bacio, pronunciando queste parole: “Un bacione a Saviano. Sto lavorando a una revisione dei criteri per le scorte che impegnano ogni giorno in Italia più di duemila lavoratori delle forze dell’ordine”, aveva annunciato il vicepremier leghista.

Nel testo del Consiglio d’Europa si evidenzia che “questa non è la prima volta che Salvini minaccia Saviano di togliere la protezione della polizia”. Il precedente a cui fa riferimento è una dichiarazione del 2017 in cui il vicepremier affermava di aver “valutato se ci fosse un qualche rischio” che giustificava le misure di sicurezza per Saviano “in modo da controllare dove andavano i soldi degli italiani”.

L’organizzazione internazionale ha ricordato come Saviano sia “sotto costante scorta della polizia dal 2006, dopo aver pubblicato il libro ‘Gommora’, denunciando le pratiche della camorra, la mafia napoletana”.

fonte: https://www.fanpage.it/salvini-minaccia-di-togliere-la-scorta-a-saviano-per-il-consiglio-deuropa-e-unintimidazione/
http://www.fanpage.it/

Nobile gesto di un leghista: Lei in carrozzina protesta contro Salvini, lui le strappa il manifesto urlando “sei handicappata” …dimostrandole così in modo tangibile e inequivocabile che l’handicap fisico è proprio l’ultimo dei problemi…!

 

leghista

 

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Nobile gesto di un leghista: Lei in carrozzina protesta contro Salvini, lui le strappa il manifesto urlando “sei handicappata” …dimostrandole così in modo tangibile e inequivocabile che l’handicap fisico è proprio l’ultimo dei problemi…!

È successo a Mantova: la denuncia è di Valentina Tomirotti, 36enne affetta da displasia diastrofica

Un’altra inqualificabile, assurda storia di discrinazione a stampo leghista quella che viene da Mantova ed è denunciata da Valentina Tomirotti, 36enne affetta da displasia diastrofica che, dopo il comizio di Salvini in piazza, aveva esposto un manifesto con scritto “Hai rotto i barconi”, che faceva compagnia ad altri due cartelli con scritto: “La libertà è partecipare, non sottomettere” e “saremo le mosche nella tua minestra”.
La protesta, pacifica e silenziosa, non è piaciuta a un anziano sostenitore di Salvini, che come raccontato dalla stessa Tomirotti ha strappato il cartello sotto la carrozzina della donna e poi le ha urlato contro: “sei handicappata”.
La polizia, presente sul posto, ha allontanato il leghista ma, come racconta la stessa ragazza, non le hanno chiesto come stesse: “non posso accettare che una rimostranza pacifica non venga accettata. Qual era il suo problema? Non mi ha ferito tanto la frase, ci sono abituata, quanto il gesto di strappare quel cartello”.

Ma, cara Valentina, prendila così: ora hai la prova che il Tuo handicap non è affatto dei peggiori…

Noi Ti stiamo vicini e possiamo dire quello che la Tua educazione e signorilità ti ha impedito di dire: quel leghista è una MERDA!

By Eles
Qui il tweet ed il video di Valentina

Mujica: Bisogna eleggere chi difende le politiche sociali – “il desiderio di denaro deve stare lontano da chi aspira al potere”

Mujica

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

Mujica: Bisogna eleggere chi difende le politiche sociali – “il desiderio di denaro deve stare lontano da chi aspira al potere”

L’ex presidente uruguayano ha affermato che «il desiderio di denaro deve stare lontano da chi aspira al potere»

L’ex presidente dell’Uruguay, José “Pepe” Mujica, ha dichiarato che le persone devono votare «per coloro che ritengono come proprie le conquiste sociali».

«Non bisogna eleggere chi ama troppo il denaro, ma chi ritiene come propria le conquiste sociali, chi vede la politica come una funzione di carattere collettivo», queste le parole del senatore uruguayano rilasciate in occasione di un forum dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro, in Cile.

Mujica ha poi aggiunto che «il desiderio di denaro deve stare lontano da chi aspira al potere».

Parole come sempre profonde e non banali quelle pronunciate dall’ex presidente dell’Uruguay che ha ribadito ancora una volta di sentirsi profondamente «latinoamericano». Una lezione che dovrebbe essere appresa da tanti dirigenti politici che sfruttano la propria posizione solo per accumulare ricchezze mentre i popoli languono nella fame più nera.

Fonte: teleSUR

Salvini avverte Saviano: “Stiamo rivedendo i criteri per l’assegnazione delle scorte”. D’altra parte è del tutto inutile impiegare 2000 agenti per la sicurezza di chi combatte le mafie, quando ci sono tutti quegli striscioni da staccare…

 

.  SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti  .  .

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Salvini avverte Saviano: “Stiamo rivedendo i criteri per l’assegnazione delle scorte”. D’altra parte è del tutto inutile impiegare 2000 agenti per la sicurezza di chi combatte le mafie, quando ci sono tutti quegli striscioni da staccare…

Matteo Salvini “avvisa” di nuovo Roberto Saviano: “Sto rivedendo l’assegnazione delle scorte”

Matteo Salvini torna ad affermare la volontà di “rivedere i criteri per l’assegnazione delle scorte che impegnano gli uomini e le donne delle forze dell’ordine”. Nessuna ragione politica, ci tiene a precisare il ministro, spiegando che non si interverrà sui casi personali ma “ci saranno criteri oggettivi per verificare chi corre un rischio e chi no”.

Intanto però manda un bacione a Roberto Saviano.

“Un bacione a Saviano. Sto lavorando, insieme a tutti gli uomini del ministero dell’Interno e della polizia di Stato anche per la revisione dei criteri per le scorte che impegnano ogni giorno in Italia più di 2.000 donne e uomini delle forze dell’ordine”: così il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, annuncia di voler rivedere i criteri che determinano l’assegnazione della protezione personale in una diretta Facebook.

E il capitano ha ragione!

Sapete quanto ci costano 2000 agenti impegnati a difendere 4 deficienti che non hanno niente di meglio da fare che andare a rompere le palle alle mafie?

…E poi, con tutti quegli striscioni da tirare giù! Quella sì che è emergenza.

Forza Capitano, non ti fermare, siamo tutti con TE…!

 

By Eles

 

Ricordiamo le parole di Piercamillo Davigo: “I politici non hanno smesso di rubare, hanno solo smesso di vergognarsi”

 

Davigo

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Ricordiamo le parole di Piercamillo Davigo: “I politici non hanno smesso di rubare, hanno solo smesso di vergognarsi”

Ricordiamo le dure parole di Davigo. Era circa un anno e mezzo fa…

I politici “non hanno smesso di rubare; hanno smesso di vergognarsi. Rivendicano con sfrontatezza quel che prima facevano di nascosto. Dicono cose tipo: “Con i nostri soldi facciamo quello che ci pare”..

Ma non sono soldi loro; sono dei contribuenti”.

Lo afferma al Corriere della Sera,Piercamillo Davigo, presidente dell’Anm, spiegando che “prendere i corrotti è difficilissimo. Nessuno li denuncia, perché tutti hanno interesse al silenzio: per questo sarei favorevole alla non punibilità del primo che parla. Il punto non è aumentare le pene; è scoprire i reati. Anche con operazioni sotto copertura”.

Alla domanda se quindi si ruba più di prima, Davigo spiega: “Si ruba in modo meno organizzato.  La corruzione è un reato seriale e diffusivo: chi lo commette, tende a ripeterlo, e a coinvolgere altri. Questo dà vita a un mercato illegale, che tende ad autoregolamentarsi: se il corruttore non paga, nessuno si fiderà più di lui. Ma se l’autoregolamentazione non funziona più, allora interviene un soggetto esterno a regolare il mercato: la criminalità organizzata“.

Dopo Mani Pulite, prosegue Davigo, “hanno vinto i corrotti, abbiamo migliorato la specie predata: abbiamo preso le zebre lente, le altre sono diventate più veloci”.

A fermare quel pool “cominciò Berlusconi, con il decreto Biondi; ma nell’alternanza tra i due schieramenti, l’unica differenza fu che la destra le fece così grosse e così male che non hanno funzionato; la sinistra le fece in modo mirato. Non dico che ci abbiano messi in ginocchio; ma un pò genuflessi sì”.

Il governo Renzi? “Fa le stesse cose – dice Davigo -. Aumenta le soglie di rilevanza penale. Aumenta la circolazione dei contanti, con la scusa risibile che i pensionati non hanno dimestichezza con le carte di credito”.