Meloni: “Se governeremo licenzieremo il direttore del Museo Egizio di Torino” … ennesima cazzata ad uso dei fessi che ci credono: il direttore del Museo Egizio non può in alcun modo essere licenziato dal governo!

Meloni

 

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Meloni: “Se governeremo licenzieremo il direttore del Museo Egizio di Torino” … ennesima cazzata ad uso dei fessi che ci credono: il direttore del Museo Egizio non può in alcun modo essere licenziato dal governo!

 

Da Twitter:

Meloni: “Se governeremo licenzieremo il direttore del Museo Egizio di Torino” …ce l’ha ancora con lui per quella volta che la chiuse dentro scambiandola per una munnia…

Perché il direttore del Museo Egizio non può in alcun modo essere licenziato dal governo

La presunta proposta di licenziamento del direttore del Museo Egizio avanzata da Fratelli d’Italia, reo di aver introdotto una serie di sconti dedicati ai visitatori di origine araba, sta creando un’accesissima polemica. Christian Greco, però, è stato nominato direttore del museo torinese dopo aver vinto un bando internazionale e la gestione del Museo Egizio è di competenza di una fondazione di diritto privato, dunque la sua ipotetica e presunta rimozione da parte di un futuro governo di centrodestra sarebbe impossibile.

La polemica scaturita dalla presunta proposta relativa al licenziamento del direttore del Museo Egizio di Torino, Christian Greco, reo di aver introdotto una serie di sconti per i visitatori di arabi, sta continuando a tenere banco sul Web e sui social. Nella mattinata di sabato 10 febbraio, Giorgia Meloni ha pubblicamente protestato contro l’iniziativa di Greco proprio sotto i locali del Museo Egizio e l‘iniziativa ha costretto il direttore a scendere in strada per spiegare alla presidente di Fratelli d’Italia in cosa consistesse davvero l’iniziativa. Nonostante le spiegazioni, però, Giorgia Meloni non ha cambiato idea e ha continuato a bollare l’iniziativa come discriminatoria nei confronti dei visitatori italiani. Nel corso della giornata di domenica 11 febbraio, però, l’agenzia di stampa Ansa ha battuto una notizia nella quale si sosteneva che il responsabile della comunicazione di Fratelli d’Italia, Federico Mollicone, avesse dichiarato l’intenzione di rimuovere il direttore Greco dal proprio incarico una volta al governo: “Una volta al governo Fratelli d’Italia realizzerà uno dei punti qualificanti del proprio programma culturale che prevede uno spoil system automatico al cambio del ministero della Cultura per tutti i ruoli di nomina, in modo da garantire la trasparenza e il merito, non l’appartenenza ideologica”.

La notizia ha scaturito un vero e proprio polverone e in seguito è stata smentita sia dallo stesso Mollicone che da Giorgia Meloni. “Non ho mai scritto di voler cacciare il Direttore Greco del Museo egizio, è semplicemente una fake news costruita ad arte da alcune agenzie che già avevano battuto la mia dichiarazione in modo corretto. Per il resto, criticare una scelta gestionale di un direttore il cui stipendio è pagato sì da una Fondazione, ma il cui fondatore principale è sempre il Mibact, ritengo sia ancora permesso in una nazione libera. Il mio intervento era contro l’appello dei Comitati scientifici del Mibact, che invece di esprimere pareri culturali interferiscono con la campagna che lo ha difeso”, ha dichiarato Mollicone, mente la presidente Meloni ha spiegato: “Quella secondo cui Fratelli d’Italia intende rimuovere il direttore del Museo Egizio di Torino “è una bufala inventata dalla stampa”. Anche se l’iniziativa degli sconti per gli arabi “è un’iniziativa stupida, un’iniziativa ideologica e discriminatoria contro gli italiani e verso gli altri immigrati, e ancora più stupido è il fatto che Renzi oggi chiami il direttore che guadagna 10mila euro al mese e non abbia ritenuto di chiamare il carabiniere che ne guadagna 1.200 pestato dai suoi amici dei centri sociali”.

Perché nessun governo potrebbe rimuovere il direttore del Museo Egizio
Il direttore del Museo Egizio, però, non potrebbe essere rimosso in alcun modo dal governo, perché un suo ipotetico “licenziamento” non sarebbe nelle competenze dell’Esecutivo. Christian Greco, infatti, è stato nominato direttore dopo aver vinto un bando pubblico internazionale – battendo altri 106 concorrenti – e il Museo Egizio, per di più, è attualmente gestito dalla Fondazione Museo delle Antichità Egizie e nel Cda della fondazione di diritto privato fanno parte le amministrazioni locali dal comune di Torino, la Regione Piemonte, la Compagnia di San Paolo, la Fondazione CRT e un solo posto spetta al ministero dei Beni culturali. Per questo motivo il governo non può quindi in alcuna maniera intervenire direttamente sull’eventuale rimozione del direttore del Museo Egizio, come paventato nell’iniziale agenzia Ansa.

Christian Greco è alla guida del Museo Egizio dal 2014, primo e unico under 40 divenuto direttore di uno dei più importanti poli museali italiani in giovane età. Il Museo Egizio attualmente risulta tra i primi dieci musei italiani e sotto la gestione Greco è passato dai 772.934 visitatori del 2015 agli 845.237 del 2017.

 

tratto da: https://www.fanpage.it/perche-il-direttore-del-museo-egizio-non-puo-in-alcun-modo-essere-licenziato-dal-governo/

 

Epic fail di Giorgia Meloni – Non perde l’occasione per speculare sulla tragedia delle Foibe, ma posta una foto che racconta l’esatto contrario: un plotone di fascisti che ammazza civili sloveni!

 

Giorgia Meloni

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Epic fail di Giorgia Meloni – Non perde l’occasione per speculare sulla tragedia delle Foibe, ma posta una foto che racconta l’esatto contrario: un plotone di fascisti che ammazza civili sloveni!

Epic di Giorgia Meloni sulle foibe. Oggi, 10 febbraio, Giorno del Ricordo dedicato alla memoria delle vittime delle foibe, la presidente di Fratelli d’Italia ha deciso pubblicare un’immagine che testimonia il contrario di quello che voleva celebrare: ha infatti postato la foto di un plotone italiano che ammazza alcuni sloveni ma in realtà oggi si ricordano tutti gli italiani caduti proprio per la follia del regime di Tito.

La fotografa fu scattata a Dane il 31 luglio del 1942, come spiega il Corriere della Serache ha ricostruito l’origine della foto, le cinque vittime sono Franc Znidarsic, Janez Kranjc, Franc Skerbec, Feliks Znidarsic e Edvard Skerbec.

Lettera di un cittadino di Como al sindaco che ha VIETATO di distribuire latte caldo ai senza dimora che sono SOPRAVVISSUTI ad una gelida notte d’inverno.

 

Como

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Lettera di un cittadino di Como al sindaco che ha VIETATO di distribuire latte caldo ai senza dimora che sono SOPRAVVISSUTI ad una gelida notte d’inverno.

L’avete guardatela bene? Questa bella faccia sorridente è quella del sindaco di Como, Mario Landriscina, sostenuto da Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d’Italia, che ha VIETATO di DISTRIBUIRE LATTE CALDO ai SENZA DIMORA che SONO SOPRAVVISSUTI ad una GELIDA NOTTE D’INVERNO.

Loro dignità non ne hanno. Abbiatene voi quando andrete a votare!

Da Fanpage.it:

Lettera al sindaco di Como che ha vietato di distribuire latte caldo ai senza dimora

Caro sindaco, le ordinanze che vietano il latte caldo la mattina, a chi è sopravvissuto a una notte d’inverno, mi tolgono la voglia di comprare e un po’ anche quella di vivere. La sua ordinanza è la più grande mancanza di decoro per chi voglia, ancora oggi, provare a specchiarsi nell’umanità.

Caro sindaco di Como Mario Landriscina,
ho letto la sua ordinanza, con la quale ha multato chi chiedeva l’elemosina e sequestrato i ferri della loro disturbante attività: cappelli e cartoni. Me la immagino, la polizia municipale a redigere il verbale per il sequestro di un barattolo di latta, vuoto.

Pasolini ci avrebbe fatto un film, io le scrivo una lettera.

Ho saputo che con la sua ordinanza è stato impedito a un gruppo di volontari, il “Gruppo colazione” – che il pericolo si evince già dal nome – di distribuire latte caldo ai clochard. Ho saputo anche che i sovversivi del latte non si limitavano a quello, ma ogni tanto distribuivano ai barboni pure dei dolcetti.

L’ordinanza, lei ha detto, resterà in vigore solo durante il Natale e serve per la “tutela della vivibilità e il decoro del centro urbano”, che favorirebbe il commercio.

Onestamente, io non so se senza poveri in giro la gente compri più volentieri.
Io non so, ad esempio, se senza poveri aumenterebbe la mia voglia di pizza, oppure se i poveri mi tolgono la fame.
Io non so se senza poveri a giro mi convincerei più facilmente a cambiare auto, comprare una borsa nuova, investire in un paio di scarpe di marca.
Io non lo so, e onestamente non mi interessa.

Però di una cosa sono sicuro: le ordinanze che colpiscono i poveri, invece della povertà, mi aggrovigliano lo stomaco e rendono la digestione difficoltosa.
Io so che le ordinanze che vietano il latte caldo la mattina, a chi è sopravvissuto a una notte d’inverno, mi tolgono la voglia di comprare, e un po’ anche quella di vivere.
Io so che chi gioca con il potere, per compiacere altri poteri, è una mancanza di decoro peggiore di qualsiasi coperta di lana tirata sopra le gambe fredde, nel cuore della notte.

Io non so, caro sindaco, se la storia di Gesù bambino, della capannuccia e della stella cometa sia del tutto vera, se sia andata proprio in quella maniera. Ogni tanto me lo chiedo. Però sono abbastanza certo che famiglie di disperati costretti ai margini ci siano sempre state, e che la colpa sia sempre stata di qualche Erode, che continuava la persecuzione degli ultimi della fila anche una volta ricacciati sotto i ponti ed esiliati dentro le capannucce.

Caro sindaco, le auguro un pranzo di Natale sovversivo, fatto di latte caldo e occhi che le consentano di inciampare nella bellezza del mondo, riconoscendo innanzitutto la distinzione fra condizione e persona.

tratto da: https://www.fanpage.it/lettera-al-sindaco-di-como-che-ha-vietato-di-distribuire-latte-caldo-ai-senza-dimora/