Il caso Venezuela: l’unica dittatura nella storia mondiale dove si è votato 29 volte in 20 anni e dove l’opposizione manifesta una volte al mese… Ma ha il petrolio che piace tanto, ma proprio tanto agli Stati Uniti…!

 

Venezuela

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Venezuela. Roma crocevia diplomatico e della mobilitazione solidale

Il caso Venezuela: l’unica dittatura nella storia mondiale dove si è votato 29 volte in 20 anni e dove l’opposizione manifesta una volte al mese… Ma ha il petrolio che piace tanto, ma proprio tanto agli Stati Uniti…!

Ieri il plenipotenziario di Trump per il Venezuela, Elliott Abrams, ha fatto tappa a Roma accompagnato dal vicesegretario di Stato Cristopher Robinson per un riservatissimo incontro con il viceministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov.

Ma prima di vedere la delegazione russa, “l’uomo nero” di molte amministrazioni Usa , ha incontrato anche Pietro Benassi, consigliere diplomatico del Presidente del consiglioGiuseppe Conte, insieme ad alti funzionari della Farnesina. L’Italia infatti fino ad ora non si è arruolata nell’elenco di 53 Stati (meno di un terzo di quelli riconosciuti dall’Onu, ndr) chehanno riconosciuto il golpista Juan Guaidó come presidente ad interim del Venezuela. “Certo, con l’Italia c’è un disaccordo di fondo, perché il governo italiano non ha ancora riconosciuto Guaidó” ha affermato Elliot Abrams, “Dagli incontri avuti ieri – dice l’inviato di Trump – posso dire che sono più i punti di incontro che le divisioni”. Di negoziati con la Russia sulla situazione in Venezuela Abrams afferma invece di non volerne sentir parlare.

Intanto sulla solidarietà con il Venezuela bolivariano, anche in Italia si va configurando una proposta di mobilitazione nazionale nelle prossime settimane. Sabato 23 marzo a Roma, ci sarà una riunione nazionale convocata dalla pluralità delle organizzazioni che stanno dando vita al Forum Venezuela come ambito di iniziativa ampia per tutti coloro che riconoscono il diritto all’autodeterminazione del popolo venezuelano, ripudiano ogni intervento militare ostile contro quel paese e invocano la fine delle sanzioni adottate da Usa e Unione Europea.

All’ordine del giorno della riunione la proposta di una manifestazione nazionale a Roma per il prossimo 13 aprile. Su questo obiettivo è stata elaborata una proposta di appello nazionale che verrà discussa ed eventualmente sottoscritto nella riunione nazionale del 23 per poter passare alla fase organizzativa della manifestazione.

Qui sotto il testo dell’appello proposto alla discussione:

Lanciamo un appello a scendere in piazza a Roma sabato 13 aprile affinchè il governo italiano e l’Unione Europea pongano fine alle sanzioni, rifiutino ogni complicità con un intervento militare e cessino ogni ingerenza sul processo politico ed elettorale sovrano del Venezuela.

Stiamo chiedendo a molte e a molti nel nostro paese di prendere parte contro ogni ingerenza esterna e di rispettare il diritto all’autodeterminazione di un paese e di un popolo.

Il governo venezuelano si è mosso finora in rispetto della Costituzione di cui quel paese si è dotato e sulla quale il popolo ha votato, un processo monitorato e certificato come regolare da moltissimi osservatori internazionali e neutrali.

Negli ultimi venti anni, gli Stati Uniti hanno cercato più volte di rovesciare il governo venezuelano, attuando con tentativi di colpo di stato, con una feroce guerra economica che colpisce la popolazione, assoldando mercenari e miliziani all’esterno e all’interno del paese.

Come in ogni altra guerra o aggressione alle quali abbiamo dovuto assistere in questi anni, è stato messo in campo un impressionante apparato massmediatico di disinformazione e manipolazione delle notizie, teso a legittimare un intervento militare o le ingerenze esterne sul Venezuela. Il risultato è un umiliante panorama informativo al quale si piegano acriticamente anche i mass media nel nostro paese.

Ma la destabilizzazione del Venezuela non vuole solo riportare all’indietro la storia di quel paese e dell’America Latina progressista, sarebbe anche la sanzione del ritorno del dominio degli Stati Uniti su quello che arbitrariamente considerano il loro cortile di casa, una egemonia che venti anni di processi e governi progressisti, popolari, democratici hanno spezzato e che adesso Washington e la destra latinoamericana vorrebbero restaurare.

L’Unione Europea e il governo italiano non devono prestarsi alla complicità con questa restaurazione, tolgano le sanzioni e rispettino il processo politico ed elettorale che si è dato e si darà il Venezuela.

In passato troppe volte la loro subalternità agli interessi strategici degli Stati Uniti è stata causa del coinvolgimento in guerre e tragedie: dall’Iraq all’Afghanistan, dalla Somalia alla Jugoslavia, dalla Libia alla Siria.

La manifestazione del 13 aprile a Roma, l’appello che abbiamo lanciato agli artisti e al mondo della cultura, la lotta che abbiamo ingaggiato contro la manipolazione massmediatica chiedono un radicale cambiamento di atteggiamento. Per questo chiediamo di scendere in piazza per:

  • La fine delle sanzioni contro il Venezuela
  • Il rifiuto di qualsiasi intervento militare
  • Il rispetto del diritto del popolo venezuelano a decidere autonomamente il suo processo elettorale

Forum Venezuela

 

tratto da: http://contropiano.org/news/politica-news/2019/03/20/venezuela-roma-crocevia-diplomatico-e-della-mobilitazione-solidale-0113625?fbclid=IwAR0CjFxA9dYhTb869rYOF7Yl-8TuW5hwzRVq6z49jDbpvKciea55beGGScM

Il Venezuela di Maduro? Il 70% del PIL va in spesa sociale (in Italia siamo sotto il 14%) – Questa e tutte le altre verità sul dittatore (eletto democraticamente con il 68% dei voti) che gli autoploclamati padroni del mondo americani vogliono deporre a tutti i costi…!

 

Maduro

 

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

 

Il Venezuela di Maduro? Il 70% del PIL va in spesa sociale (in Italia siamo sotto il 14%) – Questa e tutte le altre verità sul dittatore (eletto democraticamente con il 68% dei voti) che gli autoploclamati padroni del mondo americani vogliono deporre a tutti i costi…!

Più che il solo petrolio: perché gli Usa hanno fretta con il Venezuela

Intervistato da The Wall Street Journal, il golpista Juan Guaidò ha dichiarato di non credere che Russia e Cina siano veramente dalla parte di Nicolas Maduro: “Essi semplicemente difendono i propri investimenti in Venezuela. A poco a poco però cominceranno a capire che Maduro non può offrire loro né stabilità, né garanzie”.

Appena un paio di giorni fa, la Tass riferiva che il portavoce presidenziale russo Dmitrij Peskov, commentando le notizie diffuse da Bloomberg secondo cui Mosca comincerebbe a dubitare della necessità di continuare a sostenere il presidente venezuelano, aveva ribadito che la “posizione del Cremlino riguardo l’appoggio a Maduro non è cambiata”. Inoltre, smentendo indirettamente voci su presunti piani russi per una operazione come quella che nel 2014 aveva sottratto il presidente ucraino Viktor Janukovich al sicuro linciaggio da parte delle bande naziste, Peskov aveva detto anche che il Cremlino “non sta allestendo alcuna operazione per l’evacuazione del presidente Nicolas Maduro dal Venezuela”, sottolineando “l’inammissibilità di qualsiasi interferenza dall’esterno e le possibili conseguenze catastrofiche di qualsiasi intromissione di forza da parte di paesi terzi”.

Intromissione che, però, nella stessa intervista, Guaidò dà praticamente come certa: “l’intervento militare può essere la forma più efficace di pressione” per costringere “il dittatore ad andarsene” e per la quale il Ministero degli esteri russo afferma di disporre di informazioni secondo cui Washington avrebbe già preso la decisione, pianificando bombardamenti aerei su diverse aree del paese.

Dylan Malyasov scrive poi su Defence Blog che “il Venezuela ha 90 giorni di tempo. È stato diramato l’ordine per la preparazione di attacchi aerei sui principali centri militari e politici del paese, su basi di difesa aerea e forze navali. Contemporaneamente, avanzeranno truppe di terra dalla Colombia”.

In tale situazione, non priva di spunti originali sembra l’analisi condotta da Ruslan Khubiev sulla russa iarex.ru. [nota: con il termine di “rivoluzionari” si intendono i golpisti]

*****

Più che il solo petrolio: perché gli USA in realtà hanno fretta con il Venezuela

Il mondo dell’uomo moderno è fatto di informazioni che gli vengono trasmesse. Si può essere ovunque, senza varcare la soglia di casa; ma, in tal caso, si deve guardare il mondo con gli occhi degli altri: attraverso gli occhi dei media occidentali, della stampa e soprattutto della propaganda anglosassone.

Nicolas Maduro, presidente venezuelano in carica, dal 2013 ha messo a disposizione circa 1.500.000 di case gratuitamente, ma i media occidentali lo accusano ostinatamente di “gettare la gente in strada”. Caracas, da città delle favelas, si è trasformata in una megalopoli pacifica e tranquilla, ma ciò non impedisce ai media americano-britannici di calunniare il “regime” di connivenza col crimine.

Le merci, importate nel paese dagli Stati Uniti, vengono vendute in Venezuela a prezzi dieci volte più bassi e la differenza di prezzo è coperta dalle sovvenzioni governative. Tre quarti del bilancio del paese sono destinati a investimenti nella sfera sociale, ma la stampa occidentale continua a sostenere che Maduro sottrae redditi alla popolazione.

Il paese ha sempre acquistato prodotti agricoli, principalmente dagli Stati Uniti, in cambio dell’oro nero. Con l’embargo, le sanzioni e il blocco economico, Washington rifiuta anche di vendere prodotti alimentari, ma ciononostante la stampa incolpa di tutto Caracas. Secondo il suo tipico modo, la propaganda anglo-sassone si erge a portavoce dell’ostilità rivoluzionaria, ma non è chiaro come si spieghi tanta fretta.

La società venezuelana è divisa in due. Nel 2016, l’opposizione neoliberale ha vinto le elezioni agli organi legislativi. I prezzi del petrolio, a causa della guerra fredda tra Stati Uniti e Russia sono bruscamente calati, mentre la Casa Bianca diramava una risoluzione in cui si parlava di una “eccezionale minaccia” da parte del Venezuela.

A metà dell’anno scorso, a questi problemi si è aggiunta una grave siccità, nonostante il fatto che il 70% dell’elettricità del paese sia generata da grandi centrali idroelettriche. Subito dopo, l’opposizione venezuelana è stata invitata negli Stati Uniti e la situazione ha cominciato a peggiorare.

L’atmosfera di disinformazione, intensificata dall’Occidente, ha portato confusione persino tra gli amici della repubblica, mentre i “rivoluzionari” si riempivano di così tanto coraggio da dare a Maduro esattamente 6 mesi di vita. L’opposizione ha iniziato a preparare sabotaggi, danneggiamenti elettrici, interruzioni dell’acqua potabile, mentre le sovvenzioni alimentari venivano utilizzate per il mercato nero.

Le persone venivano spinte a vendere i prodotti sovvenzionati agli speculatori che, a loro volta, li commercializzavano massicciamente per l’esportazione. In altre parole, il Venezuela veniva intenzionalmente e artificialmente dissanguato, perdendo flussi di dollari, subiva il sabotaggio interno, il blocco americano e il ricatto.

Come è dunque che gli Stati Uniti non hanno raggiunto lo scopo? Il fatto è che mentre sui media l’opposizione celebrava la vittoria, la leadership del Venezuela stabiliva nel 2017 un nuovo record. Per la prima volta nel mondo, gli investimenti sociali superavano il 70%. Vale a dire che circa tre quarti del bilancio statale venivano indirizzati ai bisogni sociali. In un anno, la popolazione ha ricevuto gratuitamente 359.000 edifici residenziali nuovi e 335.000 ristrutturati; i servizi sanitari gratuiti sono aumentati di 10 volte: e questa è solo una parte delle misure adottate dal governo.

Nel momento critico, è intervenuta la Russia, con lo storico accordo dell’OPEC+. La diplomazia russa ha riportato il prezzo a un livello accettabile, il che ha contribuito in buona parte a salvare il Venezuela, accollatosi un corso sociale molto pesante.

Nel maggio 2018, poi, gli USA si sono sentiti offesi nei loro migliori sentimenti. Per anni Washington ha cercato di persuadere il mondo che il socialismo possa arrivare al potere solo sulle baionette della rivoluzione, ma nessuno lo sceglierebbe per via democratica. Ciononostante, alle elezioni dello scorso anno, a dispetto dell’opposizione, è avvenuto proprio questo. Il “dittatore” Maduro ha ottenuto il 68% dei voti. In qualsiasi altra “democrazia” occidentale sarebbe stato considerato un grande trionfo, ma la Casa Bianca ha intravisto nuove opportunità nel restante 32%.

Disgraziatamente, in gran parte è stato lo stesso Maduro a permettere che ciò avvenisse, essendosi confermato al potere per mezzo di un aperto voto democratico. Il leader venezuelano ha aggirato il normale stadio dell’epurazione rivoluzionaria delle élite, cosa che Hugo Chavez a suo tempo non ha mai fatto. Come risultato, il neo-eletto presidente è rimasto uno contro uno di fronte alla crisi economica, al doppio sistema di conversione valutaria, al mercato nero e, soprattutto, con solo il 15-20% di economia nazionalizzata, mentre il restante 80% del patrimonio del paese rimaneva in mano all’impresa privata e all’opposizione.

Sono proprio queste “mani” che ora spingono al colpo di stato, con gli americani che li usano per indirizzare la protesta. Formalmente, al Venezuela si oppone un parlamento di opposizione, disciolto per violazione delle norme costituzionali e non riconosciuto nel paese; tuttavia, in realtà,il problema principale di Caracas è la guerra economica totale con l’America.

Il 90% delle esportazioni venezuelane è costituito dal petrolio “pesante” – una sostanza altamente viscosa, che non scorre attraverso le tubazioni e che perciò deve essere diluita prima di venir esportata. Nel passato, per superare il problema, per anni i giacimenti sono stati dati in concessione ad altri stati, col risultato che, attraverso questo “giro”, gli Stati Uniti ottenevano un ventaglio di opportunità. Contro la PDVSA, la compagnia gas-petrolifera venezuelana e principale importatore degli additivi necessari al paese, sono state imposte pesanti sanzioni. La nafta, ottenuta dalla distillazione del petrolio, era fornita dagli Stati Uniti e, senza di essa, era impossibile liquefare e trasportare la materia prima attraverso le condotte.

Washington lo sa perfettamente e sa anche che senza le entrate petrolifere non si sarebbero potuti adempiere gli estesi impegni sociali; perciò, insieme al blocco delle petroliere nel Golfo del Messico, scientemente si è dato luogo contro Caracas a un deficit di “olii combustibili”. In altre parole, l’America, nel suo “sincero” desiderio di “aiutare” il Venezuela, ha fatto di tutto affinché i problemi del popolo venezuelano aumentassero.

Non bisogna dimenticare che la seconda metà del gioco degli anglosassoni è incentrata sul fatto che il Venezuela è una società estremamente polarizzata. Manca nel paese una classe media, mentre lo strato dei ricchi è nettamente separato dalla maggioranza dei cittadini comuni. Con Chavez e Maduro, milioni di persone della seconda categoria hanno ottenuto l’accesso alle prestazioni sociali, mentre la minoranza costituita dall’élite è stata allontanata dalla “mangiatoia”.

Questa minoranza è composta di persone completamente americanizzate, da tempo avvezze a odiare la propria patria; i loro figli studiano nelle università britanniche e americane; sono schizzinose su tutto ciò che è venezuelano e nei loro quartieri hanno creato piccoli “paradisi” pro-americani. Ed è questa la principale forza trainante dell’attuale rivoluzione “colorata”.

Negli anni 2000, Washington aveva già usato queste forze e aveva creato i presupposti per causare problemi economici nel paese. Aveva formato esattamente gli stessi golpisti ed era riuscita addirittura a far loro eseguire un arresto. Arrestando Hugo Chávez, la Casa Bianca, allo stesso modo di oggi, si era affrettata a riconoscere quale nuovo leader la marionetta dell’opposizione, ma gli eventi si erano sviluppati lungo un percorso diverso.

Il popolo del Venezuela aveva dimostrato di essere capace di fare ciò che gli ucraini non sono stati in grado di fare nel 2014 e che sono stati capaci di realizzare i cittadini del nostro paese.

A Caracas nel 2002 e a Mosca nel 2012, la gente non è rimasta a guardare in silenzio, mentre nella capitale veniva tentato un colpo di stato, ma è invece scesa in strada per protestare contro i manifestanti. Di conseguenza, rendendosi conto di dove soffiasse il vento e vedendo come la gente sostenesse i leader, i membri dubbiosi dell’élite politica si associarono alla maggioranza. Nel caso di Hugo Chavez, egli fu rilasciato; nel caso della Russia, Vladimir Putin rimase al potere. I leader dell’opposizione creati dagli Stati Uniti non si erano rivelati all’altezza.

Memore della storia, Maduro nei giorni scorsi ha dichiarato che, come all’epoca di Chavez, il paese sta creando 50.000 unità di milizia popolare e che entro maggio ci saranno 2 milioni di uomini organizzati. “Il popolo” ha detto Maduro, “non permetterà all’impero nordamericano di toccare un palmo del territorio del paese”. A tal fine, ogni mese arrivano in Venezuela armi dalla Russia. Il paese è già protetto da una possibile variante di intervento americano, con sistemi di difesa antiaerea russi, complessi antiaerei S-300, artiglieria, aerei e tecnologia missilistica.

Caracas dispone di cinque divisioni complete, per un totale di 90.000 uomini, e anche la filoamericana Colombia si rifiuta di mettere a disposizione degli USA una propria area come testa di ponte.

A partire dal 2006, il nostro paese e nostre società statali hanno fornito al Venezuela prestiti e linee di credito per circa 17 miliardi di dollari e la Cina ha investito ancora di più. Con ciò, Mosca e Pechino difendono non solo i propri interessi finanziari, ma anche quelli geopolitici: è ormai evidente come, negli ultimi anni, quando i media internazionali lanciano inviti ad “andarsene”, significa che l’Occidente si prepara a compiere un’altra rapina.

Da un lato, il Venezuela è ostaggio delle proprie condizioni climatiche: l’80% del territorio non è adatto per viverci. D’altro canto, è proprio in questa parte che c’è la ricchezza del paese. Per riserve di gas naturale nell’emisfero occidentale, il Venezuela è secondo solo agli Stati Uniti e li raggiunge anche per riserve di carbone, ferro, manganese, titanio, nichel, rame, piombo-zinco e altri minerali. Presenti anche bauxite, cobalto, oro, diamanti, argento, amianto, fosforite e altri elementi della tavola di Mendeleev: compagnie cinesi e russe operano in molti di questi settori.

Secondo l’Europa, il Canada e l’America, tale situazione è “estremamente ingiusta”; quindi, il burattino degli anglosassoni, Guaidò, ha già dichiarato che per il Venezuela “non è vantaggioso cooperare con Cina e Russia”, perché entrambi questi stati “depredano” il suo paese.

Nel mondo moderno, il primo elemento per le invasioni dirette o indirette è la presenza di risorse energetiche nel paese. Inoltre, il Venezuela è la chiave per Nicaragua e Cuba. Nel primo paese, la Cina si stava apprestando a costruire un analogo del Canale di Panama, mentre nel secondo sono in gioco interessi del nostro stato. Oltretutto, la realizzazione del canale sarebbe impossibile senza l’ombrello militare di Mosca, mentre Cuba rimane nell’orbita del Cremlino con il sostegno finanziario di Pechino.

Per gli Stati Uniti, è necessario disporre delle riserve petrolifere venezuelane per garantirsi un fattore quale leva sul prezzo del greggio, così che il crollo artificiale del prezzo del petrolio possa essere utilizzato contro Mosca e, d’altro lato, il divieto di esportazione di risorse energetiche venezuelane verso la Cina, contro Pechino. L’urgenza di agire in questa direzione è data dal fatto che il successo della Russia in Siria ha infranto i piani americani a lungo termine, che avevano l’obiettivo di isolare la Cina dalle risorse energetiche del Medio Oriente.

In fin dei conti, il controllo sui flussi di gas e petrolio, la creazione di eserciti terroristici “manovrabili” e molto altro, non sono andati come voluto; avrebbe dovuto essere avviato un potente strumento per la determinazione dei prezzi del petrolio, per esercitare pressioni su Russia e Cina. La minaccia del crollo delle esportazioni e dell’economia cinese, bloccandone l’accesso alle risorse energetiche, doveva diventare un’arma pesante nella guerra “commerciale”, mentre il dumping sui prezzi dell’energia avrebbe dovuto costituire lo strumento principale di un golpe “colorato” in Russia.

Con la vittoria di Mosca, è cambiato tutto. Di più: la Russia non solo è riuscita a cancellare i piani statunitensi in Siria, ma ha anche ottenuto non piccoli successi con un altro elemento. Il principale meccanismo degli Stati Uniti per il crollo dei prezzi del petrolio, vale a dire la Casa dei Saud, con l’entrata della Russia nell’OPEC+ si è indebolito. Al contrario, gli accordi conclusi da Mosca nell’ambito di questa organizzazione, hanno bloccato i tentativi USA di abbattere di nuovo i prezzi dei prodotti energetici.

In altre parole, nelle condizioni attuali, senza il Venezuela è impossibile abbattere a lungo il prezzo del petrolio e, senza far ciò, è difficile eliminare la Russia dal “duumvirato” con la Cina, e, senza eliminare Mosca, non si può far niente con Pechino.

In questo contesto, appare estremamente ironico l’elenco dei paesi occidentali che sostengono l’opposizione venezuelana. Particolarmente ironico è lo zelo della Parigi ufficiale, dove, sullo sfondo dei blindati a difesa dell’Arco di Trionfo dai manifestanti, l’illogico Macron dichiara il sostegno agli insorti contro il “regime venezuelano”. Nel 2016 si era già assistito a una simile isteria, finita fortunatamente nel nulla.

Lo scorso 6 febbraio, una grande quantità di armi e equipaggiamenti, in arrivo dagli Stati Uniti, è stata sorprendentemente intercettata dalle forze di sicurezza venezuelane. Non a caso, dunque, i cecchini, tipici elementi di ogni “rivoluzione” occidentale, avvezzi a sparare su entrambi i lati della piazza (come nell’ucraina Majdan), non sono ancora comparsi in Venezuela.

Anche le compagnie militari private americane e britanniche e gli agenti di influenza, non di per sé vengono catturati da “certi” agenti di un certo paese; e l’esercito, non casualmente è istruito da consiglieri militari di un “certo” stato. E gli “aiuti” americani al Venezuela”, in formato USAID, e le “missioni” ONU con ambulanze e camion pieni di denaro e armi, nonostante la corruzione, non casualmente sono bloccati alle frontiere del paese. E il tentativo di attacco armato al potere a fine gennaio, contando sugli arsenali militari, è stato sventato non senza l’aiuto di “un certo” controspionaggio di una terza parte.

In poche parole, un attacco di forza a imitazione di un sollevamento militare, con il contemporaneo riconoscimento di Guaidò, un paio di settimane fa, non ha avuto luogo grazie agli sforzi congiunti di Caracas, Mosca e Pechino. Quindi, gli Stati Uniti hanno tutte le chances per incorrere in un nuovo fallimento.

(traduzione di F. Po)

tratto da: http://contropiano.org/news/internazionale-news/2019/02/11/piu-che-il-solo-petrolio-perche-gli-usa-hanno-fretta-con-il-venezuela-0112312?fbclid=IwAR1jeK4R7Q8E_RrfRm2bVpBclQ9cB8MJXOX4VyHPowMyVMIVtoFGV1o8rYw

Gli Stati Uniti? Quelli che dicono di esportare democrazia? Forniscono aiuti e assistenza militare al 73% delle dittature nel mondo!

 

Stati Uniti

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

Gli Stati Uniti? Quelli che dicono di esportare democrazia? Forniscono aiuti e assistenza militare al 73% delle dittature nel mondo!

Promotori della democrazia? Gli USA forniscono assistenza militare al 73% delle dittature nel mondo
Una ONG, finanziata però da Washington, afferma che ci sono 49 paesi nel mondo in cui mancano libertà politiche e civili. Di questi, 35 hanno continuato a ricevere il sostegno militare degli Stati Uniti recentemente.
Un’organizzazione non governativa statunitense ha pubblicato un rapporto in cui descrive dozzine di paesi del mondo come “non liberi”. I lettori più attenti hanno subito sottolineato che la stragrande maggioranza di quelle nazioni riceve il supporto militare da Washington.

L’ONG Freedom House, fondata nel 1941, nel suo rapporto annuale dal titolo ‘La libertà nel mondo’ categorizza i diversi stati del mondo come “liberi”, “parzialmente liberi” o “non liberi” in termini di libertà e diritti politici e civili dei suoi abitanti.

Finanziato quasi interamente dal governo degli Stati Uniti, Freedom House considera gli Stati Uniti e i suoi alleati come “liberi” e designati come “non liberi” in 49 paesi per un totale di circa 2.700 milioni di abitanti, compresi la Russia e la Cina.

Tuttavia, oltre il 70% di questi stati “non liberi” sono stati clienti del complesso militare-industriale statunitense o hanno ricevuto una sorta di assistenza militare dal Pentagono negli ultimi tre anni, secondo l’organizzazione di notizie indipendente Truthout, riguardante l’ultima edizione del rapporto.

Nel 2018, le nazioni “non libere” legate a Washington salgono a 35, che di solito è proclamato promotore della democrazia e oppositore delle dittature. Dodici di questi, classificati come “i peggiori dei peggiori”, ricevono finora assistenza militare USA, tra cui la Somalia, il Turkmenistan, l’Uzbekistan, la Repubblica Centrafricana e l’Arabia Saudita.

Il regno saudita, in particolare, figura tra i peggiori classificati della lista, al di sotto della Cina, della Russia, del Venezuela e persino dell’Iran. Tuttavia, continua ad essere “il più grande cliente di vendite militari straniere” negli Stati Uniti, secondo il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.

A causa dello scandalo relativo all’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi, l’Arabia Saudita ha cominciato a perdere contratti d’acquisto milionari con altri paesi, ampiamente attribuito all’alto comando del regno. Allo stesso tempo, Washington si aspetta un “significativo aumento” nella cooperazione militare con Riad.

Fonte: Freedom House – Truthout

LO STUDIO – Dal 1945 ad oggi gli Stati Uniti – esporta democrazia qui, esporta democrazia lì – ha ammazzato dai 20 ai 30 milioni di esseri umani…

Stati Uniti

 

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

LO STUDIO – Dal 1945 ad oggi gli Stati Uniti – esporta democrazia qui, esporta democrazia lì – ha ammazzato dai 20 ai 30 milioni di esseri umani…

 

STUDIO. Dal 1945 ad oggi gli Stati Uniti responsabili di 20-30 milioni di morti

di Manlio Dinucci* – il manifesto, 20 novembre 2018

Nel riassunto del suo ultimo documento strategico – 2018 National Defense Strategy of the United States of America (il cui testo integrale è segretato) – il Pentagono sostiene che «dopo la Seconda guerra mondiale gli Stati uniti e i loro alleati hanno instaurato un ordine internazionale libero e aperto per salvaguardare la libertà e i popoli dalla aggressione e coercizione», ma che «tale ordine viene ora minato dall’interno da Russia e Cina, le quali violano i principi e le regole dei rapporti internazionali».

Completo ribaltamento della realtà storica. Il prof. Michel Chossudovsky, direttore del Centre for Research on Globalization, ricorda che questi due paesi, classificati oggi come nemici, sono quelli che, quando erano alleati degli Stati uniti durante la Seconda guerra mondiale, pagarono la vittoria sull’Asse nazi-fascista Berlino-Roma-Tokyo con il più alto prezzo in vite umane: circa 26 milioni l’Unione Sovietica e 20 milioni la Cina, in confronto a poco più di 400 mila degli Stati uniti.

Con questa premessa Chossudovsky introduce su Global Research un documentato studio di James A. Lucas sul numero di persone uccise dalla ininterrotta serie di guerre, colpi di stato e altre operazioni sovversive effettuata dagli Stati uniti dalla fine della guerra nel 1945 ad oggi: esso viene stimato in 20-30 milioni. Circa il doppio dei caduti della Prima guerra mondiale, di cui si è appena celebrato a Parigi il centenario della fine con un «Forum della pace».

Oltre ai morti ci sono i feriti, che spesso restano menomati: alcuni esperti calcolano che, per ogni persona morta in guerra, altre 10 restino ferite. Ciò significa che i feriti provocati dalle guerre Usa ammontano a centinaia di milioni.

A quello stimato nello studio si aggiunge un numero inquantificato di morti, probabilmente centinaia di milioni, provocati dal 1945 ad oggi dagli effetti indiretti delle guerre: carestie, epidemie, migrazioni forzate, schiavismo e sfruttamento, danni ambientali, sottrazione di risorse ai bisogni vitali per coprire le spese militari.

 Lo studio documenta le guerre e i colpi di stato effettuati dagli Stati uniti in oltre 30 paesi asiatici, africani, europei e latino-americani. Esso rivela che le forze militari Usa sono direttamente responsabili di 10-15 milioni di morti, provocati dalle maggiori guerre: quelle di Corea e del Vietnam e le due contro l’Iraq. Altri 10-14 milioni di morti sono stati provocati dalle guerre per procura condotte da forze alleate armate, addestrate e comandate dagli Usa, in Afghanistan, Angola, Congo, Sudan, Guatemala  e altri paesi.

La guerra del Vietnam, estesasi a Cambogia e Laos, provocò un numero di morti stimato in 7,8 milioni (più un enorme numero di feriti e danni genetici generazionali dovuti alla diossina sparsa dagli aerei Usa).

La guerra per procura negli anni Ottanta in Afghanistan fu organizzata dalla Cia che addestrò e armò, con la collaborazione di Osama bin Laden e del Pakistan, oltre 100 mila mujaidin per combattere le truppe sovietiche cadute nella «trappola afghana» (come dopo la definì Zbigniew Brzezinski, precisando che l’addestramento dei mujaidin era iniziato nel luglio 1979, cinque mesi prima dell’invasione sovietica dell’Afghanistan).

Il colpo di stato più sanguinoso fu organizzato nel 1965 in Indonesia dalla Cia: essa fornì agli squadroni della morte indonesiani la lista dei primi 5 mila comunisti e altri da uccidere. Il numero dei trucidati viene stimato tra mezzo milione e 3 milioni.

Questo è «l’ordine internazionale libero e aperto» che gli Stati uniti, indipendentemente da chi siede alla Casa Bianca, perseguono per «salvaguardare i popoli dalla aggressione e coercizione».

tramite: https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-studio_dal_1945_ad_oggi_gli_stati_uniti_responsabili_di_2030_milioni_di_morti/82_26130/

33 anni fa il dirottamento dell’Achille Lauro che sfociò nella famosa “Notte di Sigonella ” – Segnò la fine di Bettino Craxi che ebbe la grave “colpa” di mostrare le palle opponendosi alla prepotenza degli Stati Uniti, facendosi rispettare e, per una volta, facendo rispettare l’Italia…!

 

Achille Lauro

 

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

33 anni fa il dirottamento dell’Achille Lauro che sfociò nella famosa “Notte di Sigonella ” – Segnò la fine di Bettino Craxi che ebbe la grave “colpa” di mostrare le palle opponendosi alla prepotenza degli Stati Uniti, facendosi rispettare e, per una volta,  facendo rispettare l’Italia…!

 

 

Il dirottamento dell’Achille Lauro fu un atto terroristico avvenuto il 7 ottobre1985, con il sequestro, da parte di un gruppo di 4 terroristi palestinesi, dei passeggeri della nave da crociera italiana e l’uccisione di Leon Klinghoffer, cittadino statunitense paralitico e di fede ebraica.

Il 7 ottobre 1985, mentre compiva una crociera nel Mediterraneo, al largo delle coste egiziane, venne dirottata da un commando di Palestinesi aderenti al Fronte per la Liberazione della Palestina (FLP): Bassām al-ʿAskar, Aḥmad Maʿrūf al-Asadī, Yūsuf Mājid al-Mulqī e ʿAbd al-Laṭīf Ibrāhīm Faṭāʾir.

A bordo erano presenti circa 550 persone (201 passeggeri e 344 uomini di equipaggio). I quattro terroristi erano partiti da Genova mentre la nave stava per salpare le ancore, ed erano muniti di passaporti ungheresi e greci. All’ora di pranzo i quattro sbucarono sul ponte di comando armati di Kalašnikov, e intimarono al comandante Gerardo De Rosa di far rotta verso il porto di Tartus, in Siria.

Giulio Andreotti, ministro degli esteri, mobilitò l’egiziano Boutros Boutros-Ghali (che assicurò piena collaborazione) e il siriano Hafiz al-Asad, che inizialmente era disposto a consentire l’attracco della nave nel porto di Tartus ma poi rifiutò a causa delle pressioni degli Stati Uniti.

La sera stessa 60 incursori italiani del Colonnello Moschin arrivarono alla base militare di Akrotiri, a Cipro, pronti a intervenire, seguendo un piano sviluppato insieme all’UNIS del COMSUBIN, presenti in fase di pianificazione. Si decise però alla fine la via diplomatica.

Dopo frenetiche trattative diplomatiche si giunse, in un primo momento, ad una felice conclusione della vicenda, grazie all’intercessione dell’Egitto, dell’OLP di Arafat (che in quel periodo aveva trasferito il quartier generale dal Libano a Tunisi a causa della guerra del Libano) e dello stesso Abu Abbas (uno dei due negoziatori, proposti da Arafat, insieme a Hani al-Hassan, un consigliere dello stesso Arafat), che convinse i terroristi alla resa in cambio della promessa dell’immunità.

Dopo il divieto di sbarcare in Siria, l’Achille Lauro approdò nelle acque egiziane.

Due giorni dopo si scoprì tuttavia che a bordo era stato ucciso un cittadino statunitense, Leon Klinghoffer, ebreo e paralitico a causa di un ictus: l’episodio provocò la reazione degli Stati Uniti che volevano l’estradizione dei dirottatori per processarli nel loro Paese.

Ad uccidere il passeggero fu il terrorista Yūsuf Mājid al-Mulqī.

L’11 ottobre un Boeing 737 egiziano si alzò in volo per portare a Tunisi i membri del commando di dirottatori, assieme allo stesso Abu Abbas, Hani al-Hassan (l’altro mediatore dell’OLP) e ad agenti dei servizi e diplomatici egiziani, secondo gli accordi raggiunti (salvacondotto per i dirottatori e la possibilità di essere trasportati in un altro Stato arabo): mentre era in volo, alcuni caccia statunitensi lo intercettarono costringendolo a dirigersi verso la Naval Air Station Sigonella, in Italia, dove fu autorizzato ad atterrare poco dopo la mezzanotte.

L’allora presidente del Consiglio Bettino Craxi si oppose tuttavia all’intervento degli Stati Uniti, chiedendo il rispetto del diritto internazionale e sia i VAM (Vigilanza Aeronautica Militare) che i carabinieridi stanza all’aeroporto si schierarono a difesa dell’aereo contro la Delta Force statunitense che nel frattempo era giunta su due C-141. A questa situazione si aggiunse un altro gruppo di carabinieri, fatti giungere da Catania dal comandante generale dei Carabinieri  Riccardo Bisogniero.

A quel punto la questione centreale riguardava Abu Abbas: pur di proteggerlo il governo italiano sembrò disposto a rischiare uno scontro armato con gli Stati Uniti. Craxi disse che la giustizia italiana avrebbe processato i sequestratori e aggiunse che non era possibile indagare su persone ospiti del governo egiziano a bordo di quel Boeing, dal momento che era protetto con l’extraterritorialità.

Si trattò della più grave crisi diplomatica del dopoguerra tra l’Italia e gli Stati Uniti, che si risolse cinque ore dopo con la rinuncia degli Stati Uniti ad un attacco all’aereo sul suolo italiano.

I quattro membri del commando terrorista furono presi in consegna dalla polizia e rinchiusi nel carcere di Siracusa e furono in seguito condannati, scontando la pena in Italia. Per il resto della giornata vi furono numerose trattative diplomatiche tra i rappresentanti del governo italiano, di quello egiziano e dell’OLP.

Il governo italiano chiese all’ambasciatore egiziano lo spostamento del Boeing 737 dalla base di Sigonella all’aeroporto di Ciampino per «poter esplorare la possibilità di compiere ulteriori accertamenti». Craxi spiegò che il Boeing era trasferito a Roma per rispondere all’impegno preso con Reagan di «concedere il tempo necessario» affinché il governo italiano potesse disporre «di elementi o evidenze che dimostrassero […] il coinvolgimento dei due dirigenti palestinesi nella vicenda». Alla ripartenza dell’aereo con destinazione Ciampino si unirono al velivolo egiziano un velivolo del SISMI che era nel frattempo giunto con l’ammiraglio Fulvio Martini (che nelle prime ore della crisi era stato costretto a seguire le trattative solo per via telefonica) e a una piccola scorta di due F-104S decollati dalla base di Gioia del Colle e altri due decollati da Grazzanise, voluta dallo stesso Martini. Nel frattempo un F-14 statunitense decollò dalla base di Sigonella senza chiedere l’autorizzazione e senza comunicare il piano di volo, e cercò di rompere la formazione del Boeing e dei velivoli italiani, sostenendo di voler prendere in consegna il velivolo con Abbas a bordo, venendo però respinto dagli F-104 di scorta.

Una volta giunti a Ciampino, intorno alle 23:00, un secondo aereo statunitense, fingendo un guasto, ottenne l’autorizzazione per un atterraggio di emergenza e si posizionò sulla pista davanti al velivolo egiziano, impedendone un’eventuale ripartenza. Su ordine di Martini al caccia venne allora dato un ultimatum di cinque minuti per liberare la pista, in caso contrario sarebbe stato spinto fuori pista da un Bulldozer: dopo tre minuti il caccia statunitense ridecollò, liberando la pista. Per questo episodio il governo italiano protestò con l’ambasciatore Maxwell M. Rabb.

Gli Stati Uniti richiesero nuovamente la consegna di Abu Abbas, in base agli accordi di estradizione esistenti con l’Italia, senza tuttavia portare prove del reale coinvolgimento del negoziatore nel dirottamento. I legali del Ministero di Grazia e Giustizia e gli esperti in diritto internazionale consultati dal governo ritennero comunque non valide le richieste statunitensi.

Il Boeing egiziano venne quindi trasferito a Fiumicino, dove Abu Abbas e l’altro mediatore dell’OLP furono fatti salire su un diverso velivolo, un volo di linea di nazionalità jugoslava la cui partenza era stata appositamente ritardata. Solo il giorno successivo, grazie alle informazioni raccolte dai servizi segreti israeliani (che tuttavia non erano state consegnate al SISMI durante la crisi, pur essendo già disponibili), si ottennero alcuni stralci di intercettazioni che potevano legare Abu Abbas al dirottamento. La CIA consegnò solo alcuni giorni dopo (16 ottobre) i testi completi delle intercettazioni, effettuate da mezzi statunitensi, che provavano con certezza le responsabilità di Abu Abbas, il quale venne processato e condannato all’ergastolo in contumacia.

Il ministro della difesa Giovanni Spadolini e altri due ministri repubblicani (Oscar Mammì e Bruno Visentini) presentarono le dimissioni in segno di protesta contro Craxi, provocando una crisi di governo successivamente rientrata.

Il governo Craxi, nonostante le prepotenti sollecitazioni americane, mostrò fermezza e determinazione.

Craxi mostrò di avere le palle facendosi risoettare e non permettendo ancora una volta agli americani di trattarci come un loro zerbino…

Ma probabilmente tutto questo segnò anche la fine della sua carriera politica… Gli americani hanno bisogno di leccaculo e non di gente con le palle.

Tratto da Wikipedia

 

La Casellati va in visita negli Stati Uniti in coincidenza col concerto del figlio. E gli italiani, guarda le coincidenze, le pagano il viaggio…

 

Casellati

 

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

La Casellati va in visita negli Stati Uniti in coincidenza col concerto del figlio. E gli italiani, guarda le coincidenze, le pagano il viaggio…

 

Casellati tour negli Usa col concerto del figlio

(di Carlo Tecce – Il Fatto Quotidiano) – Succede. “Una coincidenza”, per dirla con Leonardo Sciascia. Maria Elisabetta Alberti Casellati va negli Stati Uniti per una visita ufficiale, tre giorni a Washington, tre giorni a New York. Il presidente del Senato gira in lungo e largo, stringe mani autorevoli di qua, rende omaggi e saluta con affetto di là. E succede. Il figlio Alvise, ex avvocato negli Usa, direttore d’orchestra, si esibisce al Central Park di New York e la mamma, la seconda carica dello Stato, assiste compiaciuta. Succede. Anzi, è successo lunedì pomeriggio.

Casellati è partita martedì 26 giugno per gli Stati Uniti, prima tappa a Washington per incontri misti: “Alcuni giudici della Corte Suprema, la leadership del Congresso, presidenti delle Commissioni del Senato”, si legge nel comunicato di Palazzo Madama. Poi si trasferisce a New York, venerdì viene ricevuta alle Nazioni Unite da Miroslav Lajcak, presidente dell’assemblea e da Antonio Guterres, segretario generale. Cena dal console Francesco Genuardi, tra i commensali gli italiani all’estero. Il viaggio dagli alleati – parecchio intenso, con “un’agenda fittissima” (cit. Palazzo Madama) – rallenta nel weekend: inaugura il padiglione Italia al “Summer fancy food show” e va al museo Frick Collection per un’esposizione sul “George Washington di Canova”. Lunedì, la mattina è frenetica: un salto a Wall Street per l’apertura della Borsa, corona di fiori al memoriale dell’11 settembre e pranzo da Eataly.

Il programma del pomeriggio è inesistente per l’impegno al Central Park. Il figlio Alvise ha un concerto pagato pure da Brooks Brothers e dalla multinazionale Eni, un evento gratuito per avvicinare le comunità italiane e americane e far risuonare il Rigoletto, la Traviata, il Barbiere di Siviglia nella caotica metropoli. Si chiama “Opera italiana is in the air”, patrocini di prestigio e contribuiti di Banca Intesa. E mamma è in platea. Oggi Casellati rientra in Italia, non digiuna di arte perché ha trascorso il martedì del congedo tra i musei Metropolitan e Guggenheim.

Palazzo Madama ha omesso il concerto di Alvise finché il Fatto non ha chiesto spiegazioni, incuriosito da una bizzarra coincidenza. Così ieri sera, in una nota, il Senato ha informato gli italiani che la “visita di Casellati negli Stati Uniti va verso la conclusione” e, sorpresa, c’è pure il distensivo pomeriggio al Central Park col figlio Alvise: “In forma strettamente privata”. Succede.

Non vale la pena rievocare il passato. La figlia Ludovica assunta al ministero per la Salute con un contratto da capo della segretaria del sottosegretario – non è uno scioglilingua – Elisabetta Alberti Casellati. Robe di una dozzina di anni fa. Oppure la consulenza sempre di Ludovica – ex dipendente di Publitalia, la cassaforte pubblicitaria di Mediaset – per curare i rapporti con i media di Barbara Degani, sottosegretaria all’Ambiente nei governi di Matteo Renzi e Paolo Gentiloni, amica di famiglia. Il giorno dell’elezione al vertice di Palazzo Madama, Casellati ha commosso la stampa con la corsa a Genova – in volo di linea – per vedere il figlio Alvise al teatro “Carlo Felice”. Adesso ha soltanto sfruttato una coincidenza, di quelle talmente perfette che non ammettono retropensieri. Semmai, ossequi.

fonte: https://infosannio.wordpress.com/2018/07/04/casellati-tour-negli-usa-col-concerto-del-figlio/

Dagli Usa: “con Craxi l’Italia era un paese rispettato e sovrano”

 

Craxi

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

 

Dagli Usa: “con Craxi l’Italia era un paese rispettato e sovrano”

A 18 anni dalla morte di Bettino Craxi, ricordare una delle più importanti figure politiche del dopoguerra può essere utile per cogliere la parabola di un paese un tempo protagonista della scena internazionale, e metterlo a confronto con la sua irrilevanza politica nel contesto attuale. Se prima era impensabile che l’Italia craxiana rimanesse fuori dalla porta dei consessi internazionali che contano, oggi purtroppo questo è una amara realtà. Per capire come veniva considerata l’Italia prima del suo declino sulla scena internazionale è interessante vedere cosa ne pensava il suo storico alleato, gli Usa, in un documento – analizzato in passato da ricercatori e storici di Craxi – del Dipartimento di Stato Usa intitolato “Il fattore Craxi nella politica estera italiana”, nel quale Washington si sofferma ad analizzare l’appiglio del tutto peculiare di Bettino Craxi nella conduzione delle relazioni internazionali dell’Italia. Sono i diplomatici americani stessi di stanza all’ambasciata Usa in Italia, a rendersi conto della personalità forte dell’ex segretario socialista. Un atteggiamento che dapprima sorprende gli americani, abituati più ai modi pacati e misurati dei predecessori di Craxi a Palazzo Chigi. Il suo stile, nel documento, viene definito «determinato e diretto», tanto da portarlo occasionalmente «fuori dai margini».

Washington guarda con curiosità ma anche con preoccupazione a questo nuovo interlocutore italiano, il quale non sembra temere lo scontro con lo storico alleato. L’amicizia e il rapporto con gli Usa non sono mai in discussione, ma non si respira affatto un’aria di sudditanza nei confronti degli americani. Al contrario Craxi durante la sua esperienza a Palazzo Chigi dal 1983 al 1987, ha delineato chiaramente i confini dei rapporti bilaterali tra i due paesi. In nessun momento, l’amicizia Italia-Usa andava nella direzione di piegare gli interessi nazionali ad esclusivo vantaggio di quelli del partner statunitense. Sigonella è solamente l’apogeo di uno tra i momenti più importanti di Craxi a Palazzo Chigi, e segna un chiaro trionfo geopolitico italiano che non mancò di suscitare un certo scalpore negli ambienti internazionali. Quando il segretario socialista arriva a schierare nella drammatica notte del 10 ottobre 1985 i carabinieri contro i Navy Seals che nella base di Sigonella volevano prendere in custodia i terroristi dell’Achille Lauro, nonostante la competenza giurisdizionale sui loro reati fosse chiaramente italiana, gli americani capiscono che il primo ministro italiano fa sul serio.

Lo stesso Dipartimento di Stato Usa nel documento non può fare a meno di riconoscere che in quella circostanza, Craxi uscì chiaramente come pieno «difensore della sovranità nazionale» da quella delicata crisi diplomatica tra i due paesi, tanto che Washington si sofferma a ripensare «l’attività militare nell’area». Gli Usa, più semplicemente, si rendono conto che l’Italia non è una dépendance dove possono prendersi la libertà di intervenire senza consultare i padroni di casa. Ma non è questo l’unico momento di una politica estera tesa, dal principio alla fine, alla difesa della sovranità nazionale. Sigonella non è un episodio estemporaneo frutto di un’esplosione di orgoglio nazionale poi sopito successivamente. Solamente l’anno dopo, l’Italia si trova nel bel mezzo di un’altra crisi diplomatica ancora una volta con il suo alleato di riferimento, gli Usa, e la Libia. Il  14 aprile 1986 gli Stati Uniti bombardano la residenza di Gheddafi, il quale risponde il giorno dopo con un fallito attacco missilistico contro l’isola di Lampedusa. Craxi è furente con il suo alleato per quella decisione unilaterale di attaccare la Libia e non manca di esternarlo pubblicamente agli americani. Anche in questa circostanza, si legge nell’analisi, Washington stessa non può fare altro che prendere atto che l’Italia sotto la conduzione craxiana rivendica il suo spazio di indipendenza e sovranità, e non è disposta a sacrificare i suoi rapporti con altre potenze in nome del rapporto privilegiato con gli Stati Uniti.

Il “fattore Craxi” di cui parlano gli americani si può identificare proprio con il principio guida imprescindibile che ha accompagnato tutta l’originale esperienza di Bettino Craxi al governo, ovvero la protezione degli interessi italiani prima di ogni cosa. L’Italia non veniva umiliata dalle potenze estere proprio perché dotata di una classe dirigente che mai avrebbe permesso che il paese avesse subito affronti pari a quelli che sta subendo attualmente nei contesti europei ed internazionali. La rotta della sovranità nazionale è stata smarrita, sostituita da una volontà di asservimento di una mediocre classe dirigente genuflessa ai desiderata delle potenze estere pur di raggiungere i propri scopi personali. L’europeismo era la cifra politica di Craxi in politica estera, ma non era certamente una religione come quella attuale alla quale è impossibile opporsi “perché non c’è alternativa”. Fu proprio lui stesso dall’esilio di Hammamet negli ultimi anni della sua vita ad intuire la deriva che avrebbe portato il cieco rispetto di quei parametri di Maastricht, divenuti un tabù intoccabile che nessun premier osa rimettere in discussione. «L’Italia è un grande paese», disse Craxi, e deve far valere i suoi diritti in Europa. Quanti politici di oggi hanno il suo attaccamento alla patria? La riconquista della sovranità passa per la maturazione di una classe dirigente con una coscienza nazionale e un amor patrio. Bettino Craxi aveva tutto questo. Ecco perché va ricordato.

(Cesare Sacchetti, “Il fattore Craxi, Bettino visto dagli americani”, da “La Cruna dell’Ago” del 18 gennaio 2018).

tratto da: http://www.libreidee.org/2018/01/gli-usa-con-craxi-litalia-era-un-paese-rispettato-e-sovrano/

Trump not welcome: la protesta del piccolo rifugiato contro il miliardario xenofobo

 

 

Trump

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Trump not welcome: la protesta del piccolo rifugiato contro il miliardario xenofobo

Su ordine del presidente i richiedenti asilo provenienti dall’America centrale sono stati respinti alla frontiera con il Messico: la Casa Bianca li considera una minaccia

La loro protesta ha fatto il giro del mondo: “Resteremo qui fino a quando anche l’ultimo di noi non sarà passato”. E’ il gridoCentinaia di migranti centroamericani premono alla frontiera fra Messico e Stati Uniti. Sono i richiedenti asilo giunti in carovana dopo un viaggio lungo un mese, su treni merci, bus, a piedi.

Ci sono donne e bambini, alcuni di loro fuggono da paesi dove rischiano la vita. Ma sono stati fermati ala frontiera Usa, dopo che la autorità americane hanno temporaneamente bloccato gli ingressi in quanto il centro per le richieste del passaggio di San Ysidro, all’altezza di San Diego, è sovraffollato.

Uno dei molti ‘viaggi della speranza’ che diverse simili carovane di migranti hanno negli anni compiuto inseguendo sognando una nuova vita negli Stati Uniti. Ma questa volta la marcia dei migranti è stata seguita passo dopo passo dall’amministrazione Trump, che l’ha tacciata di essere una minaccia per gli Usa.

La migliore risposta è di questo bambino: Trump non è il benvenuto…!

 

tratto da: http://www.globalist.it/world/articolo/2018/05/01/trump-not-welcome-la-protesta-del-piccolo-rifugiato-contro-il-miliardario-xenofobo-2023565.html

Wikipedia dice che la guerra in Vietnam è cessata il 30 aprile 1975. Ma non è così. Non è così almeno per chi ha subito gli effetti dei crimini americani…!

Vietnam

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Wikipedia dice che la guerra in Vietnam è cessata il 30 aprile 1975. Ma non è così. Non è così almeno per chi ha subito gli effetti dei crimini americani…!

 

La guerra in Vietnam non è ancora finita

A oltre quarant’anni dalla guerra in Vietnam, gli effetti degli agenti chimici utilizzati dagli Stati Uniti sono ancora ben visibili. Il fotoreportage di Damir Sagolj.

In 15 anni di guerra, dal 1960 al 1975, in Vietnam furono sganciate oltre cinque milioni di bombe: quasi il doppio di quelle lanciate dagli Alleati durante la seconda guerra mondiale. Ma le forze aeree americane non sganciarono solo esplosivi.

Il Vietnam fu bombardato con il napalm, sostanza incendiaria che si incolla alla pelle e la ustiona; con il fosforo bianco, che corrode i tessuti sino alle ossa; con bombe a frammentazione, le cui schegge esplodono in ogni direzione; e con 73 milioni di litri di agenti tossici, tra cui 43 milioni di litri del diserbante Agente Arancio, prodotto soprattutto dalla multinazionale americana Monsanto.

Sono passati 40 anni dalla guerra, ma le cicatrici – fisiche e psicologiche – sono ancora ben visibili. Il fotografo dell’agenzia giornalistica Reuters Damir Sagolj è stato in Vietnam per documentare gli effetti dei bombardamenti con armi chimiche. Tra i vietnamiti e i veterani statunitensi che hanno combattuto in Vietnam, sono comuni i problemi mentali, respiratori e dermatologici.

Dopo quattro decenni, l’Agente Arancio continua a provocare vittime. Gli effetti letali dell’erbicida sono passati da una generazione all’altra. I nipoti di chi respirò l’aria avvelenata dagli agenti chimici nascono ancora con gravi deformazioni fisiche. L’associazione vietnamita delle Vittime dell’Agente Arancio e della Diossina (Vava)ha dichiarato che oltre 4,8 milioni di persone nel Paese sono state contaminate dall’erbicida e che, fra queste, tre milioni circa sono morte a causa degli effetti dell’Agente Arancio.

“L’ex soldato vietnamita Do Duc Diu mi ha mostrato il cimitero che ha costruito per i suoi dodici bambini: morirono tutti poco dopo la nascita”, racconta il fotoreporter Damir Sagolj. “Vicino c’è lo spazio per seppellire le sue figlie, che sono ancora vive ma gravemente malate”.

“L’uomo, che combatteva nel Vietnam del Nord, era stato esposto all’erbicida tossico. Per oltre vent’anni lui e sua moglie hanno cercato di avere un bambino che fosse sano. Ma i figli morivano uno dopo l’altro. Pregavano sempre e provarono a far visita persino a un leader spirituale, ma non servì a nulla. Scoprirono gli effetti dell’Agente Arancio solo dopo la nascita del loro quindicesimo figlio”.

Gli Stati Uniti hanno smesso di utilizzare l’Agente Arancio nel 1971, quattro anni prima della fine della guerra. Per venti anni molti vietnamiti sono rimasti all’oscuro di cosa fosse successo nel loro Paese.

fonte: https://www.tpi.it/2015/07/16/effetti-conseguenze-guerra-vietnam-deformazioni-agente-arancio/

I dieci attacchi chimici americani di cui non bisogna parlare – Insomma, invece di rompere i coglioni ad Assad, andiamo a bombardare gli Stati Uniti d’America…!

 

Assad

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

I dieci attacchi chimici americani di cui non bisogna parlare – Insomma, invece di rompere i coglioni ad Assad, andiamo a bombardare gli Stati Uniti d’America…!

 

I dieci attacchi chimici americani di cui non bisogna parlare

Washington non solo non dispone dell’autorità legale per un intervento militare in Siria. Gli manca anche l‘autorità morale. Stiamo parlando di un governo che durante la storia ha fatto uso di armi chimiche, contro persone innocenti, molto più prolifiche e letali di quelle per cui ora viene incolpato Assad, costretto a doversi difendere dalle accuse provenienti dal complesso militare-industriale occidentale dal grilletto facile, deciso a soffocare ulteriori indagini prima di colpire.

Ecco una lista di 10 attacchi con armi chimiche effettuati dal governo degli Stati Uniti o dai suoi alleati contro i civili…

1. L’esercito americano lanciò 20 milioni di galloni di sostanze chimiche sul Vietnam tra il 1962 e il 1971

Durante la guerra del Vietnam, l’esercito americano ha lanciato oltre 20 milioni di galloni di sostanze chimiche , tra cui l’altamente tossico Agent Orange, sulle foreste e i campi coltivati ??del Vietnam e dei paesi limitrofi, distruggendo deliberatamente le scorte alimentari, mandando in frantumi l’ecologia della foresta e devastando le vite di centinaia di migliaia di persone innocenti. Il Vietnam ha stimato che oltre 400.000 persone sono state uccise o mutilate, 500.000 bambini sono nati con malformazioni e 2 milioni di persone sono state colpite dal cancro o da altre malattie. La Croce Rossa del Vietnam ha invece stimato che fino a 1 milione di persone sono rimaste disabili o con problemi di salute a causa dell’uso dell’ Agent Orange.

2. Israele attaccò i civili palestinesi con fosforo bianco nel 2008-2009
fosforo

Il fosforo bianco è un’orribile arma chimica incendiaria che scioglie la carne umana fino all’osso.

Nel 2009, molti gruppi per la difesa dei diritti umani , tra cui Human Rights Watch, Amnesty International e la Croce Rossa Internazionale, riferirono che il governo israeliano stava attaccando i civili con armi chimiche. Un team di Amnesty International affermò di aver trovato “la prova inconfutabile del diffuso utilizzo del fosforo bianco” come arma in aree civili densamente popolate. L’esercito israeliano negò in un primo momento le accuse ma, alla fine, dovette ammettere che erano vere.

Dopo la serie di accuse da parte di tali organizzazioni non governative, l’esercito israeliano colpì anche una sede delle Nazioni Unite (!) a Gaza con un attacco chimico .

3. Washington attaccò civili iracheni con il fosforo bianco nel 2004

Nel 2004, giornalisti “embedded” con le forze armate Usa in Iraq, iniziarono a scrivere sull’uso del fosforo bianco a Falluja contro gli insorti iracheni. Prima l’esercito mentì, affermando che l’utilizzo del fosforo bianco serviva per creare cortine di fumo o per illuminare obiettivi. In seguito dovete invece ammettere di aver utilizzato questa sostanza chimica volatile come arma incendiaria. In quel periodo, la RAI, la televisione italiana, trasmise un documentario dal titolo “Fallujah, la strage nascosta“, il quale, tra terribili filmati e fotografie, interviste a testimoni oculari con i residenti di Falluja e soldati statunitensi, rivelava come il governo degli Stati Uniti avesse indiscriminatamente lanciato fosforo bianco sulla città irachena e arso completamente donne e bambini.

4. La CIA aiutò Saddam Hussein a massacrare iraniani e curdi con armi chimiche nel 1988

Documenti della CIA dimostrano che Washington era a conoscenza del fatto che Saddam Hussein stava usando armi chimiche (tra cui Sarin, gas nervino e iprite) nella guerra Iran-Iraq, e nonostante ciò continuò a passare informazioni ai militari iracheni sui movimenti delle truppe iraniane, pur sapendo che Hussein avrebbe usato tali informazioni per lanciare attacchi chimici. All’inizio del 1988, Washington avvertì Saddam Hussein di un movimento delle truppe iraniane che avrebbe fatto concludere la guerra con una sconfitta decisiva per il governo iracheno. A marzo, un imbaldanzito Hussein, con nuovi amici a Washington, colpì un villaggio curdo occupato dalle truppe iraniane con agenti chimici, uccidendo fino a 5.000 persone e ferendone più di 10.000, la maggior parte delle quali erano civili. Altre migliaia morirono negli anni successivi a seguito di complicazioni, malattie e difetti congeniti.

5. L’esercito testò sostanze chimiche sui residenti poveri e neri dei quartieri di St. Louis nel 1950

Nei primi anni 1950, l’esercito posizionò polverizzatori in cima agli edifici dei quartieri poveri, abitati per lo più da neri, di St. Louis, comprese aree in cui ben il 70% dei residenti erano bambini con meno di 12 anni. Il governo disse ai residenti di star sperimentando una cortina fumogena per proteggere la città dagli attacchi dei russi ma, in realtà, stavano venendo diffuse nell’aria enormi quantità di solfuro di cadmio, una sostanza altamente tossica. Il governo ammise che c’era anche una seconda sostanza, ma se questa fosse radioattiva rimane un informazione ancora classificata . E non può essere diversamente. Sin dall’inizio dei test, un allarmante numero di residenti della zona si ammalarono di cancro. Doris Spates è nata nel 1955 in uno degli edifici che l’esercitò utilizzò per questi test con sostanze chimiche nel periodo 1953-1954. Spates perse il padre inspiegabilmente in quello stesso anno, quattro suoi fratelli sono morti di cancro e la stessa Doris è riuscita a sopravvivere ad un cancro cervicale.

6. La Polizia sparò gas lacrimogeni sui manifestanti di Occupy nel 2011

La selvaggia violenza della polizia contro i manifestanti di Occupy nel 2011 è stata ben documentata, tra cui l’uso di gas lacrimogeni e altre sostanze chimiche irritanti. L’uso dei gas lacrimogeni è vietato contro i soldati nemici in battaglia dalla Convenzione sulle armi chimiche. La polizia non poteva riservare ai manifestanti civili a Oakland, in California, la stessa cortesia e protezione che il diritto internazionale richiede per i soldati nemici sul campo di battaglia?

7. L’FBI attaccò uomini, donne e bambini con gas lacrimogeni a Waco nel 1993

Durante l’assedio di Waco, una cruenta operazione di polizia condotta negli Stati Uniti nel 1993 per espugnare un ranch di Waco (Texas) dove era riunita una pacifica comunità di Avventisti del Settimo Giorno, l’FBI fece uso di gas lacrimogeni all’interno degli edifici, pur sapendo che dentro vi erano donne bambini e neonati. Il gas lacrimogeno è altamente infiammabile ed esplosivo.Tutti i palazzi che componevano il ranch bruciarono totalmente, provocando la morte di 49 persone, tra uomini e donne, e 27 bambini, inclusi alcuni neonati. Ricordate, attaccare un soldato nemico armato su un campo di battaglia con gas lacrimogeni è un crimine di guerra. Che tipo di crimine è attaccare un bambino con gas lacrimogeni?

8. L’esercito americano fece uso di uranio impoverito in Iraq nel 2003

In Iraq, l’esercito statunitense fece ampio uso di munizioni all’ uranio impoverito , un prodotto ottenuto come scarto del procedimento di arricchimento dell’uranio.. Come risultato, più della metà dei bambini nati a Fallujah dal 2007 al 2010 sono venuti alla luce con gravi difetti congeniti . Alcuni di questi difetti non erano mai stati visti prima al di fuori delle immagini presenti sui libri dei bambini nati nei pressi di dove vennero effettuati i test nucleari nel Pacifico. Il cancro e la mortalità infantile hanno anche visto un drammatico aumento in Iraq. Secondo Christopher Busby , segretario scientifico del Comitato europeo sui Rischi da Radiazioni: “Queste sono le armi che hanno assolutamente distrutto l’integrità genetica della popolazione dell’Iraq.” Dopo aver realizzato due dei quattro rapporti pubblicati nel 2012 sulla crisi sanitaria in Iraq, Busby ha descritto Fallujah come il paese con ” il più alto tasso di danno genetico in qualsiasi popolazione mai studiata.” [Inoltre anche i soldati che le hanno utilizzate si sono ammalati ndr].

9. L’esercito americano uccise centinaia di migliaia di civili giapponesi con il Napalm nel 1944-1945

Il Napalm è una sostanza altamente infiammabile che venne usata come arma dai militari degli Stati Uniti. Nel 1980, l’ONU dichiarò l’uso del napalm sulle popolazioni civili un crimine di guerra. Questo è esattamente ciò che fece l’esercito americano nella seconda guerra mondiale, lanciando abbastanza napalm su Tokyo per causare la morte di oltre 100.000 persone, ferirne un altro milione e lasciare un milione di senza tetto nel più mortale raid aereo della seconda guerra mondiale.

10. Il governo degli Stati Uniti lanciò bombe nucleari su due città giapponesi nel 1945

Anche se le bombe atomiche non possono essere considerate armi chimiche, credo che possiamo essere d’accordo sul fatto che appartengano alla stessa categoria. Di sicuro disperdono una notevole quantità di sostanze chimiche radioattive mortali. Sono altrettanto terrificanti, se non di più, delle stesse armi chimiche e, per la loro stessa natura, sono adatte per un solo scopo: spazzare via un’intera città piena di civili. Sembra strano che l’unico regime ad aver fatto uso di queste armi su altri esseri umani si è assunto la pretesa di tenere il mondo al sicuro da armi pericolose possedute da governi pericolosi.

Wesley Messamore

tratto da: http://www.siciliapress.com/i-dieci-attacchi-chimici-americani-cui-bisogna-parlare/

Quindi un po’ di coerenza, Gente. Non rompiamo i coglioni da Assad, andiamo a bombardare i criminali che stanno in Amerika!