“Non riesco a respirare”, piangono i manifestanti statunitensi. Ma il mondo intero è stufo del ginocchio americano al collo

Non riesco a respirare

 

Non riesco a respirare

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

“Non riesco a respirare”, piangono i manifestanti statunitensi. Ma il mondo intero è stufo del ginocchio americano al collo

L’omicidio di George Floyd da parte della polizia di Minneapolis ha costretto il popolo americano a guardare a lungo e duramente il loro paese e ciò che rappresenta. Anche il resto del mondo sta guardando. Non è una bella immagine.

L’immagine dell’ex ufficiale di polizia di Minneapolis, Derek Chauvin, inginocchiato sul collo di George Floyd, che ha spinto a chiedere aiuto (” Non riesco a respirare “) prima di morire, ha catturato l’attenzione di tutto il mondo.

Da più di una settimana, americani di ogni credo, razza e condizione socio-economica si sono uniti per affrontare la brutta realtà della brutalità sistemica della polizia. Molti hanno etichettato gli atti di dimostrazione, disobbedienza civile e rivolte distruttive risultanti come un’insurrezione degna di repressione. In effetti, la maggior parte dei leader civici ha ceduto alle pressioni esercitate da un radicato sentimento americano che personifica la cultura della brutalità della polizia e il suo razzismo endemico antecedente, scatenando le loro rispettive forze di polizia su una popolazione dissenziente.

Il risultato finale è stato un flusso apparentemente infinito di atti di violenza criminale inflitti alla gente da agenti di polizia indifferenti alla realtà che le loro azioni confermano ulteriormente il caso contro la loro continua esistenza e ignorano il fatto che ciò che sta accadendo oggi in America non è un’insurrezione condotta dai sedizionisti, ma una rivoluzione attuata dai patrioti. “Non riesco a respirare ” è diventato un grido di battaglia per questi patrioti che, attraverso le loro azioni, cercano di rimuovere il ginocchio della brutalità sistemica della polizia dal collo di una cittadinanza americana stufa che la loro Costituzione sia poco più che una decorazione murale per politici e polizia allo stesso modo.

Mentre è ancora incompleta, la rivoluzione sta vedendo risultati: la polizia ha cessato il proprio impiego, arrestata e perseguita, mentre la società ripensa collettivamente la sua relazione con i poteri di polizia mentre sono attualmente stabiliti. In quello che potrebbe diventare un modello per altri comuni americani, la città di Minneapolis – dove George Floyd è stato assassinato – sta attivamente prendendo in considerazione la possibilità di sciogliere il suo dipartimento di polizia e di sostituirlo con una nuova organizzazione di pubblica sicurezza che riflette i bisogni e le esigenze della cittadinanza.

Il crescente rifiuto americano di una polizia eccessiva e sempre più brutale ha costretto i collegi elettorali che in precedenza avevano posto la sua polizia su un piedistallo culturale riservato agli eroi, mentre chiudevano un occhio sulla sempre più militarizzazione delle forze dell’ordine americane per riesaminare questa relazione.

Quando il senatore Tom Cotton, un repubblicano dell’Arkansas, scrisse un articolo sul New York Times chiedendo l’uso di truppe federali per reprimere i disordini civili dilaganti che si scatenarono in tutti gli Stati Uniti in seguito all’omicidio di George Floyd, le persone sono state costrette non solo a considerare le conseguenze di tale azione, ma anche il fatto che i loro dipartimenti di polizia il più delle volte hanno agito come un potere occupante rispetto all’agenzia di servizio pubblico.

Patrick Skinner, un ex agente della CIA diventato poliziotto locale che è emerso come una rara voce della ragione quando si tratta di polizia americana, ha risposto alla chiamata alle armi di Cotton. “Sono un poliziotto locale “, ha twittato Skinner . “ Non un soldato. Questo senatore era un soldato. Non un poliziotto locale. Non ho paura dei miei vicini. Questo senatore è spaventato a morte dai suoi vicini. Rifiuta le sue richieste di guerra .”

Skinner, in un altro tweet, ha ulteriormente approfondito l’incongruenza di una nazione in guerra con se stessa. ” Quando vedo presunti leader apprezzare l’idea delle nostre forze armate che combattono i nostri vicini “, Skinner, un veterano della guerra globale al terrorismo, ha twittato , ” sbavando per” dominare “lo” spazio di battaglia “, mi rende ancora più dedito a questo: come poliziotto non sono un guerriero perché non sono in guerra con i miei vicini. Tutti contiamo o nessuno di noi lo fa . ”

Dalla fine della seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti sono stati una forza di polizia globale auto-nominata, combattendo contro le minacce derivate da un punto di vista unilateralista intriso del concetto di eccezionalismo americano.

Le Nazioni Unite furono create alla fine di quel conflitto, fondato nel precetto che la guerra non era la risposta e che il collettivo di nazioni che chiamavano la Terra la loro casa – i vicini, per una migliore scelta delle parole – avrebbero cercato soluzioni diverse da quelle armate conflitto come mezzo per risolvere le controversie. La mentalità del ” vicino “, tuttavia, non si adattava bene alla leadership americana del dopoguerra. Attraverso una serie infinita di guerre, fredde e calde, gli Stati Uniti definirono il loro rapporto con il resto del mondo dal punto di vista di un guerriero, in cui ogni nazione era un potenziale nemico da affrontare con la brutalità del conflitto armato.

L’elenco delle vittime di questo approccio da ” poliziotto mondiale “, sia diretto che indiretto, è lungo e i costi umani inflitti sono orribili. Per troppo tempo, il popolo americano è stato indifferente alla sofferenza di coloro che si sono scontrati con il poliziotto del mondo. Il resto del mondo, tuttavia, conosce la verità.

Questo è il motivo per cui la morte di George Floyd ha risuonato così profondamente in tutto il mondo – specialmente tra quelle nazioni che l’America considera alleate – con massicce manifestazioni che si diffondono in Francia, Germania, Inghilterra, Nuova Zelanda e altrove. ” Non riesco a respirare ” è diventato un grido di battaglia che trascende le disuguaglianze razziali d’America con la sua comunità afroamericana e ora incorpora un quartiere globale stufo del ginocchio americano sul collo collettivo.

La ” dimora splendente su una collina ” di cui una volta aveva parlato il presidente Reagan nel definire le relazioni dell’America con il mondo non esiste più. L’omicidio di George Floyd ha messo in luce i difetti fondamentali della relazione americana con i suoi vicini globali, che sono collettivamente sfiniti dalla brutalità del poliziotto americano. Gli Stati Uniti, all’indomani dell’omicidio di Floyd, non hanno credibilità. Questa realtà è stata portata a casa in un commento fatto da Hua Chunying, un portavoce del ministero degli Esteri cinese, quando ha risposto alle critiche del Dipartimento di Stato USA sulle politiche cinesi di Hong Kong: “ Non riesco a respirare. ”

Mentre il popolo americano riconsidera il suo approccio alla sorveglianza dei propri quartieri, dovrebbe anche riesaminare le proprie relazioni con il resto del mondo. È tempo che l’America riconsideri il suo approccio militarizzato alle relazioni internazionali. È tempo che l’America diventi un buon vicino.

*Ex ufficiale dell’intelligence del Corpo dei Marines degli Stati Uniti. Ha prestato servizio in Unione Sovietica come ispettore per l’attuazione del Trattato INF, nello staff del generale Schwarzkopf durante la guerra del Golfo, e dal 1991-1998 come ispettore  delle Nazioni Unite.

 

fonte: https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-_non_Riesco_A_Respirare__Piangono_I_Manifestanti_Statunitensi_Ma_Il_Mondo_Intero_%C3%A8_Stufo_Del_Ginocchio_Americano_Al_Collo/82_35435/

“Non riesco a respirare”, piangono i manifestanti statunitensi. Ma il mondo intero è stufo del ginocchio americano al colloultima modifica: 2020-06-06T20:18:37+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento