Ricordiamo le parole di Gino Strada che suonano come un avvertimento: “Soltanto dei cretini potevano pensare di continuare a fare guerre in giro per il mondo, senza che questo avesse delle ricadute sull’Europa e sul nostro Paese. Purtroppo i cretini ci sono e sono spesso in posizioni molto alte della società” !!

 

Gino Strada

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Ricordiamo le parole di Gino Strada che suonano come un avvertimento: “Soltanto dei cretini potevano pensare di continuare a fare guerre in giro per il mondo, senza che questo avesse delle ricadute sull’Europa e sul nostro Paese. Purtroppo i cretini ci sono e sono spesso in posizioni molto alte della società” !!

“Soltanto dei cretini potevano pensare di continuare a fare guerre in giro per il mondo, pensando che questo non avesse delle ricadute sull’Europa e sull’Italia. Purtroppo i cretini ci sono e sono spesso in posizioni molto alte della società”. Così Gino Strada, fondatore diEmergency, a margine del 15° incontro nazionale che si sta tenendo a Genova dal 30 giugno al 3 luglio 2016. L’organizzazione non governativa offre cure medico-chirurgiche gratuite alle vittime della guerra e della povertà, da dieci anni è presente in Italia, oggi con sei poliambulatori, ambulatori mobili, salvataggio e assistenza in mare con il Migrant Offshore Aid Station (MOAS). “La logica è la stessa che ci porta a intervenire dal 1994negli scenari di guerra, inoltre la povertà e la miseria di certe situazioni che vediamo in Italia – afferma Strada – sono conseguenze di guerre che siamo andati a portare in altri paesi. Il problema della mancanza di assistenza medica non riguarda solo i migranti: oggi ci sono circa 11 milioni di italiani che non si curano più come dovrebbero per questioni economiche”. Nessuna richiesta in particolare al Governo italiano: “Certo, mi piacerebbe vivere in un Paese che non esporta armi perché non ne produce, che decide davvero di ripudiare la guerra, che non partecipa a operazioni militari di occupazione o di guerra. Purtroppo non è così, ma sono convinto che gli italiani abbiano ancora la coscienza e la morale per far rimangiare tutte queste scelte assurde alla politica, e sono convinto che andremo incontro a un periodo di grandi cambiamenti, anche abbastanza veloci”

tratto da: https://ilfastidioso.myblog.it/2017/03/20/grandioso-gino-strada/

Altra notizia che i TG hanno dimenticato di dare: la Pinotti annuncia euforica: “L’Italia avrà altri due sommergibili per un investimento di un miliardo di euro”! …Vi ricordiamo Gino Strada che si chiedeva: “A chi cazzo dobbiamo fare la guerra?” …Aggiungerei, ma un miliardo non poteva essere speso meglio?

 

sommergibili

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Altra notizia che i TG hanno dimenticato di dare: la Pinotti annuncia euforica: “L’Italia avrà altri due sommergibili per un investimento di un miliardo di euro”! …Vi ricordiamo ” …Aggiungerei, ma un miliardo non poteva essere speso meglio?

 

Pinotti: «L’Italia avrà altri due sommergibili»

Riva Trigoso – L’Italia avrà altri due sommergibili per un investimento di circa un miliardo di euro. Lo ha annunciato questa mattina il ministro della Difesa Roberta Pinotti durante il varo nei cantieri Fincantieri di Riva Trigoso della fregata “Antonio Marceglia”

 

iva Trigoso – L’Italia avrà altri due sommergibili per un investimento di circa un miliardo di euro. Lo ha annunciato questa mattina il ministro della Difesa Roberta Pinotti durante il varo nei cantieri Fincantieri di Riva Trigoso della fregata “Antonio Marceglia”. «Il programma prevedeva sei sommergibili – ha detto Pinotti – quattro li abbiamo già consegnati, due li abbiamo deliberati nel bilancio 2018».

fonte: http://www.themeditelegraph.com/it/shipping/shipyard-and-offshore/2018/02/03/pinotti-italia-avra-altri-due-sommergibili-HCUAac89XmPOtp4q9h5uwL/index.html

 

Leggi:

Il grande sfogo di Gino Strada: “Mi piacerebbe che un Ministro della Difesa, un anno dopo aver comprato un F35, venisse qui a dirci che cazzo ha fatto quell’F35″ !!

Manifestazione di Macerata, Gino Strada: “Le Istituzioni non fanno un cazzo”

 

Gino Strada

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

Manifestazione di  Macerata, Gino Strada: “Le Istituzioni non fanno un cazzo”

“Rifiuto del terrorismo, della violenza, della guerra, del fascismo e delle cultura della paura che sta dilagando in Italia” “Rifiuto del terrorismo, rifiuto della violenza, rifiuto della guerra, riçuto del fascismo e il rifiuto di questa specie di cultura della violenza e della paura che sta dilagando in Italia”, con queste parole il fondatore di Emergency, Gino Strada, spiega all’agenzia “Dire” i motivi della sua partecipazione al corteo antifascista e pacifico che si è svolto ieri a Macerata. E sul fatto che le istituzioni stiano sottovalutando o meno il ritorno dell’estrema destra, Strada aggiunge: “Assolutamente sì”. Quindi perentorio conclude: “Non è sottovalutazione, non fanno un cazzo!”.

MACERATA, CHIUSE LA MAGGIOR PARTE DELLE ATTIVITÀ DEL CENTRO

Città Blindata e deserta. Le scuole e l’Università sono chiuse. E all’ora di pranzo anche la maggior parte dei negozi e delle attività ha abbassato le serrande. Non le riaprirà nel pomeriggio. Percorrendo la strada che da Corso Garibaldi porta a piazza della Libertà, in pieno centro storico, si incontrano pochissime persone. Perlopiù poliziotti e carabinieri che presidiano un territorio spaventato. Diversi commercianti ed esercenti hanno coperto le vetrate con dei pannelli per paura che il corto antifascista, che passerà all’esterno delle mura del centro, possa generare atti vandalici. “Stiamo chiudendo per paura della manifestazione- spiega alla Dire, Paolo, titolare della ‘Tazza Ladra’ in piazza Annessione-. Ho paura che ci possano essere dei tafferugli”. Come lui hanno fatto tanti altri. “Eravamo tutti d’accordissimo con il sindaco: la manifestazione non andava fatta- continua Paolo-. Non avremmo assolutamente voluto perché già una settimana fa abbiamo subito uno choc enorme. Oggi tornare ad avere paura non era il proprio caso. Non perché Macerata non è una città antifascista. Abbiamo sempre dimostrato di essere antifascisti. Ma è troppo presto, troppo a ridosso di quello che è accaduto. E in più non credo ci sia bisogno di dimostrare nulla perché lo abbiamo sempre dimostrato”.

 

CIVATI: SÌ A CORTEI ANTIFASCISTI SE SPARA UN FASCISTA

“Finora è andato tutto come doveva andare e l’auspicio è che si possano fare le manifestazioni antifasciste quando c’è un fascista che spara per strada”, così Pippo Civati (Leu) commenta all’agenzia Dire il corteo al quale ha preso parte ieri a Macerata. Quindi spiega il senso della sua convinta partecipazione: “Mi sto battendo perché si capisca che questa è una manifestazione che inevitabilmente è diventata di parte ma che poteva essere interpretata da tutte le forze politiche. Negli altri Paesi quando succede quel che è successo a Macerata, sono tutti impegnati con una testimonianza diretta: Presidenza della Repubblica, Governo e Camere. Da noi invece è diventata una questione di dibattito e secondo me questo è il primo errore. Il mio non è un appello polemico- precisa Civati- ma è un appello alla responsabilità”. Quindi sul fatto che a fine febbraio a Roma ci sarà la manifestazione nazionale, Civati scandisce la consecutio temporum del suo pensiero: “Lì ci saranno tutti, ma è chiaro che la manifestazione era questa. Senza essere provocatorio, ma è oggi, in questi giorni, in questa settimana che la politica doveva dare una risposta. Tutta la politica”. Chi non ha partecipato vuol dire che sottovaluta il problema? -gli viene chiesto-. “Il fascismo non torna con le stesse sembianze di 100 anni fa, torna con alcuni riflessi che vanno interpretati e contrastati”

Lo sfogo di Gino Strada: “Siamo governati da un parlamento di delinquenti che delinquono contro la Costituzione!

 

Gino Strada

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Lo sfogo di Gino Strada: “Siamo governati da un parlamento di delinquenti che delinquono contro la Costituzione!

Gino strada attacca duramente quelli che definisce “delinquenti politici”

Il fondatore e direttore esecutivo di Emergency Gino Strada non intende andare a votare. “Vedrò quel giorno cosa avrò da fare”, risponde all’ex magistrato Gherardo Colombo che gli consiglia almeno la scheda bianca. Tra i relatori di un incontro sulla Costituzione organizzato a Milano da Libertà e Giustizia e dal gruppo consiliare Milano in Comune, Strada ha parlato dell’articolo 11 della Costituzione, “L’Italia ripudia la guerra”, disatteso da governi di ogni colore. “E il prossimo non sarà diverso. Il ripudio alla guerra non c’è nei programmi di questa campagna elettorale: non posso votare chi non mi garantisce questo impegno”. E alla platea di Palazzo Marino spiega: “Siamo in guerra ininterrottamente dal 1999, dal governo D’Alema con l’ex Jugoslavia. E non cambierà nulla nemmeno col prossimo governo”

Siamo governati da un parlamento di delinquenti che delinquono contro la Costituzione, impuniti, urla Gino Strada…

Guarda il video QUI

Un commento:

Leggere la dichiarazione di Gino Strada a proposito dei “delinquenti” che ci governano contro la nostra Costituzione è stato come respirare aria pulita dopo essere stati chiusi per una notte intera a respirare scarichi d’auto tedesche nei loro capannoni creati a proposito. In realtà è stato anche qualcosa di più. Dopo mesi e mesi di imbonitori televisivi e giornalistici “interessati” che predicano urbi et orbi senza vergogna alcuna le ragioni “nobili” dettate dalla necessità dei loro editori “impuri” di preservare i loro interessi, ascoltare la voce di uno spirito che è anche un modello etico importante è equivalso a dirci: ma allora c’è qualcun altro che la vede come noi? Allora non siamo soli?!

Non è una questione da poco in un periodo storico in cui ci hanno tolto con forza ogni punto di riferimento, anche e soprattutto intellettuale, davvero valido. In un periodo in cui i “filosofi” sono quattro piazzisti del peggior sentire pseudo-politico che svendono i loro credo al committente che li affascina di più, che fanno bandiera di una ignoranza del tempo in cui vivono che fa paura; in un tempo in cui gli “scrittori” sono figli ignobili di Barbara Cartland, perché meglio raccontare qualche sega in salsa pseudo-sentimentale che metterci la faccia, impegnarsi politicamente e civilmente, arrischiare la propria cattedra o poltrona: vuoi mettere un’ospitata trendy da Formigli?… In un tempo così moralmente e politicamente, civilmente degradato fa insomma davvero piacere sentire le ragioni di una voce libera, seria, pulita, indipendente.

Gino Strada è sicuramente un personaggio che rientra con ogni merito tra le sparute schiere degli uomini liberi, seri, puliti, indipendenti, ed è pure un altro di quei tanti personaggi di sinistra, di una sinistra vera (ricordo a questo proposito lo stesso Dario Fo), che io ho mal giudicato in passato. Non so perché ma ha dispetto del suo impegno sul campo, di tutto il suo lavoro, non riuscivo a fare mio il profondo messaggio che lanciava il suo spirito. Sbagliavo, naturalmente, e non è stata la prima volta. Ma sempre meglio accorgersi dei propri errori e tentare di correggerli in un qualsiasi tempo che proseguire sulla via dannata senza mai fermarsi a pensare.

In realtà c’è solo una cosa su cui dissento da Strada: bisogna andare a votare! Il 4 marzo chi può deve andare a votare perché quei “delinquenti” citati dal fondatore di Emergency confidano proprio sull’indifferenza popolare per continuare a fare i loro sporchi interessi che non hanno mai coinciso e non coincideranno mai con gli interessi del Paese. Il 4 marzo bisogna insomma scendere come torme nei luoghi in cui si vota, schierarsi a gran voce contro questi personaggi e soprattutto dobbiamo fare in modo di riprenderci la sovranità che non appartiene né alla UE, né  a Merkel, né al Financial Times, né a Berlusconi o De Benedetti, o ai loro scagnozzi pagati per svilirci e insultarci anche come comunità, ma solamente al popolo italiano. A nessun altro! Proprio come la Costituzione!

 

Gino Strada senza peli sulla lingua: “Parlamento pieno di papponi, pedofili e condannati” !!

 

Gino Strada

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Gino Strada senza peli sulla lingua: “Parlamento pieno di papponi, pedofili e condannati” !!

 

Ricordiamo la storica intervista a Il Fatto Quotidiano del 2013, quando Gino Strada con il garbo e la cortesia che lo contraddistingue, disse tutto quello che pensava sul nostro Parlamento.

All’epoca grossa parte degli Italiani fu con lui.

Ad oggi nulla è cambiato. Anzi, sembra impossibile, ma le cose sono ancora peggiorate… E soprattutto non è cambiato il fatto che gli Italiani stanno dalla parte di Gino Strada!

Gino Strada all’attacco: “Parlamento pieno di papponi, pedofili e condannati”

Il fondatore di Emergency in un’intervista al Fatto attacca le istituzioni e scarica Grillo: “Il mio nome per il Quirinale era una provocazione, non penso che il M5S cambi le cose”. E ammette: “Non ho votato per loro semplicemente perché non voto da 35 anni, non voterò mai chi non mi garantisce che non mi porti in guerra”.

Per lui il parlamento è “un luogo inutile pieno di condannati, papponi e pedofili“. E’ la bordata che il fondatore di Emergency Gino Strada lancia alle istituzioni. In un’intervista al Fatto Quotidiano il chirurgo-pacifista è un fiume in piena e ne ha per tutti.

E Gino Strada non risparmia neanche Beppe Grillo: “Lui mi ha candidato al Colle. Ma era una proposta-provocazione. Il presidente lo eleggono i grandi elettori e dentro il parlamento ci sono condannati, papponi e pedofili”. Insomma Strada non ha mai preso sul serio la sua candidatura al Colle si dice deluso dal Movimento Cinque Stelle: “Il M5S è stato un segnale forte per i signori della politica. Non sono però ottimista sul fatto che le cose cambieranno. Bisogna parlare di valori, più delle coglionate dei politici”.

Intanto il fondatore di Emergency da un lato critica il palazzo ma dall’altra invece “sogna” la poltrona da ministro. Vorrebbe il dicastero della sanità: “Se me lo chiedessero seriamente lo farei. Il mio programma è questo: fuori il profitto dalla sanità, nessun soldo pubblico deve più finire nelle tasche del privato”.

Il Movimento Cinque Stelle lo ha già scaricato da tempo e non ha nemmeno votato per il partito di Grillo: “Non voto da 35 anni. Non voterò mai chi non mi garantisce che non mi porti in guerra. A me basta la mia coscienza civile. Stiamo costruendo un Paese privato non una Repubblica. Abbiamo la Costituzione più grottesca del mondo. Siamo in una giungla“. Insomma per Strada Grillo ha fallito e la rivoluzione lui l’attende ancora dalla sinistra: “La parola sinistra è stata stuprata. Bisogna cambiare parola”.

 

tratto da: https://myrebellion.blog/2017/05/02/gino-strada-senza-peli-sulla-lingua-parlamento-pieno-di-papponi-pedofili-e-condannati/

Afghanistan, Gino Strada: Siamo in guerra da anni e non se ne parla più. Non ci dicono che il nostro paese è in guerra. Non ci dicono cosa ci fanno in nostri militari in Afghanistan. Non ci dicono che i feriti sono aumentati del 160%. Qual è l’obiettivo?

 

Gino Strada

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

Afghanistan, Gino Strada: Siamo in guerra da anni e non se ne parla più. Non ci dicono che il nostro paese è in guerra. Non ci dicono cosa ci fanno in nostri militari in Afghanistan. Non ci dicono che i feriti sono aumentati del 160%. Qual è l’obiettivo?

 

 

Gino Strada intervistato da Diego Bianchi a #propagandalive (La7): ‘Noi siamo in guerra in Afghanistan da anni e anni e non se ne parla più. Non si dice che il nostro paese è in guerra. Cosa ci fanno militari italiani a combattere e sparare in Afghanistan?’ Qual è l’obiettivo? 

Ma non è l’unico tema che tocca Gino strada:

Liberi e Uguali, Gino Strada: “Usino più persone quelle due parole. Europa? Meschina e gretta, non le importa destino migranti”

Liberi e Uguali? Queste due parole fanno parte della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Non c’è nessun copyright da parte di nessuno. Anzi, le usassero più persone, più organizzazioni, più istituzioni: se la ricordassero questa cosa di liberi e uguali in dignità e in diritti“. Sono le parole del fondatore di Emergency, Gino Strada, ospite di Propaganda Live, su La7. Il medico risponde a una domanda del conduttore Diego Bianchi circa la somiglianza del simbolo della coalizione di sinistra capeggiata da Pietro Grasso e la campagna di Emergency del 2012: “Non c’è nessun plagio. La Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo è uno dei più alti punti del pensiero nella storia dell’umanità”. Sulla legge sul biotestamento, osserva: “Era ora. In Italia purtroppo siamo abituati a far passare per delle conquiste epocali delle cose che sono veramente il minimo indispensabile“. Inevitabile il tema dei migranti e delle Ong: “Ho trovato una uniformità di pensiero deprimente da parte di tutte le forze politiche. Riguardo alla politica del ministero dell’Interno, noi di Emergency l’abbiamo definita ‘un atto di guerra contro i migranti’, perché è davvero un atto di guerra. Poi ovviamente si costruiscono ulteriori bugie, come l’esprimere soddisfazione per i risultati straordinari raggiunti. E quale sarebbe il risultato straordinario? Il fatto che siano arrivati meno migranti”. E rincara: “Sarebbe questo il grande risultato? A prescindere dal fatto che queste persone stiano bene o siano state massacrate o stuprate o imprigionate? L’interesse di questa Europa gretta e meschina è che non arrivino più i migranti. L’interesse non è che muoiano o che soffrano, ma che non ci rompano più le palle. Noi, nella nostra grandissima intelligenza politica alla Minniti, pensiamo di poter fermare l’immigrazione. Ecco, direi di alzare il tiro: facciamo in modo che il sole non sorga più per due mesi. Questi sono pazzi”. Strada chiosa: “C’è stata una campagna diffamatoria contro le Ong, campagna in cui si vuole criminalizzare le organizzazioni semplicemente perché vogliono salvare qualcuno. Ma il criminale è chi non vuole salvare qualcuno”

Da Il Fatto Quotidiano

Gino Strada: “Non vedo più la sinistra, ma solo comitati d’affari”

 

Gino Strada

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Gino Strada: “Non vedo più la sinistra, ma solo comitati d’affari”

A inizio anno ha vinto il premio “Sunhak Peace 2017”, assegnato a personalità e organizzazioni che si distinguano per il loro contributo alla pace e allo sviluppo umano. Il 10 febbraio, invece, ha posato con Renzo Piano la prima pietra per la costruzione di un centro di chirurgia pediatrica d’eccellenza in Uganda. Gino Strada è il fondatore di Emergency: “Oggi”, dice, “parlare di pace è considerato irreale e utopistico. Noi siamo contro la guerra in un mondo in cui non esiste più un partito, un’organizzazione internazionale che la ripudi davvero”.
Qual è l’ultima scommessa di Emergency?Stiamo lavorando per riprendere a operare nel nostro ospedale di Erbil, nel Kurdistan iracheno, che avevamo lasciato qualche anno fa alle autorità locali. Su richiesta del governo curdo e dell’Unione europea, riprenderemo a curare lì i feriti che arrivano da Mosul, dove si combattono l’esercito iracheno e gli uomini di Daesh, con attacchi indiscriminati alle aree abitate dai civili e i residenti in fuga usati come scudi umani.
Quali sono le attività di Emergency oggi nel mondo?Dalla sua fondazione, nel 1994, Emergency ha curato gratuitamente 8 milioni di persone. Le nostre attività sono soprattutto chirurgia di guerra, pediatria e maternità: in Afghanistan, per fare un esempio, abbiamo tre ospedali chirurgici, un centro maternità – che abbiamo dovuto raddoppiare perché non ci stavamo più dentro – e una quindicina di cliniche. In Sudan, abbiamo un centro di cardiochirurgia, un ospedale pediatrico per il trattamento del colera e una clinica pediatrica in un grosso campo di rifugiati che raccoglie dalle 600 alle 800 mila persone. E siamo anche in Sierra Leone e nella Repubblica Centrafricana.
Avete attività anche in Italia. A Milano si vedono i camion rossi di Emergency per l’assistenza agli stranieri.Siamo a Milano, a Marghera, a Palermo e in diversi posti della Sicilia. A Polistena, in Calabria, abbiamo un ambulatorio fisso. Poi ci sono gli ambulatori mobili che seguono i migranti che si spostano per i raccolti. Ce n’è uno a Ponticelli, Napoli, e uno sportello di assistenza a Sassari. Faccio fatica a star dietro a tutte le cose che apriamo.
In Italia non assistete più solo gli stranieri.Quando abbiamo cominciato, nel 2006, pensavamo di occuparci solo di migranti. Ora invece ci occupiamo anche di italiani poveri che non riescono più a curarsi come si deve perché la sanità, che dovrebbe essere gratuita, non lo è più. Il sistema sanitario sta diventando privato. Il paziente deve pagare. Magari non molto, ma quel non molto per tanti è troppo.
In Europa e nel mondo intanto si innalzano muri.Negare asilo ai rifugiati è vergognoso. Ma è anche la fine dell’Europa, che non era nata sull’idea dell’esclusione, della fortezza assediata. Ci riempiamo la bocca di parole come “globalizzazione”, diciamo che il mondo non ha più confini, quando in realtà i confini non ci sono solo per le merci. Soltanto gli imbecilli possono pensare di fermare migrazioni che nella storia non è mai stato possibile fermare. Ogni sera, una persona su nove va a dormire affamata. Come possiamo essere sorpresi che milioni di esseri umani lascino la loro casa e si mettano in viaggio per sfuggire alla povertà e alla guerra?
Anche la sinistra pensa a come “governare” i flussi migratori.Io non so che cosa sia la sinistra. Capisco cos’è destra e sinistra se si parla del codice stradale, se si parla di politica non lo capisco più. Del resto, anche in Italia, la miglior politica di destra l’ha fatta la sinistra. Bisognerebbe tornare a discutere di valori e di principi fondamentali, invece ormai i governi sono in modo spudorato semplicemente dei comitati d’affari delle multinazionali. Il primo problema che dovrebbero affrontare è quello della guerra, da rifiutare sempre e comunque, non “questa no”, “quella sì”. Questo atteggiamento ha fatto fallire anche le istituzioni internazionali: l’Onu fu creata per impedire la guerra, invece da allora nel mondo ci sono stati 160 conflitti. È finito: il suo Consiglio di sicurezza è diventato il consiglio degli armaioli del mondo, che producono e vendono armi per i conflitti. Se vogliamo sperare che l’umanità sopravviva, dobbiamo smettere di ammazzarci.
da: Il Fatto quotidiano, 19 febbraio 2017
fonte QUI

GINO STRADA: “L’Europa non capisce la crisi umanitaria”

 

GINO STRADA

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

GINO STRADA: “L’Europa non capisce la crisi umanitaria”

 

Unione Europea ancora una volta dimostra di non capire la crisi umanitaria di fronte alla quale si trova.
Le proposte per gestire il flusso dei migranti in arrivo dal nord Africa vanno verso la militarizzazione del Mediterraneo e dei Paesi attraverso cui transitano i migranti.

Finanziare i centri di raccolta dei migranti in Libia, che sono a tutti gli effetti campi di detenzione e di tortura, investire per controllare i confini dei paesi di transito, dove vengono sistematicamente violati i diritti umani, impedire alle navi delle Ong l’attracco nei porti italiani sono tutte facce di una politica repressiva delle migrazioni, che ignora la sofferenza di milioni di esseri umani.

L’Europa si sta tirando indietro. Ai muri si sono aggiunti i carri armati.
L’Italia, che ha dimostrato fin dall’operazione Mare Nostrum, i suoi principi di umanità e solidarietà deve farsi portatrice presso l’Unione Europea di altre proposte per l’accoglienza di chi scappa dalla guerra e dalla povertà. Solo l’apertura di canali legali e sicuri di accesso all’Europa – i corridoi umanitari e la concessione di visti per ragioni di lavoro e studio – e solo la condivisione dell’accoglienza e di politiche comuni di integrazione possono permettere di regolare i flussi nel rispetto dei diritti e della sicurezza di tutti. E se anche l’Italia si ritroverà inizialmente sola in questo compito non rinunci a praticare il rispetto della vita e della dignità umana.

GINO STRADA

da rifondazione.it

Gino Strada e il ritorno del colonialismo

 

Gino Strada

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

 

Gino Strada e il ritorno del colonialismo

(di Arturo Diaconale – opinione.it) – Ciò che stupisce non è l’attacco di Gino Strada al ministro dell’Interno Marco Minniti per l’azione che il responsabile del Viminale cerca di realizzare per frenare l’afflusso incontrollato di migranti nel nostro Paese. Strada è da sempre su posizioni di solidarismo estremo. E il suo attacco costituisce una sorta di anticipazione di uno dei temi che la sinistra più intransigente, legata al mondo del volontariato più radicale, porterà avanti con la massima energia nel corso della campagna elettorale. Quello della critica al blocco del corridoio umanitario del Mediterraneo in nome della solidarietà e della pietà umana per quelle masse di profughi che non potendo più usufruire dei barconi e delle navi delle Ong saranno costretti a marcire nelle prigioni e nei campi di concentramento delle milizie libiche o dei governi corrotti e incapaci del Centro Africa.

Non è affatto peregrina la tesi di chi sostiene che per i migranti è mille volte meglio correre il rischio di finire affogati nel Canale di Sicilia o venire sbattuti nei centri di accoglienza italiani piuttosto che morire di stenti nei deserti africani o diventare oggetto di ogni tipo di violenza nei lager dei nuovi mercanti di schiavi. Ma questa sorta di teoria del male minore, che sarebbe quello di un’accoglienza difficile e senza speranza di integrazione nel nostro Paese, salva la coscienza di chi la sostiene ma non fa compiere un solo passo in avanti alla soluzione di un problema che alla radice ha le drammatiche condizioni delle zone da dove i flussi migratori provengono.

Tutti sono concordi nel sostenere che sarebbe meglio eliminare le cause delle migrazioni, e quindi dare stabilità e benessere ai Paesi devastati dalla guerra civile, dalla fame e dai governi dispotici e corrotti. Ma nessuno è in grado di formulare una proposta concreta per compiere un’operazione del genere. Perché tutti quelli che cercano di salvare la propria coscienza proponendo o l’accoglienza indiscriminata e irresponsabile o aiutare i disgraziati a casa loro sanno perfettamente che la prima soluzione è destinata a provocare tensioni incontrollabili a casa nostra e la seconda ad arricchire i governanti corrotti e dispotici abilissimi nel prendere gli aiuti del mondo occidentale e trasformarli in depositi personali nei paradisi fiscali.

E allora? L’irrealismo di Gino Strada porta a una conclusione paradossale. Perché pone come unica alternativa al solidarismo estremo che può devastare l’Italia e l’Europa il ritorno, sotto forma di aiuti controllati e garantiti dalla presenza militare, al vecchio colonialismo.

tratto da: https://infosannio.wordpress.com/2017/09/07/gino-strada-e-il-ritorno-del-colonialismo/

Incendi, Mattarella: “Azioni criminali da punire” …Si riferisce forse a chi ha comprato F35 anziché Canadair ed ha soppresso il Corpo Forestale…?

 

Incendi

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

Incendi, Mattarella: “Azioni criminali da punire” …Si riferisce forse a chi ha comprato F35 anziché Canadair ed ha soppresso il Corpo Forestale…?

In una settimana è andata in fumo un’area della Penisola grande quanto quella bruciata in tutto il 2016. Dall’8 al 15 luglio, secondo lo European Forest Fire Information System (Effis) della Commissione europea, i roghi hanno interessato 27.167 ettari. Nel 2016, secondo il rapporto “Ecomafia” di Legambiente, erano andati a fuoco più di 27mila ettari. Dall’inizio dell’anno al 15 luglio, stando all’Effis, le fiamme hanno avvolto un’area di 52.374 ettari. Di questi, 34.956 sono bruciati nei primi 15 giorni del mese corrente.

Sempre in base ai dati dell’Effis, la settimana scorsa in Italia si sono registrati 122 incendi di grandi dimensioni, oltre i 30 ettari; nei primi 15 giorni di luglio sono stati 176. Da inizio anno al 15 luglio si sono contati 272 roghi di vaste dimensioni. A confronto, tra il 2008 e il 2016, nello stesso periodo si erano verificati in media 48 incendi. Sempre tra il 2008 e il 2016, la media dei grandi incendi registrati in un anno è stata di 170.

Dati impressionanti, Non è vero?

Ed è anche vero che i responsabili sono criminali da punire…

Ma il Sig. Mattarella non deve guardare troppo lontano per identificare i responsabili di tutto questo.

Innanzitutto, chi ha comprato F35 anzichè Canadair. Ricordiamo GINO STRADA che in Tv urlava “Vorrei che un politico venisse qui in Tv, un anno dopo l’acquisto di un F35, per spiegarci COSA CAZZO HA FATTO in un anno questo F35…!?!”

E poi la soppressione del Corpo Forestale… La spending review, vero Matteo? …E ora su, dicci quanto hai risparmiato…

by Eles