Un altro prete idiota: ” Ha più morti innocenti sulla coscienza Totò Riina o Emma Bonino?” …A questo punto perchè non rivolgiamo un pensiero anche a quelle povere donne che hanno assassinato sui roghi?

prete

 

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Un altro prete idiota: ” Ha più morti innocenti sulla coscienza Totò Riina o Emma Bonino?” …A questo punto perchè non rivolgiamo un pensiero anche a quelle povere donne che hanno assassinato sui roghi?

 

Secondo don Francesco Pieri tra il capo di Cosa Nostra, responsabile di centinaia di omicidi e di stragi che hanno segnato la storia d’Italia, e la radicale Emma Boninomoralmente non c’è differenza“.

Sul suo profilo Facebook, come segnala Il Resto del Carlino, è comparso il post: “Ha più morti innocenti sulla coscienza Totò Riina o Emma Bonino?“. Un’altra polemica che nasce dalle esternazioni online di un sacerdote del capoluogo emiliano, dopo le parole scritte da don Lorenzo Guidotti riguardo la violenza subita da una 17enne dopo una serata alcolica per la quale aveva detto di non provare pietà. Solo che vedo meno gente disposta a indignarsi e schierarsi per questi innocenti.

Per il momento la Bonino non ha ribattuto.

Insomma, ancora una esternazione da parte di un prete idiota. E, purtroppo, sembra che nella chiesa ce ne sono troppi.

Tanto per capirci, a questo punto perchè non parliamo anche di quelle povere donne che preti idioti come Don Pieri hanno assassinato sui roghi?

 

Da La Repubblica:

Bologna, un altro prete choc sul web: “Ha fatto più morti Riina o Bonino?”

Provocazione di don Pieri su Facebook, paragonando mafia ad aborto. Una settimana dopo il caso di don Guidotti sullo stupro “cercato”. Puglisi (Pd): “Parole feroci, è adatto a insegnare?”

BOLOGNA Un altro sacerdote bolognese al centro delle polemiche per un commento choc su Facebook. Dopo il caso di don Guidotti, che di una ragazza vittima di stupro scrisse sulla sua bacheca che se l’era cercata, adesso è il turno di don Francesco Pieri che dal suo pulpito digitale ha postato una provocazione piuttosto forte sulla sua pagina (già ristretta nella serata di sabato ai soli amici, viste le prime reazioni): «Ha più morti innocenti sulla coscienza Totò Riina o Emma Bonino?». Il prete,  docente alla Facoltà teologica dell’Emilia-Romagna, incassa anche il ‘mi piace’ di don Massimo Vacchetti, vice-economo della Curia e responsabile della Pastorale dello sport. Il riferimento evidente è all’impegno politico e civile della Bonino per la legge sull’aborto: l’acrobazia social del prete è stata segnalata sul Resto del Carlino di questa mattina.

«Moralmente non c’è differenza», scrive don Pieri tra i commenti ricordando che il Concilio Vaticano II con la sua Gaudium et spes «mette l’aborto (non importa se legalizzato, ospedalizzato e mutuabile o no) in serie con “genocidio, omicidio volontario” e altri crimini orrendi (GS 27), tra cui certamente quelli di mafia, e lo definisce “abominevole delitto” (GS 51). Solo che vedo meno gente disposta a indignarsi e schierarsi per “questi” innocenti. Anche tra chi metterebbe la mano sul fuoco per il Vaticano II».

Don Pieri cita anche il cardinale Giacomo Biffi, morto nel 2015, riproponendo un articolo del 1998, in cui l’ex arcivescovo bolognese paragonava l’aborto ai lager nazisti.

“Voglio esprimere la mia solidarietà ad Emma Bonino, per l’ignobile accostamento delle sue battaglie per l’autodeterminazione delle donne con gli efferati delitti di mafia commessi da Totò Riina. Mi chiedo se una persona che afferma simili enormità,come don Lorenzo Pieri, sia adeguata all’insegnamento?”. Se lo chiede la senatrice Pd Francesca Puglisi, presidente della commissione contro il femminicidio.  “Ha espresso parole feroci, che offendono la dignità delle donne – sottolinea la parlamentare – Ignoranza populista allo stato puro, eccitata da Facebook.
Solidarietà anche al Vescovo, Matteo Zuppi, che in un tempo non certo semplice, sta cercando di guidare la comunità bolognese”.

Don Francesco Pieri è “un amico del Popolo della Famiglia, al quale rivolgiamo un commosso abbraccio di solidarietà”. Così, in una nota l’esponente del Popolo della Famiglia e già candidato sindaco a Bologna per questa formazione politica, Mirko De Carli. Il prete, secondo De Carli, è”vittima della gogna mediatica: nel giro di pochi giorni, per la seconda volta, i media stanno cercando di mettere sulla graticola un sacerdote della diocesi di Bologna, per un post privatamente scritto su Facebook. È evidente che, in un momento di disorientamento e di divisione nel mondo cattolico, si vogliano colpire le prese di posizione degli ecclesiastici che suonano meno allineate con il pensiero unico”. O semplicemente non allineate con la legge?

fonte: http://bologna.repubblica.it/cronaca/2017/11/19/news/bologna_un_altro_prete_choc_sul_web_ha_fatto_piu_morti_riina_o_bonino_-181510209/

 

Il Procuratore della Repubblica Domenico Seccia: “Riina è morto, la Mafia no”…

Riina

 

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

Il Procuratore della Repubblica Domenico Seccia: “Riina è morto, la Mafia no”…

“Ricordiamolo sempre: noi non siamo come loro”.

Riina è morto, la Mafia no

Alcune carte processuali sembrano dimostrare che dall’inizio della carcerazione di Totò Riina la Commissione di Cosa Nostra da lui presieduta non si sia più riunita. Ciò dimostra che il Capo dei Capi, nonostante una detenzione severa com’è quella del 41 bis, fosse ancora percepito come il boss dell’organizzazione. La sua pericolosità era, quindi, intatta e così la sua capacità di esercitare, potenzialmente, il potere.

Scomparso il capo nella mafia siciliana si apre il problema della successione, cosa mai avvenuta sinora, a riprova della compattezza dell’organizzazione attorno alla figura di Riina. Tale fase può svolgersi in due modi, o attraverso la riconvocazione della Commissione o con una nuova stagione di sangue. Ipotesi, quest’ultima, più remota in quanto dipendente dal potenziale militare di Cosa Nostra, notevolmente ridotto dall’incessante azione dello Stato. Lo dimostra il calo, negli ultimi anni, degli omicidi commessi dalla mafia siciliana.

Questo, tuttavia, non deve far abbassare la guardia. Non solo perché esiste ancora la cosiddetta “mafia dei colletti bianchi“, che troppo spesso infiltra l’attività pubblica e istituzionale. Ma anche per l’emergere e il consolidarsi di altre organizzazioni, altrettanto pericolose, a diverse latitudini. Pensiamo alla ‘ndrangheta calabrese, ai clan camorristici della Campania, alla mafia foggiana e a quella garganica, di cui ci si sta occupando troppo poco. Quando si parla di malavita tendiamo a concentrarci sui nomi altisonanti dei boss, dimenticando che essi sono solo la punta dell’iceberg di una guerra allo Stato ancora in corso. L’antimafia deve quindi continuare a occuparsi del fenomeno nel suo complesso, a prescidente dai singoli protagonisti.

Tornando alla morte di Riina voglio concludere con una riflessione personale. Sarebbe forse stato opportuno riconsiderare le sue condizioni detentive, dandogli la possibilità di esalare l’ultimo respiro in un luogo diverso dal carcere. Sarebbe stata la risposta migliore alle mafie. Così facendo lo Stato avrebbe, infatti, dimostrato di avere un concetto di umanità profondamente diverso dalla bestialità che caratterizza le organizzazioni criminali. Ricordiamolo sempre: noi non siamo come loro.

Domenico Seccia, Procuratore della Repubblica di Fermo, ex componente della Dda di Bari

Un altro grande successo del Governo Renzi: le sue leggi azzerano il processo “Rapido 904” contro Riina…!!

 

Riina

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

 

Un altro grande successo del Governo Renzi: le sue leggi azzerano il processo “Rapido 904” contro Riina…!!

Giudice in pensione e riforma del codice, da rifare l’ Appello contro Riina (malato)

Tutto da rifare. Il processo d’ appello per la strage del rapido 904 deve ricominciare. Almeno la parte che vede come unico imputato Totò Riina. Il risultato: la verità sul ruolo del capo di Cosa Nostra rischia di non arrivare mai. Dopo 33 anni lo Stato sta per alzare bandiera bianca: rinvio a data da destinarsi.

“Siamo presi in una tenaglia tra la nuova legge Orlando e il pensionamento del presidente della Corte d’ Assise d’ appello di Firenze”, sospira l’ avvocato Danilo Ammannato che rappresenta le famiglie delle vittime. A luglio è arrivata la riforma della giustizia, scrive il Fatto. Come hanno spiegato i familiari dell’ Associazione delle vittime di via dei Georgofili, altra strage di mafia: “Le modifiche apportate all’ articolo 603 del codice di procedura penale impongono al giudice, nel caso di appello del pm contro una sentenza di proscioglimento, la riapertura completa dell’ istruttoria. Quando avremo la verità sulle stragi degli anni 90 se anche i ministri della Giustizia remano contro?”. Sarà necessario risentire tutti i testimoni: “Parliamo di una dozzina di testi per i quali in primo grado erano occorse sedici udienze”, spiega Ammannato. Finora in appello sarebbe bastato produrre gli atti delle testimonianze raccolte in primo grado. I parenti delle vittime puntano il dito contro la riforma.

 

tratto da IL FATTO QUOTIDIANO

Dell’Utri dal carcere: “Io sono un prigioniero politico”…Ma era più credibile quell’altro “mafioso” che chiedeva una morte dignitosa

Dell’Utri

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Dell’Utri dal carcere: “Io sono un prigioniero politico”…Ma era più credibile quell’altro “mafioso” che chiedeva una morte dignitosa

Dell’Utri dal carcere tifa larghe intese: “Sarebbe auspicabile un patto nazionale Pd-Fi. Io sono un prigioniero politico”

L’ex senatore di Forza Italia, condannato in via definitiva a sette anni per concorso esterno a Cosa nostra, torna a parlare direttamente da Rebibbia. “Se non ci fosse Berlusconi? L’unica via è Renzi. Sarebbe auspicabile un patto intelligente ma non è possibile: il Paese non lo capisce. I 5 Stelle? Per me sono un mistero”, ha detto l’ex parlamentare intervistato da In Onda

Un governo a larghe intese, nato da un “patto intelligente” tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi? “Sarebbe auspicabile, solo che il Paese non lo capirebbe”. Parola di Marcello Dell’Utri, l’ex senatore e fondatore di Forza Italia, condannato in via definitiva a sette anni di carcere per concorso esterno a Cosa nostra, che è tornato a parlare direttamente dal carcere di Rebibbia. “Io non sono un detenuto come gli altri, ma un detenuto politico, anzi un prigioniero politico: è la parola che più mi si addice”, dice l’ex senatore intervistato da David Parenzo di In Onda su La7.

Il fondatore di Forza Italia ha incontrato il giornalista con due bende ben in vista sulle braccia, frutto di una recente operazione chirurgica. “La mia cardiopatia è incompatibile con la detenzione”, sentenzia Dell’Utri che –  come anticipato dal ilfattoquotidiano.it nel settembre scorso – punta ad ottenere gli arresti domiciliari per motivi di salute: sul suo caso il tribunale del riesame si esprimerà il prossimo 13 luglio.

Intervistato da Parenzo (con il direttore del fattoquotidiano.itPeter Gomez, collegato con lo studio dalla redazione di Milano) Dell’Utri ha parlato di un po’ di tutto, anche del nostro giornale. “Sul Fatto Quotidiano ho fatto una battaglia: non lo vendevano qui in carcere. Ho fatto una domanda alla direzione: non mi hanno risposto. L’ho fatta un’altra volta: anche qui niente.  Non avendo ricevuto risposta ho scritto al direttore del giornale chiedendo d’intervenire. Io non sono un estimatore del Fatto ma un lettore sì“, ha raccontato l’ex senatore spiegando di vedere anche la televisione in cella. “Ho la tv con tutti i canali importanti ma non mi diverte guardarla. Mi piace guardare la pubblicità, che è lo specchio dei tempi”, dice Dell’Utri fondatore ed ex presidente diPublitalia ’80.

Ovviamente l’uomo che fondò Forza Italia nel lontano 1993 continua a seguire la politica anche da detenuto. “Il dibattito politico mi diverte. I 5 Stelle? Non rispondo, per me sono un mistero. Ci sono due partiti: chi non vota e chi vota i 5 Stelle. Come governano? Diciamo che governano è termine generico per loro. Berlusconi è incredibile: non si spezza mai. Se non ci fosse Berlusconi? L’unica via è Renzi. All’inizio l’ho visto bene ma poi ha deluso”, sono alcuni dei concetti espressi da Dell’Utri, che poi ha auspicato un governo a larghe intese.  “Sarebbe auspicabile un patto nazionale intelligente ma non è possibile: il Paese non lo capisce”.

fonte: http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/07/05/dellutri-dal-carcere-tifa-larghe-intese-sarebbe-auspicabile-un-patto-nazionale-pd-fi-io-sono-un-prigioniero-politico/3710358/

Dopo Riina anche Dell’Utri. non lasciamolo morire in carcere, diamogli una morte dignitosa… certo che la MAFIA logora…!!

Dell'Utri

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

Dopo Riina anche Dell’Utri. non lasciamolo morire in carcere, diamogli una morte dignitosa… certo che la MAFIA logora…!!

 

Scrivi a firmaperdellutri@iltempo.it per chiedere che Marcello Dell’Utri abbia la sospensione della pena per motivi di salute…

L’accorato appello de Il Tempo che corre in soccorso del condannato per concorso esterno in associazione mafiosa!

Secondo i giudici: “Dell’Utri mediatore del patto tra Berlusconi e Cosa nostra” ed era “Socialmente pericoloso”

Certo che la MAFIA logora…

Leggi l’articolo de il Tempo:

Vogliono lasciar morire Dell’Utri in cella. Firma anche tu per chiedere la sospensione della pena

Però senza MAI dimenticare che stanno parlando di un MAFIOSO…!

 

by Eles

 

 

 

 

Chiuso il programma Parliamone Sabato. Giusto! Con tutti i figli di mafiosi che vorrebbero presentare i loro libri in Tv, la Perego spreca soldi pubblici per fare programmi sessisti!

 

Parliamone Sabato

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

Chiuso il programma Parliamone Sabato. Giusto! Con tutti i figli di mafiosi che vorrebbero presentare i loro libri in Tv, la Perego spreca soldi pubblici per fare programmi sessisti!

Paola Perego che spreca denaro pubblico per parlare di ragazze dell’est? Una vergogna. Ma non ha un briciolo di dignità? Non ha imparato niente dal grande maestro del giornalismo Italiano Bruno Vespa?

Lui sì che i soldi pubblici li usa come si deve: FACENDO PUBBLICITA’ AL LIBRO DEL FIGLIO DEL PIU’ SANGUINOSO DEI BOSS MAFIOSI …!!

…E Voi che vi sentite così tanto offesi  dallo squallido sessismo di questa trasmissione di leggero intrattenimento, scommetto che siete gli stessi che Vi siete sentiti onorati dall’alto livello culturale di Bruno Vespa che A SPESE VOSTRE sponsorizzava il figlio di un mafioso assassino, quello che passando innanzi al monumento dedicato a Falcone commentò: “ancora i fiori a ‘stu cosu”…

W la Rai

 

By Eles

 

 

 

Salvatore Borsellino furente: LA MAFIA RINGRAZIA IL SIGNOR VESPA – Porta a Porta va chiuso !!

 

.

.

Salvatore Borsellino

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

Salvatore Borsellino furente: LA MAFIA RINGRAZIA IL SIGNOR VESPA – Porta a Porta va chiuso !!

Diamo un segnale forte, chiediamo di non vedere più sulle reti del servizio pubblico questo untuoso servo del potere, Per anni si è inchinato ai potenti oggi ha raggiunto il fondo, è arrivato ill limite, è arrivato a prostrarsi al rappresentante di una famigli di criminali, ne ha pubblicizzato un libro dove si tenta di rappresentare questa famigli come una famiglia normale senza mai provare a fare una minima contraddizione, una minima contestazione. LA MAFIA RINGRAZIA signor Vespa.

S. Borsellino

Il fratello del giudice Borsellino, Salvatore, si scaglia contro la trasmissione Porta a Porta di Bruno Vespa che ha intervistato il figlio di Totò Riina che ha scritto un libro sulla sua famiglia. Afferma di aver avuto la nausea quando ha saputo della presenza del figlio del boss che parlava della sua famiglia come di una famiglia normale e dichiara di voler aderire alla petizione per chiudere il programma di RaiUno

CLICCA SULL’IMMAGINE PER VEDERE IL VIDEO:        Salvatore Borsellino