Giornalisti italiani pagati per creare fake news? Tra i nomi anche Beppe Severgnini (Corriere della Sera) e Jacopo Iacoboni (La Stampa) – Vogliamo la verità, l’ordine dei giornalisti faccia chiarezza!

 

fake news

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Giornalisti italiani pagati per creare fake news?  Tra i nomi anche Beppe Severgnini (Corriere della Sera) e Jacopo Iacoboni (La Stampa) – Vogliamo la verità, l’ordine dei giornalisti faccia chiarezza!

Giornalisti italiani pagati per creare fake news? Ordine dei giornalisti indaghi

Vogliamo la verità. Alcuni documenti riservati pubblicati da Anonymus rivelano i dettagli di una operazione – denominata “Integrity Initiative” – che minaccia la libertà del giornalismo e della rete. Il governo e i servizi di sicurezza inglesi avrebbero ingaggiato giornalisti e uomini insospettabili con l’obiettivo di screditare la Russia ed influenzare l’opinione pubblica. Secondo questa fonte nella lista ci sarebbero anche il giornalista del Corriere della Sera Beppe Severgnini e quello de La Stampa Jacopo Iacoboni. Nel 2018 questa operazione è costata ai contribuenti inglesi 1.9 milioni di sterline (circa 2,2 milioni di euro).

Analoga operazione è stata messa in campo dalla Commissione europea che, lo scorso dicembre, ha stanziato 5 milioni di euro in vista della prossima campagna elettorale. Con la scusa di contrastare i cosiddetti troll russi, l’Unione europea organizza la sua (contro?)propaganda: altro che “quarto potere”, etica del giornalismo e indipendenza della stampa. Per fare chiarezza e restituire un po’ di credibilità alla professione, l’Ordine dei giornalisti dovrebbe aprire una inchiesta indipendente per accertare i fatti.

L’Ordine dei Giornalisti si unisca alla nostra richiesta di trasparenza sull’uso di questi fondi. Come vengono spesi? Quanti giornali ne usufruiscono? In cambio di che cosa? Ci sono giornalisti che vengono pagati per influenzare e orientare l’informazione che invece dovrebbe essere libera? Se c’è qualche mela marcia che infanga la professione giornalistica si deve intervenire immediatamente prendendo i provvedimenti disciplinari previsti dalla legge n.69/1963.

Al Parlamento europeo il Movimento 5 Stelle aveva già denunciato questa minaccia nel 2016, in occasione del voto sul rapporto“comunicazione strategica dell’UE per contrastare la propaganda nei suoi confronti da parte di terzi”. Nel testo si fa riferimento alla cosiddetta propaganda russa che avrebbe l’obiettivo “di seminare il dubbio, paralizzare il processo decisionale, screditare le istituzioni dell’UE agli occhi e nelle menti dei propri cittadini ed erodere i valori occidentali e i legami transatlantici”. Si arriva così ad allestire una “task force di comunicazione strategica dell’UE trasformandola in una unità a pieno titolo”. Evidentemente i burocrati europei iniziano a sentire il fiato sul collo dei cittadini e sperano di condizionarli con la loro propaganda spacciata da legittima difesa.

La Russia, quindi, diventa il pretesto per influenzare i cittadini europei che nutrono tanti dubbi su questa Europa e sui suoi attuali dirigenti. La Russia diventa la scusa per “fornire sostegno diretto agli organi di stampa indipendenti”, che quindi cesseranno di essere tali. Diciamolo chiaramente: quello che si chiama “sostegno alla stampa indipendente” è in realtà una ingerenza per censurare le notizie scomode. Il prossimo passo quale sarà?

 

tratto da: http://www.efdd-m5seuropa.com/2019/01/giornalisti-italiani.html

Fake news di Stato – Ci hanno raccontato di 38 furti subiti, prima di reagire e sparare… Ma non è vero niente! Chi ha interesse ad alimentare il clima da Far West e perché?

Fake news

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Fake news di Stato – Ci hanno raccontato di 38 furti subiti, prima di reagire e sparare… Ma non è vero niente! Chi ha interesse ad alimentare il clima da Far West e perché?

Ci hanno raccontato di 38 furti subiti, ma non è vero niente

La storia di Fredy Pacini non è come ve l’hanno raccontata. I 38 furti subiti in realtà sono stati due, e quattro tentativi di furto denunciati. Anche sommando i tentativi denunciati, il totale è sei e non 38. Così ci ha confermato anche il Capitano dei Carabinieri di zona. Chi ha interesse, dunque, ad alimentare il clima da Far West? A chi giova gridare all’insicurezza e demandare la difesa pubblica a un esercizio da pistoleri privati?

Trentotto furti subiti, oppure quattro, o sei, non sono la stessa cosa. Come non è la stessa cosa sparare cinque colpi oppure nessuno. Non è la stessa cosa sparare in aria o a qualcuno che scappa nel cortile della tua azienda oppure ti affronta con una bomba a mano stretta nel pugno in camera da letto. Difendere le proprie idee a scapito della verità è da cretini. La gente per bene non distorce i racconti, e non lascia punti oscuri nella narrazione delle notizie. Dobbiamo imparare a odiare chi esaspera le notizie, e chi usa quell’esasperazione per abbreviare i tempi di approvazione di una legge.

Sulla legittima difesa vi ci siete buttati come cani, difendendola a prescindere dalla vita. Avete usato l’ennesimo uomo armato, ieri a Monte San Savino, un uomo che ha sparato e ucciso un altro uomo, probabilmente ladro, sicuramente disarmato. I cani che ho avuto io erano tutte personcine per bene. Mentre qui la difesa del gesto del proprietario d’azienda, dai social al Ministro degli Interni Matteo Salvini, è stata meno Zanna Bianca e più Cerbero, il cane a tre teste della mitologia greca.

Fredy Pacini, ieri notte, dall’interno della sua azienda nella quale dormiva, ha sparato a due presunti ladri in fuga, nel piazzale della sua ditta. Ha sparato più colpi, cinque, due sono arrivati a segno, uno ha reciso l’arteria, l’uomo ha fatto pochi passi, si è accasciato al suolo ed è morto. L’uomo ha un nome e un cognome: Vitalie Tonjoc, e aveva 29 anni ed era incensurato.

Il Ministro degli Interni avvia immediatamente la sua macchina comunicativa: social, dichiarazioni tv, comunicati stampa. “Faremo una legge per la difesa sempre legittima”, tuona. Neanche la sua legge, però, salverebbe Fredy Pacini secondo la ricostruzione di spari a uomini disarmati e in fuga.

Fredy Pacini, alcune ore dopo, dichiara di aver subito già 38 furti. Trentotto furti, converrete, sono davvero tanti, soprattutto in un arco temporale così ristretto. Nel frattempo, la polemica politica divampa, la legge sulla difesa sempre legittima sembra già di vederla, scritta pronta e mangiata.
Faccio qualche domanda a giro e scopro che non è vero che Fredy Pacini abbia subito 38 forti, o almeno è vero il fatto che Fredy Pacini tutti quei tentativi di furto non li ha mai denunciati. Telefono al capitano dei carabinieri Monica Dallari e conferma: “No, non risultano neanche a noi”.
Riassumendo: dal 2014 a oggi risultano soltanto sei denunce fatte da Fredy Pacini, e di queste solo due per furto. Le altre quattro sono invece tentativi di furto. In totale, comunque, non trentotto denunce ma solo sei. Il capitano dei carabinieri dice: “Si è un po’ gonfiato il numero”. E sì, si è un po’ gonfiato. Chissà a favore di chi.
Non solo: in tutta la zona di Monte San Savino, nell’ultimo anno, risultano secondo il capitano dei carabinieri, soltanto sei furti. Cioè “in tutti i capannoni della zona industriale dove lavora Fredy Pacini, solo sei furti nell’ultimo anno. Sei furti in totale, sommati fra tutte le aziende. Questo non è il Far West come qualcuno ha provato a raccontare”.

La mia idea è che si voglia cavalcare ancora una volta l’onda della paura – non giustificata dai numeri – per alzare il livello di scontro nel Paese. Un gioco macabro, che ci fa precipitare – questa volta sì – davvero, nell’insicurezza, alimentando la paura non giustificata. La mia idea è che si accarezzino gli atavici timori per un tornaconto in termini di Governo. Perché sempre, quando si usa un fatto di cronaca per comprimere i tempi di approvazione di una legge, si è sempre sul filo del burrone.

A questo punto è necessario fare un passo indietro e ripercorrere la storia dall’inizio, perché qualcosa non quadra, e lo zampino della politica – che si è gettata su questa storia, azzannandola quando già perdeva sangue – non aiuta a dipanare la matassa.

Ora dovrà indagare la magistratura e capire fino a che punto una questione umana, il terrore dei furti, abbia effettivamente inciso sul gesto, e quanto il gesto avesse una reale motivazione di legittima difesa. Stando ai numeri sembra ne avesse poca, anche se certa politica ha gridato “hai fatto bene a sparare”. Tutto questo, però, lo dovrà decidere un processo.
Ieri invece il Ministro degli Interni Matteo Salvini, con un cadavere in terra ancora caldo e le indagini in corso, ha dichiarato “le istituzioni sono con te”, così ci ha riferito Alessandra Chelli, che con il Ministro ha parlato al telefono. E io penso che sostituirsi alle indagini, parlare a nome delle Istituzioni del Paese rispetto a un’azione su cui la magistratura ha appena iniziato a indagare, sia grave come sparare.

E alla fine di tutto, ma anche al principio di questa storia, rimane inevasa la più importante delle domande: quanti pneumatici, secondo voi, vale la vita di un uomo? In altre parole: dopo quante gomme da strada rubate si può uccidere una persona? Una o cento? Secondo me neanche tutti i pneumatici del mondo moltiplicati per tre valgono la vita di un Uomo.

 

fonte: https://www.fanpage.it/ci-hanno-raccontato-di-38-furti-subiti-ma-non-e-vero-niente/

Meridionali in coda per il reddito di cittadinanza: COME SI INVENTA UNA FAKE-NEWS? Basta avere un partito retto da miserabili ciarlatani che lo hanno portato dal 40% al 18%, qualche giornale che obbedisce agli ordini e un po’ di coglioni che ci credono!

 

FAKE-NEWS

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Meridionali in coda per il reddito di cittadinanza: COME SI INVENTA UNA FAKE-NEWS? Basta avere un partito retto da miserabili ciarlatani che lo hanno portato dal 40% al 18%, qualche giornale che obbedisce agli ordini e un po’ di coglioni che ci credono!

Come si costruisce una fakenews, ovvero una falsa notizia? Oggi il quotidiano Il Mattino ha pubblicato un pezzo che va davvero oltre! Lo potremo definire un vero e proprio manuale delle bufale…esaminiamolo assieme e vediamo quali caratteristiche essenziali occorrono per diffondere una bufala, una balla gigantesca.

1) Fai un titolo che includa la categoria che vuoi colpire, possibilmente cerca di usare il termine più dispregiativo che puoi “i grillini” in questo caso va bene

2) Dai il senso che ci sia un problema nel paese. In questo caso il problema è che “hanno vinto”, ora sottolinea un disagio che deriva da questo evento “in fila nei CAF” “casi in Puglia e in Sicilia”

3) Fai in modo che la protesta sia evidente crea passaggi con citazioni : «Ma come», questa la protesta: «È ancora tutto in alto mare?». Ma certo. Il governo ancora non c’è, ammesso che ci sarà mai.

4) Usa un’immagine evocativa di ciò che vuoi rappresentare, una bella fila è quello che ci vuole in questo caso, metti in modo chiaro la descrizione di ciò che sta avvenendo : “Le code Uno dei Caf presi d’assalto per ottenere il reddito di cittadinanza”

Usa anche un’immagine falsa come questahttp://bit.ly/2FoJcQT basta che poi la ritagli un po, in modo che non si veda che si tratti di un ufficio postale anziché di un Caf.

5) Concludi lasciando un senso di sconforto, fai sembrare che tutto vada male e che tutti siano contro il M5S, quindi usa il nome delle altre forze politiche, fa che siano ben visibili e che siano tutti contro di loro, butta in mezzo i migranti e Napoli che fanno sempre colpo.

Non ce la fanno ragazzi, hanno accusato un duro colpo e ancora oggi non hanno capito che gli italiani sono stufi di essere presi in giro e di essere trattati come stupidi.
Era proprio vero che loro non si arrenderanno mai, ma noi neppure ✌️

Guarda anche il video :
TG3, Smentita la bufala del CAF preso d’assalto per il Reddito di Cittadinanza, solo normali richieste di informazioni.
https://www.facebook.com/vilmamoronese.it/videos/1915033561901601/

Leggi anche :
Meridionali in coda per il reddito di cittadinanza: come il Pd inventa una fake-news
https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/03/09/meridionali-in-coda-per-il-reddito-di-cittadinanza-come-il-pd-inventa-una-fake-news/4214199/

 

di: Vilma Moronese Cittadina Senatrice M5S

SEMPRE PIÙ PIETOSI: la ministra Fedeli prima urla alla “Fake news”, poi si arrampica sugli specchi quando in tv Luca Telese le ricorda la promessa di ritirarsi dalla politica in caso di sconfitta al referendum. Pietosa, ma esilarante!

Fedeli

 

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

SEMPRE PIÙ PIETOSI: la ministra Fedeli prima urla alla “Fake news”, poi si arrampica sugli specchi quando in tv Luca Telese le ricorda la promessa di ritirarsi dalla politica in caso di sconfitta al referendum. Pietosa, ma esilarante!

VALERIA FEDELI MENTE ANCORA!

 

Da Il Giornale:

“Fake news”, “Non si è ritirata?”: scontro Fedeli-Telese

Il ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli, ha avuto un acceso scontro in tv a “Tagadà” con Luca Telese. Ecco cosa aveva detto prima del referendum

Il ministro dell’IstruzioneValeria Fedeli, ha avuto un acceso scontro in tv a “Tagadà” con Luca Telese.

Al centro delle scintille quella promessa della Fedeli di ritirarsi dalla politica in caso di vittoria del “No” al referendum del 4 dicembre 2016. Telese incalza subito il ministro: “Ma lei non aveva detto che avrebbe smesso con la politica, se avesse perso il Sì al referendum costituzionale? C’ero anche io nella stessa trasmissione”.

La Fedeli ribatte e prova a rimangiarsi quanto detto: “Non ho detto questo. Ho detto un’altra cosa, e cioè che, dal mio punto di vista, dopo la sconfitta del 4 dicembre, si sarebbe dovuti andare al voto” “Non è vero” – replica Telese – “Lei da ministro non può dire questo, quando gira un video, in cui lei dice che non bastava dimettersi, ma era necessario ritirarsi dalla politica”. Poi la chiusura del ministro: “No, mi dispiace, caro Luca. È una fake news”. Ma un video ancora presente sul web mostra esattamente il contrario di quanto sostenuto dalla Fedeli. Ecco le sue parole prima del referendum: “Se vince il No, il giorno dopo bisogna prenderne atto, non possiamo andare avanti perché non avremmo più l’autorevolezza. Sarebbe giusto rimettere il mandato da parte del premier ma anche da parte dei parlamentari: tolgo l’alibi a chi pensa ‘tanto stiamo lì fino al 2018’, perché pensano alla propria sedia. Io non penso alla ‘propria’ sedia”.

QUI il nostro articolo con il video della promessa della Fedeli

QUI il video tratto dalla trasmissione

Miracolo a Roma – La Capitale ha quasi 3 milioni di abitanti, ma casualmente, in 2 servizi della trasmissione di Santoro, viene mostrato lo stesso “contestatore” della Raggi, che appare in 2 luoghi e in 2 momenti diversi!

Santoro

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Miracolo a Roma – La Capitale ha quasi 3 milioni di abitanti, ma casualmente, in 2 servizi della trasmissione  di Santoro, viene mostrato lo stesso “contestatore” della Raggi, che appare in 2 luoghi e in 2 momenti diversi!

Roma ha quasi 3 milioni di abitanti, ma casualmente, in 2 servizi andati in onda nella trasmissione M di Santoro, viene mostrato lo stesso “contestatore” del M5s e della Raggi, che appare in 2 luoghi e in 2 momenti diversi: è una coincidenza…?

E non è il primo caso di bufale (o fake news come ora amano chiamarle) del suddito del regime Santoro…

Ricordate?

L’ospite del pubblico che da Santoro gettava fango sulla Raggi? Sgamato dalla rete! Fake News e figura di merda madornale

 

L’ospite del pubblico che da Santoro gettava fango sulla Raggi? Sgamato dalla rete! Fake News e figura di merda madornale

Santoro

 

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

L’ospite del pubblico che da Santoro gettava fango sulla Raggi? Sgamato dalla rete! Fake News e figura di merda madornale

Sonny Sampson Olumati, era tra il pubblico di Santoro, si lamentava della Raggi, e del M5S.

Poi si scopre che lavora per Rai e Mediaset e che ha l’abitudine di fare selfie con quelli del Pd…

Che figura di merda…

sonny 2

sonny 3

sonny

Caro idiota che col canone finanzi la propaganda elettorale di Renzi, sappi che i Tg che esultano perchè la disoccupazione scesa, udite udite, dall’11,1 all’11%, ti stanno prendendo per i fondelli!

 

disoccupazione

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Caro idiota che col canone finanzi la propaganda elettorale di Renzi, sappi che i Tg che esultano perchè la disoccupazione scesa, udite udite, dall’11,1 all’11%, ti stanno prendendo per i fondelli!

Tanto finto clamore per un risultato ridicolo. E nessuno ti dice, per esempio, che dei 65 mila nuovi posti di lavoro, ben 54 mila sono a termine, ALTRI PRECARI!

Ma tu stai sereno, lo vedi come dopo 4 anni di Renzi stiamo tutti meglio?

E sei contento che col tuo canone finanzi la propaganda che Renzi si fa sulla Tv di regime?

by Eles

Occupazione. Renzi trilla: “aumento, un dato storico”, Gentiloni lo segue. È vero, ma dei 497mila nuovi posti di lavoro ben 450 mila sono a termine, un “ennesimo boom”, dice Scacchetti (Cgil). I media diffondono notizie false.

I titoli sulla occupazione sono fatti in fotocopia. I media ancora una volta si prestano a volgari operazioni utilizzando i dati Istat, che fa di tutto per confondere le acque. I grandi online, compreso Huffington Post, hanno titoli che sembrano fatti in fotocopia. Non c’è neppure bisogno di “suggerimenti” da parte dei comunicatori di Palazzo Chigi, sempre pronti a dare “consigli”, rivelare “retroscena”. Renzi trilla pochi minuti dopo che Istat aveva diffuso la grande notizia sull’aumento dell’occupazione. Il  segretario del Pd annuncia trionfante che “in campagna elettorale contano i risultati non le promesse. Noi ci  presentiamo con un milione di posti di lavoro in più, Pil in salita e indicatori economici in più. Un dato storico”. Gentiloni per non rimanere indietro  gorgheggia: “A novembre il numero di occupati ha raggiunto il livello più alto da 40 anni e scende anche la disoccupazione giovanile. Si può e si deve fare meglio. Servono più che mai impegno e serietà, non certo una girandola di illusioni”. La televisione, quella pubblica in particolare, non si fa pregare. Esemplare il televideo Rai. Titola: “Occupazione al top dal 1977”. Nella foga dell’annuncio un clamoroso errore. Addirittura  si indica come dato del “top” il 2018.

Prosegue l’orgia della precarietà, lavoretti anche solo per pochi mesi

Se passiamo ai quotidiani online da La Repubblica al Corriere, alla Stampa si può parlare di un’orgia di occupazione, una overdose, quasi una droga. La parola d’ordine è il balzo degli occupati a novembre 2017 rispetto ad ottobre,il famigerato +65 mila. La disoccupazione é scesa, udite udite, dall’11,1 di ottobre a 11% di novembre, il grande salto è dello 0,1%. Se prosegui la lettura del comunicato Istat, scopri, quasi nascosto, che le 65  mila unità in più si devono esclusivamente ai dipendenti (+68 mila) il cui aumento è compensato, si fa per dire, da un calo degli indipendenti (-3 mila), cioè liberi professionisti, autonomi e imprenditori. E scopri che dei  65 mila in più ben 54 mila sono posti di lavoro a termine, anche per solo pochi mesi. Fanno statistica, si dirà. Ma si tratta di lavoretti, precarietà che cresce. Di “ennesimo boom dei contratti a termine”, parla Tania Tania Scacchetti, segretaria confederale della Cgil in una dichiarazione che riportiamo a conclusione dell’articolo.

La riprova viene dai dati per fascia di età. La voce più rilevante della crescita degli occupati riguarda la fascia di età degli over 50 (+52 mila), a causa dell’innalzamento dell’età pensionabile che mantiene sempre di più al lavoro persone che già hanno un impiego. La seconda fascia che cresce di più è però quella dei giovani (27 mila), seguita da quella 25-34 (+12 mila) mentre risulta in calo la fascia 35-49 (-27 mila). Proprio la crescita della fascia dei giovani offre, se ce n’era bisogno, la riprova che si tratta di lavoro precario, lavoretti appunto che portano il numero degli occupati a 23.183.000, aggiornando il record dal 1977, data di partenza delle serie storiche dell’istituto di statistica. Su base annua, la crescita degli occupati si concentra tra i lavoratori dipendenti (+497 mila, di cui +450 mila a termine e +48 mila permanenti), mentre calano gli indipendenti (-152 mila). Calano anche gli inattivi. Guarda caso coloro che non cercano e non trovano lavoro calano di 61 mila unità. Grosso modo quanti sono gli assunti  con contratti a termine.

La dichiarazione rilasciata da Tania Scacchetti, segretaria confederale della Cgil

“Ancora troppe poche luci nei dati sulla occupazione. Vanno evitati gli entusiasmi, necessario ripartire dagli investimenti e dal lavoro di qualità. I dati pubblicati da Istat sugli occupati e disoccupati di novembre – afferma la segretaria confederale della Cgil – sono ancora molto deboli per pensare a una svolta decisiva nella situazione della occupazione del nostro paese. La crescita  del numero degli occupati, infatti , è più debole che nel resto dell’Europa e si accompagna ad un evidente calo della qualità degli stessi. Se poi si raffrontano le ore lavorate risulta evidente che siamo ancora molto lontani dal recuperare i dati precrisi. L’ennesimo boom dei contratti a termine sancisce il fallimento delle politiche degli sgravi a pioggia e conferma che sono necessarie misure strutturali, a partire da un piano straordinario di investimenti per generare  occupazione stabile, a partire da quella giovanile e femminile, oltre che un intervento di riduzione del carico fiscale su lavoro e pensioni. La crescita della occupazione – conclude  Scacchetti – rimane poi marcata in particolare tra gli over 50 e non nelle fasce centrali di età che rischiano di pagare duramente questa fase storica”.

 

fonte: http://www.jobsnews.it/2018/01/occupazione-renzi-trilla-aumento-un-dato-storico-gentiloni-lo-segue-e-vero-ma-dei-497mila-nuovi-posti-di-lavoro-ben-450-mila-sono-a-termine-un-ennesimo-boom/

Sacchetti ortofrutta – Ancora Fake News del Pd a firma di Alessia Morani: “Se costa oltre 2 cent è illegale” e…

 

Fake News

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Sacchetti ortofrutta – Ancora Fake News del Pd a firma di Alessia Morani: “Se costa oltre 2 cent è illegale” e…

Sui sacchetti biodegradabili dell’ortofrutta a pagamento dal 1 gennaio stanno girando parecchie bufale e goffi tentativi di aggiramento della legge. Sembrerebbe impensabile, ma quella più incredibile arriva proprio dal partito di maggioranza, cioè gli stessi che hanno approvato la legge: il Pd.

L’infografica

Sulla pagina Facebook ufficiale dei democratici, infatti, è comparsa un’infografica, curata dalla deputata Alessia Morani, elaborata a titolo di chiarimento. Tra le informazioni fornite, l’ultima, è palesemente falsa. Il testo, infatti, recita: “In caso vi sia chiesto un contributo superiore ai 2 centesimi per sacchetto, sappiate che è ILLEGALE.Dovete denunciarlo alle istituzioni o alle associazioni dei consumatori”.

Ma la norma non ne parla

Ma la normativa, la legge di conversione n. 123 del 3 agosto 2017 pubblicata in Gazzetta ufficiale lo scorso 12 agosto, non fa menzione da nessuna parte a una soglia massima di prezzo. Una bufala appunto. Strano che la vice-capogruppo del Pd alla Camera, la forza politica che tira le fila del Governo, si sia dedicata a un approfondimento di chiarimento, senza conoscere adeguatamente la legge.

L’altra gaffe in un commento

Come dimostra anche la risposta della stessa deputata Morani a un commento di critica sulla sua bacheca: “Basta portarsi dietro i sacchetti comprati anche il giorno dopo”, per evitare di pagarli di nuovo. Ma anche questo è falso. La legge vieta di utilizzare sacchetti portati da casa per motivi igienici. Com’è prevedibile, altre polemiche si abbatteranno sui dem, come quella legata alle voci che vorrebbero la legge approvata per favorire Katia Bastioli, ad di Novamont (produttrice di biosacchetti) e vicina a Renzi. Ma al di là dei sospetti, la legge andava approvata, come richiesto da una direttiva europea.

 

tratto da Il Salvagente

https://ilsalvagente.it/2018/01/03/sacchetti-la-bufala-del-pd-se-costa-oltre-2-cent-e-illegale/29936/

Il Ministro FEDELI (per intenderci, quella della laurea inventata, quella che dichiarò che in caso di sconfitta al Referendum si sarebbe ritirata dalla politica) si esprime sul tema delle fake news: “È SERIO”

FEDELI

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

segui anche la nostra nuova pagina: Fake News Daily

.

 

Il Ministro FEDELI (per intenderci, quella della laurea inventata, quella che dichiarò che in caso di sconfitta al Referendum si sarebbe ritirata dalla politica) si esprime sul tema delle fake news: “È SERIO”

Prima di proseguire con l’articolo Vi consigliamo di rileggere:

Una grande lezione di Serietà: Valeria Fedeli – 29/11/2016, “se perdiamo il Referendum vado a casa”. 04/12/2016, perde il Referendum. 12/12/2016, non solo non va a casa, ma si prende pure una bella poltrona da Ministro

IL MINISTRO FEDELI SI ESPRIME SUL TEMA DELLE FAKE NEWS: “È SERIO”

Di Alessio Marino

Il Ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli, nel corso di un evento tenuto a Trieste, ha affrontato nuovamente il tema delle fake news, che la Presidente della Camera Laura Boldrini aveva più volte discusso, soprattutto dopo l’elezione di Donald Trump a Presidente degli Stati Uniti.

Proprio l’elezione di Trump ha portato il tema sulle prime pagine di tutti i giornali del mondo, in quanto secondo alcuni rapporti provenienti dagli USA proprio le fake news avrebbero avuto un ruolo centrale nello spostamento degli equilibri elettorali.

La Ministra ha definito il tema “molto serio. Dobbiamo insegnare alle ragazze e ai ragazzi cosa significa l’uso dei social, cosa significa l’uso di internet, come si sta e come si utilizza la rete. Secondo me anche agli adulti occorre dare gli strumenti per risalire alla fonte, alla certificazione e alla certezza dell’informazione. Diversamente noi rischiamo di avere non solo informazione, ma anche contenuti del sapere, anche del sapere scientifico, che non sono suffragate da studi scientifici. Giustamente ci deve essere l’accesso a internet, perché è un’innovazione straordinaria, collega il mondo, le persone, cambia tante cose, il modo di produrre, di consumare e anche il modo di informarsi e di apprendere” riporta la stampa.

I giganti del web negli ultimi tempi hanno affrontato la questione. Facebook, ad esempio ha scelto di penalizzare tutte quelle pagine che contribuiscono alla creazione e diffusione delle fake news, limitandone la visibilità, mentre Google punta su penalizzazioni a livello pubblicitario.

tratto da: https://tech.everyeye.it/notizie/il-ministro-fedeli-si-esprime-sul-tema-delle-fake-news-e-serio-303608.html

Aprite gli occhi sulle fake news! Sono solo un pretesto per imporre la censura.

 

fake news

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Aprite gli occhi sulle fake news! Sono solo un pretesto per imporre la censura.

Non è un caso. E’ un metodo. Con un pretesto, le fake news, e uno scopo finale: mettere a tacere le voci davvero libere. Attenzione, non si tratta di una questione meramente italiana bensì di quella che definirei una “corale internazionale”. Il là lo hanno dato gli Stati Uniti, dove, dopo la vittoria di Trump, è partita una massiccia campagna ispirata dagli ambienti legati al partito democratico con l’entusiastico consenso di quello repubblicano, nella consapevolezza che la prima grande e inaspettata sconfitta dell’establishment che governa gli Usa da decenni non sarebbe avvenuta senza la spinta decisiva dell’informazione non mainstream. A seguire si sono mobilitati diversi Paesi europei, la Germania in primis, ma anche la Gran Bretagna del post Brexit e, ovviamente, l’Italia, del post referendum.

Sia chiaro: il problema delle fake news esiste; soprattutto quando a diffonderle sono società o singoli a fini di lucro. Gli esempi, anche recenti, abbondano. O quando vengono usate dagli haters, gli odiatori, ovviamente senza mai esporsi in prima persona. Ma le soluzioni vanno trovate nel rispetto della libertà d’opinione e nell’ambito del sistema giudiziario del singolo Paese. La diffusione sistematica di notizie false al solo fine di generare visualizzazioni è semplicemente una truffa e in quanto tale va trattata. Il problema degli haters è più complesso. Io da sempre sostengo che bisogna avere il coraggio di mettere la faccia e che l’anonimato assoluto per chi si esprime pubblicamente non sia salutare in una vera democrazia. Anche in questo ambito si possono trovare soluzioni intelligenti ad hoc.

Le proposte che sono state formulate negli ultimi tempi – e guarda caso tutte su iniziativa del Pd – si caratterizzano, invece, per la tendenza da un lato a delegare il giudizio a organismi extragiudiziali – talvolta anche extraterritoriali – dall’altro per l’intenzione di colpire arbitrariamente le parole e dunque, facilmente, anche le idee.

Non mi credete? Eppure è così. Ricordate il decreto Gentiloni sulla schedatura di massa degli utenti web e telefonici e la misura che autorizzava una censura di fatto e contro cui ho condotto una battaglia furibonda su questo blog? La prima misura è da regime autoritario, senza precedenti in democrazia; la seconda delega all’Agcom la facoltà di valutare se un sito viola il diritto di autore e, un caso affermativo, di oscurarlo. Ovvero appropriandosi di funzioni che spettano normalmente alla magistratura.

E leggete la proposta di legge contro le Fake News annunciata da Renzi. Cito una fonte insospettabile, la Repubblica, che la definisce una legge sulle fake news che non parla di fake news. Scrive Andrea Iannuzzi:

Nel ddl elaborato dai senatori Zanda e Filippin si impone ai social network con oltre un milione di utenti la rimozione di contenuti che configurano reati che vanno dalla diffamazione alla pedopornografia, dallo stalking al terrorismo. La valutazione dei reati viene demandata ai gestori delle piattaforme, che di fatto sostituiscono il giudice: la libertà di espressione potrebbe essere a rischio. Previste sanzioni pesanti per chi non rispetta una serie di adempimenti burocratici

Persino la Repubblica – sì proprio il giornale che ha amplificato le denunce di Renzi contro le Fake News – non ha potuto esimersi dall’ammettere che così i giudici non servirebbero più, violando uno dei principi fondanti della nostra civiltà, e dal riconoscere che la libertà di opinione è in pericolo.

E non finisce qui. Sentite cosa dice Marco Carrai, amico e consigliere di Renzi, che in un’intervista al Corriere della Sera rivela:

Stiamo lavorando con uno scienziato di fama internazionale alla creazione di un “algoritmo verità”, che tramite artificial intelligence riesca a capire se una notizia è falsa. L’altra idea è creare una piattaforma di natural language processing che analizzi le fonti giornalistiche e gli articoli correlandoli e, attraverso un grafico, segnali le anomalie. A mio avviso ciò dovrebbe essere fatto anche a livello istituzionale.

Traduco: significa che un algoritmo e meccanismi di analisi semantica stabiliranno se un singolo articolo è vero o è una fake news. Scusate, ma io rabbrividisco. Queste sono tecniche da Grande Fratello, e non solo perché i criteri rimarranno inevitabilmente segreti (per impedire che vengano aggirati), ma soprattutto perché così si potranno discriminare le idee, i concetti, bannando quelli che un’autorità esterna (il gestore dei social!) riterrà inappropriati. D’altronde sta già avvenendo su Facebook e su Twitter, dove opinionisti anche conosciuti si sono visti cancellare gli account da un amministratore che, nel migliore dei casi, si presenta con un nome di battesimo (Marco, Jeff o Bill) e che decide che si sono “violate le regole della comunità”. Oggi sono ancora incidenti episodici, ma domani – sotto la minaccia di sanzioni milionarie già ventilate da Renzi – i gestori sboscheranno con l’accetta. E basterà un’”esuberanza semantica”, ad esempio scrivere zingari anziché rom, o accusare un’istituzione di diffondere dati falsi o incompleti per sparire dalla faccia del web.

Perché per gente come Renzi e Carrai e Gentiloni, tutti veri splendidi progressisti, evidentemente non può che esistere una sola Verità. Quella Ufficiale, quella certificata da loro e difesa dagli implacabili gestori dei social media, novelli guardiani dell’ordine costituito.

Cose che possono esistere solo in una “Fake Democracy”. Quella a cui ci vogliono portare.

 

fonte: http://blog.ilgiornale.it/foa/2017/11/28/aprite-gli-occhi-sulle-fake-news-sono-solo-un-pretesto-per-imporre-la-censura-ve-lo-dimostro-qui/