Pepe Mujica: “Le sinistre si dividono per le idee, le destre si uniscono per gli interessi”

 

Pepe Mujica

 

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

Pepe Mujica: “Le sinistre si dividono per le idee, le destre si uniscono per gli interessi”

Mentre le destre sono unite dagli interessi, la sinistra in Uruguay ha imparato a discutere e mettersi d’accordo, a raggiungere un programma che offre al popolo un’alternativa per colmare le differenze. “Le sinistre si dividono per le idee, le destre si uniscono per gli interessi”, ha dichiarato in piena campagna elettorale l’ex presidente dell’Uruguay, Pepe Mujica.

D’altra parte, ha sottolineato che in relazione al numero di lavori privati, il numero di lavori pubblici è diminuito durante i governi di sinistra. “Ed è quella relazione che dobbiamo guardare”. “Quando governavano ogni 100 lavoratori nel paese c’erano 23 o 24 persone e ora ce ne sono 16 o 17”, ha detto e ha invitato a guardare i municipi che sono stati governati dall’opposizione per 15 anni.

Mujica ha difeso le politiche sociali e ha sottolineato l’errore di pensare che i soldi vengano dati ai poveri in modo che non lavorino.

“Non sanno cosa significhi essere poveri, non hanno idea, non hanno mai vissuto nella necessità”.

“L’amore per la vita si traduce in politiche sociali”, ha detto e fatto un riferimento alle donne sole con i bambini. “Abbiamo scoperto che dobbiamo aiutarle non perché siamo buoni, ma perché la solidarietà ci conviene a noi come popolo a lungo termine”.

Mujica: Bisogna eleggere chi difende le politiche sociali – “il desiderio di denaro deve stare lontano da chi aspira al potere”

Mujica

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

Mujica: Bisogna eleggere chi difende le politiche sociali – “il desiderio di denaro deve stare lontano da chi aspira al potere”

L’ex presidente uruguayano ha affermato che «il desiderio di denaro deve stare lontano da chi aspira al potere»

L’ex presidente dell’Uruguay, José “Pepe” Mujica, ha dichiarato che le persone devono votare «per coloro che ritengono come proprie le conquiste sociali».

«Non bisogna eleggere chi ama troppo il denaro, ma chi ritiene come propria le conquiste sociali, chi vede la politica come una funzione di carattere collettivo», queste le parole del senatore uruguayano rilasciate in occasione di un forum dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro, in Cile.

Mujica ha poi aggiunto che «il desiderio di denaro deve stare lontano da chi aspira al potere».

Parole come sempre profonde e non banali quelle pronunciate dall’ex presidente dell’Uruguay che ha ribadito ancora una volta di sentirsi profondamente «latinoamericano». Una lezione che dovrebbe essere appresa da tanti dirigenti politici che sfruttano la propria posizione solo per accumulare ricchezze mentre i popoli languono nella fame più nera.

Fonte: teleSUR

Leggo due vecchi articoli ed è subito “trova le differenze”: Mujica rinuncia al seggio (e al vitalizio) – Napolitano pensione da 15.000 Euro NETTI al mese, chauffeur, maggiordomo, ufficio da 100 mq e tanti altri privilegi… A noi chi poteva capitare come presidente?

 

Mujica

 

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Leggo due vecchi articoli ed è subito “trova le differenze”: Mujica rinuncia al seggio (e al vitalizio) – Napolitano pensione da 15.000 Euro NETTI al mese, chauffeur, maggiordomo, ufficio da 100 mq e tanti altri privilegi… A noi chi poteva capitare come presidente?

Leggo due vecchi articoli dal web, uno dopo l’altro è mi sono chiesto… Chi poteva mai capitare a noi come Presidente?

Josè “Pepe” Mujica rinuncia al seggio (e al vitalizio): “Ma finché la mia mente funziona, non rinuncerò a lottare”

E’ questo il titolo di un articolo di agisto di Huffington Post, che continua: l‘ex presidente uruguaiano ha giustificato le dimissioni dal Senato per motivi personali e per “stanchezza dopo un lungo viaggio”

‘Pepe’ Mujica precisa anche che “il carattere di rinuncia volontaria e la legislazione vigente segnalano che non mi spetta il sussidio previsto (per gli ex senatori)”, e che quindi “mi sottometterò al sistema pensionistico” normale…

Le parole di Mujica – che già da presidente rinunciava all’85% del suo stipendio – mi hanno subito ricordato un’altro presidente…

Sono andato subito a rileggere un vecchio articolo del 2015 de Il Fatto Quotidiano che titolava così:

Napolitano, pensione dorata: chauffeur, maggiordomo. E ufficio da 100 mq

L’articolo continua… Nonostante i tagli annunciati nel 2007, per i presidenti emeriti della Repubblica rimane una lunga lista di benefit: una segreteria di almeno una decina di persone, un assistente “alla persona”, una serie di linee telefoniche dedicate. Ridurre i privilegi? Il suo ufficio stampa: “Ha avuto impegni tali da non consentirgli di deliberare sulla materia”

Il Fatto poi si dilunga su segreteria, guardarobiere, scorta, telefoni satellitari, collegamenti televisivi e telematici, uno staff nutritissimo, maggiordomo,  auto con autista, cento metri quadrati di ufficio privato in Palazzo Giustiniani con vista su San Ivo, 15mila euro mensili netti e tanti altri ammennicoli e benefit…

Beh, comunque, paragonare Mujica a Napolitano ricorda tanto quella storia della merda e la cioccolata…

By Eles