Torino: muore in sala d’attesa pronto soccorso. La notizia ha avuto poco clamore perché era solo un clochard – Sveglia gente. Veramente si può morire d’indifferenza, dimenticati in un Ospedale?

pronto soccorso

 

pronto soccorso

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Torino: muore in sala d’attesa pronto soccorso. La notizia ha avuto poco clamore perché era solo un clochard – Sveglia gente. Veramente si può morire d’indifferenza, dimenticati in un Ospedale?

Lo ha scoperto il familiare di un paziente dell’ospedale di Moncalieri: quell’uomo seduto su una sedia della sala d’aspetto era morto. Da ore. Ha dato l’allarme, sono arrivati i carabinieri. Addosso nessun documento. In tasca solo un foglio di dimissioni. Proprio dall’ospedale di Moncalieri, firmato il giorno prima. Così è stata ricostruita per sommi capi la storia di questo clochard – che forse si chiamava Beppe – morto nell’indifferenza in una corsia d’ospedale.

Era arrivato al pronto soccorso con un’ambulanza. I passanti lo avevano visto seduto tra i cartoni, spaesato e debole. Avevano chiamato i soccorsi. Ora il direttore sanitario della struttura dice che non presentava alcuna patologia, i medici gli avevano offerto la colazione e poi lui aveva firmato i fogli per poter lasciare l’ospedale senza sottoporsi ad altri controlli.
Poi la sera dopo è tornato li in ospedale. Si è seduto su una delle sedie della sala d’aspetto e lì è spirato.

Il fatto non ha suscitato particolare clamore: il morto era solo clochard, un barbone…

Ma che cazzo siamo diventati. Il morto era un essere umano…!

Un episodio gravissimo che potrebbe essere l’ennesimo caso di malasanità nelle corsie degli ospedali italiani. E comunque, veramente si può morire d’indifferenza, dimenticati in un Ospedale?

Torino: muore in sala d’attesa pronto soccorso. La notizia ha avuto poco clamore perché era solo un clochard – Sveglia gente. Veramente si può morire d’indifferenza, dimenticati in un Ospedale?ultima modifica: 2019-05-07T22:40:42+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento