Siamo in quel Paese dove Nicoletta Dosio, 73 anni, professoressa di greco e latino, militante NOTAV sta in galera per un danno allo Stato di 700 Euro, mentre chi si è fottuto 49 milioni non pagherà mai niente e vuole governarci…!

Nicoletta Dosio

 

Nicoletta Dosio

 

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Siamo in quel Paese dove Nicoletta Dosio, 73 anni, professoressa di greco e latino, militante NOTAV sta in galera per un danno allo Stato di 700 Euro, mentre chi si è fottuto 49 milioni non pagherà mai niente e vuole governarci…!

Un anno di carcere per 38 euro…

Il 30 dicembre del 2019, nel pomeriggio, i carabinieri si sono presentati a casa di Nicoletta Dosio a Bussoleno in Valle Susa. Avevano il compito di tradurla in carcere in esecuzione della sentenza che l’ha condannata ad un anno di reclusione. Il procuratore generale di Torino che ha firmato l’ordine ha poi tenuto a precisare che a Nicoletta era stata data possibilità di ricorrere a misure alternative al carcere sin da novembre, quando la sentenza di condanna era diventata esecutiva, ma che essa le aveva rifiutate anche con pubbliche dichiarazioni.

Insomma Nicoletta Dosio, 73 anni professoressa di greco e latino, militante NOTAV e coordinatrice nazionale dì Potere al Popolo, aveva sfidato l’autorità e questa era stata costretta a reagire. In qualche modo si accreditava così la tesi che quella della reclusa fosse una sorta di auto-carcerazione: se l’è scelta lei..

Eh no, alla base di tutto c’è una condanna assurda e feroce verso dodici militanti NOTAV a complessivi diciotto anni di carcere, con pene individuali da uno a due anni. Per cosa?

Perché ai primi di marzo del 2012 alcune centinaia di manifestanti in Valle Susa presidiarono per trenta minuti il casello dell’autostrada ad Avigliana. Non ci fu alcun blocco del traffico, i manifestanti sollevarono le sbarre dei caselli e fecero passare gratis gli automobilisti, mentre veniva detto da un megafono: oggi paga Monti.

Si manifestava così perché pochi giorni prima, per ordine del governo, in Valle erano cominciate le requisizioni e gli sgomberi dei campi e dei boschi ove avrebbero dovuto installarsi i cantieri del TAV. In una delle proteste non violente il contadino Luca Abbà era salito su un traliccio dell’alta tensione, inseguito da un carabiniere rocciatore verso l’alto; troppo in alto per cui alla fine Luca sfiorò un cavo dell’alta tensione rimanendo folgorato e precipitando al suolo. Il manifestante rimase molti giorni tra la vita e la morte e in quegli stessi giorni si susseguirono le manifestazioni di solidarietà.

Una di queste fu appunto quella che ha poi portato alle condanne definitive attuali per Nicoletta Dosio ed altri undici militanti del movimento. Nessuna violenza nei confronti delle cose e tanto meno delle persone ci fu in quel giorno. Il presidio dei caselli durò trenta minuti poi i manifestanti abbandonarono l’autostrada spontaneamente, senza alcun in intervento della polizia,

Durante quei minuti la società di gestione dell’autostrada registrò un danno documentato di mancati introiti pari a 700 euro. Questi settecento euro sono stati pagati con 18 anni di carcere, 38 euro per anno. Sembra di essere nei Miserabili di Hugo, dove Javert nel nome della legalità perseguita Jean Valjean, condannato inizialmente per il furto di un pezzo di pane.

Una condanna così ingiusta e spropositata ha ragioni politiche, lo afferma testualmente la stessa sentenza che nega ogni attenuante ai condannati perché va “tenuto conto del carattere altamente organizzato dell’azione delittuosa che dimostra il collegamento con l’ala più radicale violenta del movimento NOTAV e di conseguenza la PERICOLOSITÀ SOCIALE dei prevenuti...”

La pericolosità sociale di Nicoletta Dosio la racconta tutta la sua vita di professoressa, ancora conosciuta ed amata in tutta la Valle, e di militante pacifista ambientalista e comunista da decenni.

È stata l’indignazione per questa condanna da Codice Rocco o da anni di Scelba a far decidere a Nicoletta di rifiutare le misure alternative, che poi sono pur sempre reclusione. Volete davvero condannare per quella manifestazione pacifica? Allora io non sarò la carceriera di me stessa.

Una sentenza politica che va in giudicato dopo quasi otto anni dai fatti che sanziona, quasi con la stessa cadenza degli interminabili cantieri del TAV. Che sono stati avviati più di trent’anni fa e che si prevede durino altrettanto. Sessant’anni di autocarri, scavi , distruzione di campi e boschi, inquinamento di CO2 e di polveri nocive. Il tutto per realizzare un’opera nata sulla base di previsioni degli anni settanta, rivedute perché non vere venti anni dopo e poi riviste, riscritte, cambiate.

Un’ opera inutile che non si giustifica più neppure per i profitti di chi la realizza, ma solo per le ragioni di bandiera e prestigio dei due partiti che più la sostengono, il PD e la Lega.

Ma anche chi ancora fosse a favore di questa Grande Opera, non può restare indifferente all’autoritarismo ed alla repressione con cui essa viene difesa. Sono centinaia i procedimenti giudiziari, amministrativi, di polizia contro i NOTAV. I Decreti Sicurezza in Valle sono operativi da ben prima del loro varo, anche grazie ad un ruolo giuridicamente “creativo” della procura torinese, che era giunta al punto di chiedere le aggravanti di terrorismo per i manifestanti, per fortuna almeno in questo sconfessata dalla Cassazione.

Quella di Nicoletta Dosio è una resistenza civile ad una ingiustizia autoritaria che sta dilagando nel paese, con un crescente ricorso a misure di polizia e giudiziarie verso i poveri, gli emarginati e verso chi contesta l’ordine esistente.

Immaginiamo come sarebbero stato amplificato in Italia l’arresto di una professoressa di 73 anni rappresentante di una forza politica di opposizione, se fosse avvenuto in Russia o ad Hong Kong. Per questo nonostante i giorni festivi scelti per l’arresto si è sviluppata subito una mobilitazione democratica diffusa in tutto il paese.

Perché il carcere di Nicoletta Dosio è la manifestazione di una democrazia malata, sempre più incapace di affrontare la sua crisi sociale economica ambientale e sempre più tentata di risolvere i i problemi silenziando la voce di chi li solleva.

E dentro questa crisi affrontata con autoritarismo e repressione sta anche un sistema carcerario indecente ed incivile, che Nicoletta Dosio ha sempre combattuto, rifiutando sempre ogni giustizialismo e dicendo parole di fuoco ogni volta che sentisse affermare: in galera! Ora in galera ci sta lei e lì continua la sua lotta per la democrazia ed i diritti, compresi quelli dei carcerati, come già ci ha fatto sapere il primo giorno di carcere:

Sto bene, sono contenta della scelta che ho fatto perché è il risultato di una causa giusta e bella, la lotta NoTav..

Sento la solidarietà collettiva e provo di persona cosa sia una famiglia di lotta. L’appoggio e l’affetto che mi avete dimostrato quando sono stata arrestata, e le manifestazioni la cui eco mi è arrivata da lontano, confermano che la scelta è giusta e che potrò portarla fino in fondo con gioia..

* pubblicato su Il Riformista

La foto di copertina è di Patrizia Cortellessa

tratto da: http://contropiano.org/interventi/2020/01/03/un-anno-di-carcere-per-38-euro-0122587?fbclid=IwAR2npKQl9SeCccL4mO87h4aA2lHo5sY0thw6z8HMoaDhf5EeafUq9KuNZAg

Siamo in quel Paese dove Nicoletta Dosio, 73 anni, professoressa di greco e latino, militante NOTAV sta in galera per un danno allo Stato di 700 Euro, mentre chi si è fottuto 49 milioni non pagherà mai niente e vuole governarci…!ultima modifica: 2020-01-04T23:03:16+01:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento