…E il Ministro Bellanova dà una lezione ai webeti: “Quando mi iscriverò a un concorso di bellezza potrete giudicarmi per il mio aspetto – finché starò nelle istituzioni siete tenuti a giudicarmi per il lavoro che faccio”

Bellanova

 

Bellanova

 

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

…E il Ministro Bellanova dà una lezione ai webeti: “Quando mi iscriverò a un concorso di bellezza potrete giudicarmi per il mio aspetto – finché starò nelle istituzioni siete tenuti a giudicarmi per il lavoro che faccio”

Il neo Ministro Teresa Bellanova con molta ironia mette a posto i webeti: “Se un giorno impazzisco e decido di iscrivermi a un concorso di bellezza, siete tenuti a giudicarmi per il mio aspetto fisico e per il mio modo di vestire.” e ancora, più seriamente: “Se decido di continuare a stare nelle istituzioni, siete tenuti a giudicarmi per il lavoro che faccio”

Era già  arrivata puntuale ed ironica la prima stoccata della Ministra Bellanova ai webwti, che su twitter aveva postato l’outfit del giorno (un abito giallo a pois neri) scrivendo: “Visto che il blu di ieri ha elettrizzato molti, ho voluto provare con questa mise oggi, che ne dite? #vestocomevoglio oppure no? Secondo voi?”.

Poi il colpo definitivo…

Insomma, dopo gli attacchi sessisti e gratuiti al suo abito blu indossato in occasione del giuramento del nuovo governo, la neoministra dell’Agricoltura ha deciso di lanciare una vera e propria campagna social per la libertà di vestiario. Gli attacchi in effetti sono stati ingiustificati e beceri, prodotto di una classe politica cafona e senza argomenti. E infatti la solidarietà per la Ministra è andata alle stelle e Teresa Bellanova è già sicuramente il membro più simpatico (nonché il più conosciuto) del nuovo esecutivo.

…E il Ministro Bellanova dà una lezione ai webeti: “Quando mi iscriverò a un concorso di bellezza potrete giudicarmi per il mio aspetto – finché starò nelle istituzioni siete tenuti a giudicarmi per il lavoro che faccio”ultima modifica: 2019-09-08T20:00:24+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento