Tutte le porcherie che stanno uscendo fuori dopo il crollo del Ponte Morandi – Dall’allarme ignorato del Politecnico di Milano “è pericoloso bisogna chiuderlo” alle mail e chat cancellate subito dopo il crollo… E intanto sono morte 43 persone…

Ponte Morandi

 

Ponte Morandi

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Tutte le porcherie che stanno uscendo fuori dopo il crollo del Ponte Morandi – Dall’allarme ignorato del  Politecnico di Milano “è pericoloso bisogna chiuderlo” alle mail e chat cancellate subito dopo il crollo… E intanto sono morte 43 persone…

Ascoltato come persona informata dei fatti dal pm Massimo Terrile, il prof Carmelo Gentile Politecnico di Milano ha spiegato che “Spea (società controllata da Autostrade, ndr) sapeva, aveva calcolato il livello di efficienza che era sotto uno” e “con quel dato il ponte andava chiuso”. E ha parlato di “valutazioni improprie” del progettista del retrofitting. E sul monitoraggio: “Molto probabilmente si sarebbe evitata la tragedia”.

“Il ponte Morandi andava chiuso”. Lo ha detto, davanti ai magistrati, il professore Carmelo Gentile, docente del Politecnico di Milano che lo scorso novembre consegnò il suo studio ad Autostrade segnalando le anomalie sul pilone 9 per le “deformate non conformi”. Ascoltato come persona informata dei fatti dal pm Massimo Terrile, Gentile ha spiegato che “Spea (società controllata da Autostrade, ndr) sapeva, aveva calcolato il livello di efficienza che era sotto uno” e “con quel dato il ponte andava chiuso”.

Il progettista del retrofitting – ha spiegato il docente ai magistrati – ha fatto “delle valutazioni improprie” ma anche “con quelle valutazioni improprie il ponte era da chiudere”. Il docente ha poi specificato che “a me, però, non diedero tutta la documentazione, altrimenti lo avrei detto anche io”.

Lo studio, firmato da Gentile e Antonello Ruccolo, era stato richiesto da Autostrade per conoscere le condizioni del ponte. Così, scrivono gli studiosi, “durante le notti a cavallo dei giorni 9-11 ottobre e 11-13 ottobre… vengono compiute analisi dinamiche sui piloni 9 e 10” (l’11 era già stato ristrutturato negli Anni 90). Indagini compiute “sia con le prescrizioni” tradizionali, “sia con le più recenti istruzioni internazionali”. In pratica per controllare lo stato di salute degli stralli (quelli che probabilmente hanno poi ceduto) vengono identificati i “modi di vibrare”. Ecco le conclusioni: “A frequenze proprie pressocché uguali dei due sistemi bilanciati corrispondono deformate modali differenti… Tale mancanza di simmetria… è certamente da ascriversi a differenze nelle caratteristiche meccaniche e nell’azione di tiro degli stralli”.

Intanto gli inquirenti stanno anche vagliando mail e chat nonché conversazioni rimosse da dirigenti di Autostrade e ministero dai loro dispositivi immediatamente dopo il crollo…

 

fonti:

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/10/02/ponte-morandi-il-prof-del-politecnico-che-ravviso-anomalie-bisognava-chiuderlo-valutazione-improprie-del-progettista/4664153/

https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/chat-cancellate-nei-telefoni-sequestrati-dopo-il-crollo/

Tutte le porcherie che stanno uscendo fuori dopo il crollo del Ponte Morandi – Dall’allarme ignorato del Politecnico di Milano “è pericoloso bisogna chiuderlo” alle mail e chat cancellate subito dopo il crollo… E intanto sono morte 43 persone…ultima modifica: 2018-10-04T20:36:42+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento