3 febbraio 1998 – 21 anni dalla strage del Cermis – Le 19 vittime assassinate prima dagli Americani e poi, per la seconda volta, dai politici italiani che hanno rinunciato a cercare i colpevoli per leccare il sedere dei padroni!

 

Cermis

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

3 febbraio 1998 – 21 anni dalla strage del Cermis – Le 19 vittime assassinate prima dagli Americani e poi, per la seconda volta, dai politici italiani che hanno rinunciato a cercare i colpevoli per leccare il sedere dei padroni!

 

La ferita del Cermis fa ancora male, vent’anni dopo che un aereo militare Usa tranciò i cavi della funivia di Cavalese volando troppo basso. Fa male il ricordo che sia finito tutto coi risarcimenti, senza colpevoli. Venti i morti.

Era il 3 febbraio 1998 quando un pomeriggio di sci per turisti di varie nazionalità, sette tedeschi, cinque belgi, due polacchi, due austriaci, un olandese e tre italiani finì in un mucchio di lamiere accartocciate sulla neve. La cerimonia ufficiale è una messa in paese in suffragio delle vittime, i cui parenti furono risarciti dagli Usa con un totale di 40 mln di dollari.

La sensazione che non sia stata fatta giustizia non sparisce però nei residenti e negli amministratori locali.

Erano passate da poco le 15 e la cabina gialla della funivia era a 400 metri dall’arrivo, sospesa a 100 metri d’altezza, prima di schiantarsi sulla valle dell’Avisio. Nessuna colpa per la strage è stata attribuita ai quattro marine dell’aereo che era in esercitazione e rientrò ammaccato alla base di Aviano, in un periodo in cui la guerra nei Balcani si stava avvicinando.

William Raney e Chandler Seagraves, vennero giudicati non colpevoli, perchè non erano ai comandi. Il capitano Richard Ashby, venne condannato a sei mesi di carcere per avere distrutto un video del volo e all’espulsione dalla marina, senza pensione. Il copilota Joseph Schweitzer, che ammise di avere bruciato il nastro, se la cavò con la radiazione ed evitò il carcere. Anni dopo però, nel 2011, emersero alle cronache estratti di un rapporto militare Usa, datato 10 marzo 1998. A firma dell’allora comandante dei Marines, generale Peter Pace, si leggeva: «La causa di questa tragedia è che l’equipaggio dei Marine ha volato più basso di quanto non fosse autorizzato, mettendo a rischio se stesso e gli altri. Raccomando che vengano presi i provvedimenti disciplinari e amministrativi appropriati nei confronti dell’equipaggio».

La storia giudiziaria successiva è nota. L’equipaggio venne giudicato negli Usa, nonostante l’allora procuratore capo di Trento, Francantonio Granero, e il sostituto Bruno Giardina avessero aperto un’inchiesta per disastro, omicidio colposo plurimo e attentato colposo alla sicurezza dei trasporti, indagando sette militari: ai quattro dell’equipaggio ne aggiunsero tre della catena di comando. Niente rinvio a giudizio però, perchè la giurisdizione risultò quella del paese d’origine dei marine, come da Convenzione di Londra del 1951 sui militari Nato.

Al territorio di Cavalese andarono un milione di euro per danni non patrimoniali, insieme alla rifusione di circa 200.000 euro spesi per vari studi di riqualificazione del territorio. Quei danni patrimoniali vennero ritenuti una sorta di risarcimento per il danno d’immagine causato dal ripetersi di una tragedia analoga a distanza di 22 anni dalla precedente, tanto da fare parlare di «maledizione del Cermis». Era infatti il 9 marzo del 1976 quando 42 turisti morirono: la fune portante dell’impianto cedette e la cabina fece un volo di trenta metri. La giustizia quella volta individuò il colpevole nel manovratore, per avere disinserito i circuiti automatici di sicurezza per velocizzare il trasporto. Condannato a tre anni per disastro colposo, scontò nove mesi di carcere, tra condoni e amnistie e morì poco dopo il secondo incidente del Cermis, quello di vent’anni fa.