Lo strano caso della bandana anti-Covid, distribuita in 300mila pezzi in Alto Adige per un costo di 700mila euro: non protegge dal virus, ma è prodotta dal cugino dell’assessore alla sanità della provincia di Bolzano!

Alto Adige

 

Alto Adige

 

 

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

 

 

Lo strano caso della bandana anti-Covid, distribuita in 300mila pezzi in Alto Adige per un costo di 700mila euro: non protegge dal virus, ma è prodotta dal cugino dell’assessore alla sanità della provincia di Bolzano!

La storia è di alcuni mesi fa, tornata alla ribalta perché ne ha parlato Report.

Marco Franchi sul Fatto Quotidiano già ne parlava a marzo scorso, quando ha raccontato una curiosa storia che riguarda una bandana anti-Coronavirus SARS-COV-2 (no, non è vero) distribuita in 300mila pezzi nelle edicole dell’Alto Adige per un costo di 700mila euro e prodotte dal cugino dell’assessore alla sanità della provincia di Bolzano:

In Alto Adige hanno tentato anche quest’arma contro il contagio: 300mila pezzi distribuiti gratuitamente ai cittadini nelle edicole. Da giorni molti politici locali compaiono con la fascia intorno al collo. Ma adesso ecco arrivare la polemica: a produrre la bandana, ha raccontato il sito di informazione salto.bz, sarebbe una grande impresa di cui è socio un cugino dell’assessore alla Sanità della Provincia di Bolzano, Thomas Widmann. La spesa sarebbe di 700mila euro.

Immediate le critiche dal M5S in Provincia: “Non c’è nessuna evidenza che la fascia sia utile. La spesa rischia di essere inutile perché in Alto Adige tutti i cittadini hanno già una sciarpa”. Arno Kompatcher, presidente della Provincia (Süd Tiroler Volkspartei), taglia corto: “È solo fango sulle istituzioni e chi le rappresenta. Presenteremo una denuncia(ndr: mai presentata)”. Widmann, il diretto interessato, replica: “Non fate perdere tempo. C’è un’emergenza, lasciateci lavorare (ndr anche ai cugini)”.

In conferenza stampa Widmann l’ha raccontata così: “Abbiamo chiesto ad Assoimprenditori di indicarci imprese che potessero aiutarci”. Ne sono state individuate due. Sono il colosso Salewa e la TEX market fondata dai fratelli Heinrich e Cristoph Widmann. Salewa grazie ai suoi impianti cinesi avrebbe garantito 500mila maschere protettive FFP2 e FFP3, 400mila tute protettive e 40mila tute mediche per una spesa di 9,3 milioni. TEX market invece dovrebbe fornire bandane. Ma che utilità può avere una sciarpa contro il contagio? In conferenza stampa Weidmann ha risposto: “Non è mai stato detto che le bandane proteggo no”.

Ma allora perché distribuirne 700mila? “Tante cose contribuiscono ad allontanare il rischio, dal lavarsi le mani al mantenere le distanze. Tutto questo insieme di misure può essere utile”. Christoph Widmann di TEXmarket ha dichiarato a Salto.bz: “Siamo stati contattati per la consegna rapida di bandane. Non capita spesso che tu possa dare un contributo importante al tuoPaese: fare tutto il possibile per soddisfare questa richiesta è stato quindi ovvio per noi”. Dalla TEXmarket si sottolinea anche che ogni bandana è stata pagata appena 2,3 euro.

 

Lo strano caso della bandana anti-Covid, distribuita in 300mila pezzi in Alto Adige per un costo di 700mila euro: non protegge dal virus, ma è prodotta dal cugino dell’assessore alla sanità della provincia di Bolzano!ultima modifica: 2020-06-08T23:01:37+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento