12 dicembre – Tg e giornali commemorano i 50 anni della Strage di Piazza Fontana. Però nessuno dice che i mandanti, i fascisti Freda e Ventura, non hanno mai scontato alcuna pena! Ventura si è arricchito all’estero. Freda fa il giornalista, voluto anche da Belpietro per scrivere su Libero!

Piazza Fontana

 

Piazza Fontana

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

12 dicembre – Tg e giornali commemorano i 50 anni della Strage di Piazza Fontana. Però nessuno dice che i mandanti, i fascisti Freda e Ventura, non hanno mai scontato alcuna pena! Ventura si è arricchito all’estero. Freda fa il giornalista, voluto anche da Belpietro per scrivere su Libero!

12 dicembre 1969 – La strage di piazza Fontana, un grave attentato terroristico nel centro di Milano presso la Banca Nazionale dell’Agricoltura che causò 17 morti e 88 feriti. È considerata «la madre di tutte le stragi», il «primo e più dirompente atto terroristico dal dopoguerra», «il momento più incandescente della strategia della tensione» e soprattutto l’inizio del periodo passato alla storia come gli “anni di piombo”

Gli attentati terroristici di quel giorno furono cinque, concentrati in un lasso di tempo di appena 53 minuti, e colpirono contemporaneamente Roma e Milano. A Roma ci furono tre attentati che provocarono 16 feriti, uno alla Banca Nazionale del Lavoro in via San Basilio, uno in Piazza Venezia e un altro all’Altare della Patria; a Milano, una seconda bomba venne ritrovata inesplosa in piazza della Scala.

Nel giugno 2005 la Corte di Cassazione ha stabilito che la strage fu opera di «un gruppo eversivo costituito a Padova nell’alveo di Ordine nuovo» e «capitanato da Franco Freda e Giovanni Ventura», non più perseguibili in quanto precedentemente assolti con giudizio definitivo dalla Corte d’assise d’appello di Bari.

Le indagini si sono susseguite nel corso degli anni, con imputazioni a carico di vari esponenti anarchici e neofascisti; tuttavia alla fine tutti gli accusati sono stati sempre assolti in sede giudiziaria (peraltro alcuni sono stati condannati per altre stragi, e altri hanno usufruito della prescrizione, evitando la pena).

Al termine dell’ultimo processo del 2005 la Cassazione ha affermato che la strage fu realizzata dalla cellula eversiva di Ordine Nuovo capitanata da Franco Freda e Giovanni Ventura, non più processabili in quanto assolti con sentenza definitiva nel 1987.

E allora, quale condanna hanno esemplare hanno subito gli assassini di 17 persone…?

Una beata binchia!

Franco Giorgio Freda, è libero da anni. Vive ad Avellino con una giovane scrittrice e fa ancora l’editore di ultradestra, con un sito che lo celebra come «un pensatore» da riscoprire: il padre «preveggente» di un «razzismo morfologico» da opporre «alla mostruosità del disegno di una società multietnica». Freda è stato condannato in tutti i gradi di giudizio per 16 attentati con decine di feriti che nel 1969 aprirono la strategia della tensione: bombe contemporanee sui treni delle vacanze, all’università di Padova, in stazione, in fiera e in tribunale a Milano.

La sua casa editrice però parla solo dell’assoluzione in appello per piazza Fontana (17 morti, 88 feriti), per insufficienza di prove (e abbondanza di depistaggi). Liberato nel 1986, Freda si è rimesso a indottrinare neonazisti fondando un movimento chiamato Fronte Nazionale: riarrestato, è stato difeso dall’avvocato Carlo Taormina e nel 2000 la Cassazione gli ha ridotto la condanna a tre anni per istigazione all’odio razziale. Dopo di che è tornato libero.

Non solo. Un ulteriore, squallido schiaffo ai parenti della vittima lo ha data Maurizio Belpietro che volle il boia di Piazza Fontana come opinionista per Libero. La rubrica si chiamava “L’Inattuale” e parliamo di Franco Freda, il fascista, il razzista.

Il braccio destro di Freda, Giovanni Ventura, che aveva confessato gli attentati del 1969 che prepararono piazza Fontana, non ha mai scontato alcuna condanna: è evaso nel 1978 e ha trovato rifugio sotto la dittatura in Argentina, che ha rifiutato di estradarlo.

A Buenos Aires è diventato ricco con un ristorante per vip, fino alla morte per malattia nel 2010.

Ricordiamo che nell’ultimo processo su piazza Fontana, la sentenza conclude che Freda e Ventura erano colpevoli, ma le nuove prove sono state scoperte troppo tardi, dopo l’assoluzione definitiva…

By Eles

 

 

 

12 dicembre – Tg e giornali commemorano i 50 anni della Strage di Piazza Fontana. Però nessuno dice che i mandanti, i fascisti Freda e Ventura, non hanno mai scontato alcuna pena! Ventura si è arricchito all’estero. Freda fa il giornalista, voluto anche da Belpietro per scrivere su Libero!ultima modifica: 2019-12-11T21:06:53+01:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento