Silvestro Montanaro: “Lettera a Salvini sulla felicità”

Silvestro Montanaro

 

zzz

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Silvestro Montanaro: “Lettera a Salvini sulla felicità”

Ho visto che la Bestia, la sua macchina di propaganda e manipolazione, ha pubblicato le immagini dei 31 profughi alla notizia che finalmente sarebbero sbarcati.

Erano felici. Una cosa scandalosa per lei… ” Paralitici e infermi questi? Gli italiani non sono scemi”.

Stando al suo modo di pensare, una persona che ha sofferto non ha diritto alla felicità. Un infermo non ha diritto alla gioia.

Che infinita tristezza! Lei non ha cuore.

La vita mi ha regalato l’ esperienza del dolore. Quello più atroce e più vero.

Ho calpestato le terre dell’ingiustizia e dell’odio bagnate dal sangue degli innocenti. Ho visto morire tanti esseri umani piegati e piagati dalla fame e dalle guerre. Le mie notti, i miei pensieri quotidiani, sono segnati per sempre dai loro volti e dalle loro storie.

Ricordo bambini ridotti a scheletri deformi, l’anima spezzata da ogni dolore. E sa una cosa? Nonostante tutto sorridevano ad ogni gesto di umanità. Facevano festa per un tozzo di pane, per un bicchiere d’acqua. Per una carezza che li faceva sentire importanti, amati.

Ne ricordo uno piccolo piccolo, in Angola. La fame lo aveva condannato a morte. La sua mamma lo carezzava e gli cantava una dolcissima ninnananna con la voce tremula per la paura di perderlo. E prima di abbandonarsi all’ultimo sonno, quel bimbo sorrideva.

Ha sorriso anche Guido, mio nipote, pochi giorni fa, prima di andar via per sempre divorato da un terribile male. Ha sorriso alle carezze di sua madre, di suo padre, di sua sorella. E’ morto facendo festa.

Sa signor Salvini, Guido, “terrun” nato storpio, impossibilitato a mille cose, sorrideva sempre. Era sempre pronto a far festa. Per una vittoria del suo amatissimo Napoli, per una buona notizia nella vita della gente che amava e che lo amava.

Gli ultimi della Terra sono “stolti” per natura. Vanno all’osso delle cose e hanno il coraggio della gioia appena si apre uno spiraglio di speranza nella loro vita.

Voleva che non facessero festa alla notizia dello sbarco uomini e donne che hanno lasciato paesi che marciscono nella miseria e nella guerra? Voleva non danzassero povere vite che hanno attraversato deserti, sopportato l’orrore della prigionia nei lager libici da lei finanziati, rischiato la vita in mare pur di ottenere l’umano diritto a una piccola speranza? Solo un folle o un miserabile, un uomo dalla pancia piena e il cuore vuoto, può ritenere scandalosa la loro gioia.

Lasci che sorridano, almeno una volta.

E ritrovi il suo cuore.

Se ancora le è possibile

 

Silvestro Montanaro 

BY 

fonte: https://raiawadunia.com/lettera-a-salvini-sulla-felicita/

Silvestro Montanaro: “Lettera a Salvini sulla felicità”ultima modifica: 2019-09-03T20:30:27+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento