Adesso Salvini decide chi ha bisogno della scorta o no in base a quanto gli sta sul cazzo …proprio non trovate che c’è qualcosa che non va?

Salvini

 

Salvini

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Adesso Salvini decide chi ha bisogno della scorta o no in base a quanto gli sta sul cazzo …proprio non trovate che c’è qualcosa che non va?

 

Da Salvini avvertimento a Saviano: “Valutiamo se gli serve la scorta”. Lo scrittore: “Ministro della malavita a capo di un partito di ladri, buffone”

Il titolare del Viminale aveva detto ad Agorà: “Le autorità competenti valuteranno come si spendono i soldi degli italiani”. In serata Fico rompe il silenzio 5 Stelle criticato per tutto il giorno dal Pd: “Chi denuncia la criminalità deve essere protetto dallo Stato”. La replica dell’autore di Gomorra su Twitter. E Minniti ricorda il caso di Marco Biagi, il giuslavorista ucciso dalle bierre dopo che lo Stato gli negò la scorta.

Scontro in due atti fra Matteo Salvini e Roberto Saviano: alle 10 del mattino il ministro dell’Interno attacca ad Agorà lo scrittore minacciandolo di togliergli la scorta dopo le critiche sulle politiche dell’immigrazione e sul censimento ai rom. In serata la replica su Twitter dell’autore di Gomorra: “Non mi fai paura, buffone, ministro della malavita”. Il silenzio del M5s, criticato per tutto il giorno dal Pd, è stato interrotto solo in serata da un post su Facebook del presidente grillino della Camera, Roberto Fico, che – senza citare Saviano – contraddice sull’argomento il vicepremier leghista.

“L’Italia – dichiara Fico – è il Paese che ha nel suo ventre tre fra le più grandi organizzazioni criminali internazionali: mafia, camorra, ‘ndrangheta. Tutti i cittadini, gli imprenditori e gli intellettuali che hanno avuto il coraggio di denunciare e opporsi alla criminalità organizzata devono essere protetti dallo Stato”. Tardivo e incompleto, per il Pd, l’intervento del presidente di Montecitorio. “Le parole di Fico – commenta il deputato dem Emanuele Fiano– rompono il silenzio dei Cinque Stelle. Mancano ancora quelle del capo politico del movimento Luigi Di Maio alleato fedele di Salvini. Evidentemente la fedeltà sta diventando ossequio nei confronti del vero capo politico del governo, e il contratto ha coperto l’obbligo di stare sempre dalla parte di chi combatte le mafie”. Di Maio interviene poi in tarda serata, uscendo dalla riunione con i parlamentari 5s. In risposta ai cronisti che lo interpellano sul caso Salvini-Saviano, il leader politico del Movimento dice: “Io penso che ci dobbiamo concentrare sulle cose che stanno nel contratto, su cosa faremo per gli italiani, l’ho detto anche ai parlamentari”. E poi aggiunge: “ognuno dica quello che vuole ma nel tempo libero, nel tempo del lavoro ognuno deve concentrarsi sul proprio obiettivo”.

Tutto comincia quando il titolare del Viminale, ospite di Agorà su Rai Tre, mette in forse la scorta a Saviano. “Saranno le istituzioni competenti – afferma – a valutare se corra qualche rischio, anche perché mi pare che passi molto tempo all’estero”. “Saviano – aggiunge il vicepremier e leader del Carroccio – è l’ultimo dei miei problemi. Gli mando un bacione se in questo momento ci sta guardando. È una persona che mi provoca tanta tenerezza e tanto affetto”. “Ma – conclude a proposito dell’opportunità di mantenere la tutela dello Stato allo scrittore – è giusto valutare come gli italiani spendono i loro soldi”.

Parole che suscitano un’ondata di indignazione tale da costringere il titolare del Viminale, qualche ora più tardi, a correggere il tiro: “Non sono io a decidere sulle scorte, ci sono organismi preposti”, precisa. Ma la frenata non ha impedito una valanga di proteste proveniente dal mondo politico.

Paolo Siani, deputato Pd e fratello del giornalista ucciso dalla camorra (“Se scortato forse Giancarlo sarebbe ancora vivo”, commenta), ricorda che “non è la prima volta che il leader del Carroccio minaccia l’autore di Gomorra. Se andiamo al governo, diceva Salvini l’8 agosto del 2017, a Saviano gli leviamo l’inutile scorta. La dichiarazione di questa mattina dà seguito alla minaccia fatta in campagna elettorale”.

Marco Minniti interviene per ricordare che “le scorte non si assegnano né si tolgono in tv”. “I dispositivi di sicurezza per la protezione delle persone esposte a particolari situazioni di rischio – aggiunge l’ex ministro dell’Interno – seguono procedure rigorose e trasparenti che coinvolgono vari livelli istituzionali. E sono state rafforzate dopo l’omicidio di Biagi“. Marco Biagi è il giuslavorista ucciso dalle bierre dopo che lo Stato gli negò la scorta. “Chi ricopre cariche istituzionali – ammonisca il pm antimafia Nino Di Matteo dalTg1 – dovrebbe conoscere bene la mentalità dei mafiosi in modo da evitare che certe dichiarazioni siano interpretate come un segnale di indebolimento”.

LA MINACCIA DI SALVINI (8 AGOSTO 2107): “SE ANDIAMO AL GOVERNO GLI TOGLIAMO LA SCORTA”

La retromarcia di Salvini non evita, in serata, la durissima replica dello scrittore contenuta in un video postato su Twitter. “Salvini ministro della malavita”, dice. “L’Italia – attacca Saviano – è il Paese occidentale con più giornalisti sotto scorta perché ha le organizzazioni criminali più potenti del mondo, ma Matteo Salvini, ministro dell’Interno, invece di contrastare le mafie, minaccia di ridurre al silenzio chi le racconta”.

Tratto da La Repubblica

http://www.repubblica.it/politica/2018/06/21/news/da_salvini_avvertimento_a_saviano_valutiamo_se_gli_serve_la_scorta_-199583859/

Adesso Salvini decide chi ha bisogno della scorta o no in base a quanto gli sta sul cazzo …proprio non trovate che c’è qualcosa che non va?ultima modifica: 2018-06-22T22:34:47+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento