Le parole dell’economista francese, Jacques Mazier: “L’Euro arricchisce Berlino. Se l’Italia forza la mano sarà punita a colpi di spread”

Euro

Euro

 

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

 

Le parole dell’economista francese, Jacques Mazier: “L’Euro arricchisce Berlino. Se l’Italia forza la mano sarà punita a colpi di spread”

“L’euro arricchisce Berlino. Se l’Italia forza la mano sarà punita a colpi di spread”

Le parole dell’economista francese, Jacques Mazier, sull’euro: “L’Italia non è la Grecia. Berlino dovrebbe essere sensibile alle richieste italiane”

L’economista francese Jacques Mazier, docente del il centro di studi economici dell’ università Paris-Nord (CEPN), ne è convinto.

La crisi italiana – ha detto in una intervista al Giorno -sta mettendo dolorosamente in luce le contraddizioni della costruzione Europa: dimostra che con queste regole la moneta unica è vantaggiosa per i Paesi che fanno capo alla Germania, ma non per gli altri“.

Per Mazier “il sistema”, quello che sembra aver messo sotto attacco l’Italia mentre da 80 giorni è senza governo, è “aberrante”. “Si è creato l’euro senza affiancarlo a un potere politico europeo – è la sua tesi – È chiaro che i più forti ne approfittano: la Germania farà di tutto per tenere in vita un meccanismo che l’arricchisce ogni giorno di più. Ha vinto un terno al lotto e non ha la minima intenzione di cambiare“.

Berlino ancora al centro del dibattito. E non potrebbe essere altrimenti, visti gliattacchi rivolti dalla Germania all’Italia in questi giorni e alle posizioni del possibile ministro dell’Economia, Paolo Savona, sul “piano della Germania che è quello nazista” e sull’euro, definito una “gabbia tedesca”. Oggi Savona, ancora nella lista dei ministri, ha emesso un comunicato in cui afferma che la sua idea è quella di avere un’Europa più forte ma più solidale. Un modo per ammorbidire la posizione, ma le distanze dal “modello tedesco” restano.

Il suo nome, è la speranza di Salvini e Di Maio, dovrebbe dar peso a Lega M5S nel loro tentativo di ridiscutere i Trattati europei. “Ci sarà una prova di forza – dice Mazier – Ognuno cercherà di fiaccare le capacità di resistenza dell’altro. Fin dove potrà (o vorrà) realmente spingersi il nuovo governo italiano? In che modo i poteri forti dell’ Europa potranno neutralizzare le richieste? Quali misure saranno prese?“. La risposta è chiara: “La cosa più verosimile – ipotizza l’economista – se l’Italia forzerà la mano, è che l’Europa risponda con un ‘no’ secco e punisca il nuovo governo italiano a colpi di spread e rialzo dei tassi d’interesse. Potrebbe sferrare nei vostri confronti attacchi economici talmente duri da obbligare il governo Lega-M5S a scelte più ragionevoli. E nel caso non bastasse, se non si arriverà a un compromesso, adotterebbe misure capaci di mettere in ginocchio il governo e farlo cadere per ritornare allo status quo. Si creerebbe una situazione pericolosa, un derapage che porterebbe a una crisi senza controllo. E questo non è nell’interesse di nessuno“.

Per l’economista una eventuale uscita dell’Italia dall’Euro, non inserita da Lega e M5S nel contratto, ma teorizzata da Savona in una “guida pratica” diffusa su internet, non avrebbe effetti traumatici sull’economia italiana o del Vecchio Continente. “Potrebbe anzi essere interessante per Paesi come l’ Italia e la Francia – continua – ma la transizione sarebbe molto dolorosa. Comunque è chiaro che la Germania non vuole che l’ Italia esca dall’ euro. L’Italia non è la Grecia, è la terza potenza economica europea. Dunque Berlino dovrebbe essere sensibile alle richieste italiane e cercare a ogni costo un compromesso che permetta alla Germania di non perdere i suoi vantaggi“. La mossa migliore, secondo l’economista, sarebbe però “cambiare strategia, uscire dall’ impasse creato a beneficio della Germania: immaginando ad esempio che l’ euro sia conservato solo nella zona dei Paesi legati alla Germania, svincolando gli altri“. Perché il vero problema è che l’euro in allo stesso tempo sopravvalutato per i paesi del Sud e sottovalutato per quelli del Nord. “Un cambio di regime monetario – conclude Mazier – con la reintroduzione di monete nazionali articolate attorno a un euro globale, potrebbe essere un’ alternativa possibile“.

Le parole dell’economista francese, Jacques Mazier: “L’Euro arricchisce Berlino. Se l’Italia forza la mano sarà punita a colpi di spread”ultima modifica: 2018-06-02T13:34:49+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento