L’arroganza di Elsa Fornero – Schiaffo al nuovo governo: “La riforma delle pensioni non si tocca, ci penserà Sergio Mattarella”

Elsa Fornero

 

Elsa Fornero

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

L’arroganza di Elsa Fornero – Schiaffo al nuovo governo: “La riforma delle pensioni non si tocca, ci penserà Sergio Mattarella”

Chiunque sarà al governo, assicura Elsa Fornero, “non potrà abrogare la riforma delle pensioni che porta il mio nome”. Inizia così l’urticante intervista della ex ministra del Welfare a Repubblica, da leggere con cautela perché può produrre notevoli dosi di irritazione tra i politici (specialmente grillini e leghisti) e italiani.

Elsa, appena andata in pensione a 70 anni in quanto insegnante universitaria (categoria non toccata dalla sua sanguinosa riforma), definisce Lega e M5s“venditori di illusioni”, poco coerenti in quanto in campagna elettorale hanno promesso l’abolizione della legge Fornero e ora, quasi al governo, parlano più prudentemente di un “superamento”, una transizione in almeno 5 anni. Ma di una cosa è sicura, l’ex ministra, il presidente della Repubblica Sergio Mattarellabloccherà la strada ad ogni scorciatoia populista, come, sottintende, l’abolizione della sua legge. “Mattarella si farà garante della stabilità dell’Italia”, si mostra tranquilla la Fornero spiegando che, in fondo, qualche blanda modifica alla sua intoccabile legge si può pure ipotizzare: “Forse si potrà realizzare una maggiore flessibilità nell’età di pensionamento, con una variazione dell’assegno mensile che sarà più alto per chi va in pensione più tardi. Ma ci vorrà tempo”. Forse, sempre che lei lo voglia.

fonte: http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13338072/elsa-fornero-ultimo-sputo-italiani-riforma-pensioni-non-si-tocca-sergio-mattarella-argine-populisti-matteo-salvini-luigi-di-maio.html

L’arroganza di Elsa Fornero – Schiaffo al nuovo governo: “La riforma delle pensioni non si tocca, ci penserà Sergio Mattarella”ultima modifica: 2018-05-13T13:02:34+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento