Ma quando Berlusconi si è presentato al Quirinale, Mattarella glie lo ha ricordato che suo fratello fu ucciso da un “eroico stalliere”…?

Quirinale

Quirinale

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Ma quando Berlusconi si è presentato al Quirinale, Mattarella glie lo ha ricordato che suo fratello fu ucciso da un “eroico stalliere”…?

 

 

Nella stanza del Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella, seduto spaparanzato comodo comodo come un dopolavorista all’orario dell’aperitivo, c’era un uomo incandidabile per la legge italiana, condannato in via definitiva dalla Cassazione per frode fiscale.

Nella stanza del Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella, felice e sornione, si è accomodato un uomo decaduto da senatore il 27 novembre del 2013 per effetto della “legge Severino”, ritenuto incandidabile alle ultime elezioni politiche (nonostante abbia avuto lo stomaco di mettere comunque il proprio nome nella dicitura “Berlusconi presidente” all’interno del proprio simbolo) e mandato in affidamento ai servizi sociali con una bella interdizione dai pubblici uffici.

Ha partecipato al momento fondamentale delle consultazioni per la formazione di un governo un uomo che nella sentenza di condanna (anch’essa definitiva) del suo braccio destro Marcello Dell’Utri (fondatore del movimento politico che oggi Berlusconi ha baldanzosamente rappresentato di fronte alla massima autorità dello Stato) viene descritto come colui che ha mantenuto e rispettato almeno dal 1974 al 1992 quei patti stipulati con Cosa Nostra grazie all’intermediazione di Dell’Utri. Oggi, di fianco al Presidente Mattarella, famigliare di una vittima di mafia, c’era un uomo che la mafia l’ha finanziata per anni attraverso le sue aziende e che con la mafia ha stretto un patto politico tramite lo stesso Dell’Utri.

Nella stanza del Presidente della Repubblica si è accomodato colui che per anni ha reso l’Italia un Paese deriso dal resto del mondo per le leggi ad personam (spinte con forza e bugie dall’attuale Presidente del Senato, tra l’altro) che Berlusconi si è costruito a proprio uso e consumo piegando il Parlamento a personale strumento di potere.

Di fianco al Presidente della Repubblica Mattarella, s’è seduto colui che è la più alta incarnazione dei conflitti di interesse che da decenni bloccano il Paese.

Tutti sorridenti, in posa a favore di fotografi e giornalisti. Tutti intenti a normalizzare ciò che non solo è illegittimo ma è soprattutto indegno. Facendo finta di niente. Come se, anche questa volta, le istituzioni fossero solo il teatrino in cui andare in scena per farsi notare.

E tanto chi se ne fotte della legge, del senso di opportunità o del rispetto verso la Storia del Paese.

Speriamo che almeno Berlusconi abbia tranquillizzato Mattarella: l’assassino del fratello è comunque un eroe!

Giusto come pro-memoria Vi riportiamo di seguito un breve passo delle motivazioni della sentenza di condanna di Dell’Utri.

Leggete e rabbrividite:

Tra il 16 ed il 19 maggio 1974 si svolgeva a Milano un incontro cui prendevano parte Marcello Dell’Utri, Silvio Berlusconi, Gaetano Cinà (legato alla “famiglia” mafiosa Malaspina) Stefano Bontade (capo della “famiglia” mafiosa S. Maria del Gesù ed esponente, fino a poco prima, insieme con Gaetano Badalamenti e Luciano Liggio, del “triunvirato” massimo organo di vertice di “cosa nostra”), Mimmo Teresi (sottocapo della “famiglia” mafiosa S. Maria del Gesù), Francesco Di Carlo (“uomo d’onore” della “famiglia” mafiosa Altofonte, di cui, all’epoca, era consigliere e di cui, in seguito, sarebbe diventato capo).

In tale occasione veniva raggiunto l’accordo di reciproco interesse, in precedenza ricordato, tra “cosa nostra” rappresentato dai boss mafiosi Bondante e Telesi, e l’imprenditore Berlusconi, accordo realizzato grazie alla mediazione di Dell’Utri che aveva coinvolto l’amico Gaetano Cinà, il quale, in virtù dei saldi collegamenti con i vertici della consorteria mafiosa, aveva garantito la realizzazione di tale incontro.

L’assunzione di Mario Mangano (all’epoca dei fatti affiliato alla “famiglia” mafiosa di Porta Nuova, formalmente aggregata al mandamento di S. Maria del Gesù, comandato da Stefabo Bondante) ad Arcore, nel maggio-giugno del 1974 costituiva l’espressione dell’accorso concluso, grazie alla mediazione di Dell’Utri, tra gli esponenti palermitani di cosa nostra e Silvio Berlusconi ed era funzionale a garantire un presidio mafioso all’interno della villa di quest’ultimo.

In cambio della protezione assicurata Silvio Berlusconi aveva cominciato a corrispondere, a partire dal 1974, agli esponenti di “cosa nostra” palermitana, per il tramite di Dell’Utri, cospicue somme di denaro che venivano materialmente riscosse da Gaetano Cinà.

QUI la sentenza completa

Il passaggio che Vi abbiamo riportato è a pagina 48.

By Eles

 

Fonti:

Berlusconi contro i Cinquestelle: “Noi abbiamo un passato di cui essere fieri” – Sì, è vero, e si chiama MAFIA…!

https://www.fanpage.it/berlusconi-va-da-mattarella-e-chi-se-ne-frega-delle-legge-severino/

Ma quando Berlusconi si è presentato al Quirinale, Mattarella glie lo ha ricordato che suo fratello fu ucciso da un “eroico stalliere”…?ultima modifica: 2018-04-07T17:40:10+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento