Spazzina “ruba” un giocattolo dalla monnezza per regalarlo al figlio. “È furto, licenziata!” …Che idiota! Se si fosse limitata a frodare il fisco per 368 milioni, ora sarebbe al Quirinale per discutere con Mattarella del futuro dell’Italia…! Ma proprio non Vi sentite presi per il c…?

frodare il fisco

 

frodare il fisco

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Spazzina “ruba” un giocattolo dalla monnezza per regalarlo al figlio. “È furto, licenziata!” …Che idiota! Se si fosse limitata a frodare il fisco per 368 milioni, ora sarebbe al Quirinale per discutere con Mattarella del futuro dell’Italia…! Ma proprio non Vi sentite presi per il c…?

“E’ furto”: licenziata la spazzina che prese un giocattolo dai rifiuti per regalarlo al figlio. Applicata la legge Fornero

Il giudice del lavoro ha respinto il ricorso e deciso per il no al reintegro dell’operatrice ecologica licenziata dall’azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti a Torino.

Il giudice del lavoro alla fine ha deciso per il no al reintegro. Non potrà riavere il suo posto, l’operatrice ecologica che l’anno scorso fu licenziata in tronco dalla Cidiu Servizi di Collegno, che si occupa della raccolta dei rifiuti a Torino ovest, per aver portato a casa un monopattino recuperato nella spazzatura e depositato nel mucchio di oggetti della differenziata nel capannone dell’azienda. La donna si chiama Aicha Elizabethe Ounnadi, per tutti Lisa. Ha 41 anni, tre figli, uno di otto anni, lavorava lì dal 2006 e aveva visto quel giocattolo che faceva al caso suo. Era stato abbandonato e aveva pensato che non ci fosse nulla di male a portarlo a casa. Invece l’atto è stato definito “appropriazione indebita di un bene non di sua proprietà”. E la donna, licenziata.

QUI potete continuare a leggere l’aticolo

 

Indignati? Ma è solo una merdaccia. Invece di rubare un giocattolo dalla spazzatura, froda il fisco per 368 milioni, e allora sì…

Come ha fatto un tale che in questi giorni è al Quirinale per discutere con il Presidente dlla Repubblica Italiana sul futuro del Paese…

 

RinfrescateVi la memoria:

Berlusconi condannato

Perché è stato condannato Berlusconi?
Per aver frodato il fisco attraverso i contratti esteri di Mediaset. Cioè per aver gonfiato fittiziamente i costi di Mediaset, e di conseguenza abbattuto gli utili dichiarati al fisco, facendo credere di aver pagato 100 dei film americani che in realtà erano costati 50 o 30. La differenza tra il prezzo reale e quello finto, cioè la cresta, finiva su conti esteri intestati a società offshore nei paradisi fiscali: conti che erano di proprietà personale di Silvio Berlusconi, tanto che a un certo punto voleva intestarne un paio ai figli. In pratica Mediaset gonfiava i prezzi con due obiettivi incrociati: pagare meno tasse e creare nero che finiva sui conti esteri del padrone. Nel processo Mediaset, tutti i giudici dopo tre gradi di giudizio hanno dichiarato provato “al di là di ogni ragionevole dubbio” che Silvio Berlusconi è stato l’ideatore e il beneficiario finale della frode fiscale.

Quanti soldi ha guadagnato grazie a questa frode fiscale?
In totale la sentenza definitiva quantifica l’evasione in 368 milioni di dollari: questi in realtà sono i fondi neri incassati dalle società offshore di Berlusconi solo tra il 1994 e il 1998, soldi che sono tuttora nascosti nei più inaccessibili paradisi fiscali. Nel processo Mediaset, grazie alla legge ex Cirielli sulla prescrizione facile, l’accusa ha potuto però contestare solo l’ultimo pezzo di frode fiscale: 7,3 milioni di euro. Tutta l’evasione degli anni precedenti invece è stata cancellata dalla prescrizione.

Leggi QUI l’intero articole de L’Espresso

 

Vi sentite almeno un poco poco presi per il c…?

 

By Eles

Spazzina “ruba” un giocattolo dalla monnezza per regalarlo al figlio. “È furto, licenziata!” …Che idiota! Se si fosse limitata a frodare il fisco per 368 milioni, ora sarebbe al Quirinale per discutere con Mattarella del futuro dell’Italia…! Ma proprio non Vi sentite presi per il c…?ultima modifica: 2018-04-03T22:56:51+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento