Repubblica.it: “Arrestato per peculato il sindaco di Pescia” …Dai Repubblica, fallo un piccolo sforzo. Dillo che il sindaco di Pescia è del Pd…

Repubblica

Repubblica

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

Repubblica.it: “Arrestato per peculato il sindaco di Pescia” …Dai Repubblica, fallo un piccolo sforzo. Dillo che il sindaco di Pescia è del Pd…

Riportiamo l’articolo di Repubblica.it sull’arresto del sindaco di Pescia. Per scoprire che il sindaco di Pescia è del Pd bisogna leggere con attenzione il testo, perchè è detto, una sola volta, in un inciso.

Sarebbe stato diverso se Pescia avesse avuto un sindaco cinquestelle?

………..

Arrestato per peculato il sindaco di Pescia

Con i soldi pubblici comprava iPad e cappotti da 800 euro: arrestato il sindaco di Pescia

Secondo le accuse della procura fiorentina Giurlani quando era presidente di Uncem Toscana si sarebbe “indebitamente appropriato di 570mila euro” dell’Uncem stessa. Tra i beni acquistati con quei soldi anche cappotti da 800 euro e iPad

di MASSIMO MUGNAINI

Cappotti da 800 euro l’uno, iPad di ultima generazione, una sfilza di cellulari e buoni carburante per oltre 500 chilometri al giorno, comprese domeniche e festivi. Non badava a spese Oreste Giurlani, sindaco Pd di Pescia (Pistoia), all’epoca in cui ricopriva la carica di presidente dell’Uncem Toscana. Coi soldi degli altri, però: perché quel denaro usciva tutto dalle casse della stessa Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani (Uncem), sezione regionale, i cui fondi sono stanziati dalla Regione Toscana: casse già di per sé disastrate, visto che a bilancio, nel 2016, compaiono perdite per 2,4 milioni di euro. Almeno, queste sono le accuse per cui il pm fiorentino Tommaso Coletta ha chiesto e ottenuto dal gip Anna Liguori del tribunale di Firenze l’arresto ai domiciliari per Giurlani. Arresto eseguito stamani, giovedì 1 giugno, dai finanzieri del Comando provinciale di Firenze.
Il sindaco è indagato per peculato (cioè l’appropriazione indebita commessa da pubblici ufficiali) perché secondo le indagini dei finanzieri del gruppo tutela spesa pubblica del nucleo di polizia tributaria di Firenze, si sarebbe appunto indebitamente appropriato del denaro dell’Uncem, di cui è stato presidente dal 2005 al 2016, trasferendo dal conto corrente dell’associazione – di cui aveva disponibilità diretta anche tramite home banking – sul proprio conto personale, oltre 570.000 euro. In dettaglio, gli accertamenti di natura economico-finanziaria delle Fiamme Gialle avrebbero messo in luce come Giurlani si sarebbe ‘autoliquidato’ oltre 200.000 euro senza produrre alcun giustificativo di spesa, più altri 233.000 euro “creando ad arte giustificazioni fittizie contabili, ideologicamente false e soprattutto non pertinenti alla funzione pubblica svolta”, spiegano i militari. Il tutto in cinque anni, tra il 2012 e il 2016.

Inoltre, sempre secondo le accuse basate su indagini economiche ma anche su ‘classiche’ intercettazioni telefoniche, Giurlani avrebbe anche ricevuto, sempre nel periodo 2012-2016, compensi per consulenze private effettuate a favore dell’Uncem per oltre 140.000 euro su incarichi auto-conferiti, in relazione ai quali sono vi sono tutt’ora indagini in corso che stanno portando in queste ore a diverse perquisizioni in uffici pubblici e residenze private tra Firenze e Pistoia. Perquisizioni che a loro volta stanno portando al sequestro di numeroso materiale, cartaceo ed elettronico.

L’inchiesta della procura è nata da un esposto del consigliere regionale di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli, che segnalava varie  irregolarità tra cui gli omessi versamenti di contributi previdenziali. Le indagini, peraltro, non sono affatto finite. Giurlani risulta infatti indagato a Firenze anche per corruzione, in merito a vicende ‘collaterali’ ma distinte, scoperte dagli inquirenti con la stessa inchiesta. Tra queste, una potrebbe riguardare il nuovo parco di Collodi, sul quale vi sono alcune intercettazioni che gli investigatori stanno approfondendo. Per questo filone sulla corruzione, Giurlani non è affatto l’unico indagato.

tratto da:

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2017/06/01/news/arrestato_per_peculato_il_sindaco_di_pescia-166953931/?ref=twhr&timestamp=1496306802000&utm_source=dlvr.it&utm_medium=twitter

Repubblica.it: “Arrestato per peculato il sindaco di Pescia” …Dai Repubblica, fallo un piccolo sforzo. Dillo che il sindaco di Pescia è del Pd…ultima modifica: 2017-06-01T20:33:29+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento