Il mistero della mozione contro il governatore di Bankitalia Visco: la firma è di tal Silvia Fregolent che di questioni bancarie non capisce una mazza, ma è una “boschiana” di ferro. L’ipotesi più accreditata? Scritta dallo staff della Boschi!

 

Visco

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Il mistero della mozione contro il governatore di Bankitalia Visco: la firma è di tal Silvia Fregolent che di questioni bancarie non capisce una mazza, ma è una “boschiana” di ferro. L’ipotesi più accreditata? Scritta dallo staff della Boschi!

 

Bankitalia accusa: mozione anti Visco scritta dalla Boschi

Fonti di Palazzo Koch indicano nello staff del sottosegretario di Palazzo Chigi il responsabile della stesura del testo.

La mozione parlamentare contro il governatore di Bankitalia Ignazio Visco, presentata alla Camera martedì scorso dal Pd, sarebbe stata scritta dallo staff giuridico del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Maria Elena #Boschi. Ad affermarlo sono fonti interne alla Banca d’Italia, rigorosamente mantenute anonime, che oggi il giornalista Marco Palombi riporta sul Fatto Quotidiano. Ma a contribuire a far puntare il dito dell’opinione pubblica contro il presunto conflitto di interessi della famiglia Boschi nella intricata vicenda Banca Etruria-Vigilanza di bankitalia è anche un articolo apparso ieri, 20 ottobre, sul Corriere della Sera, in cui si parla di come #Viscoavesse segnalato a più riprese le “molte anomalie” della banca aretina di cui Pier Luigi Boschi, padre di Meb, è stato anche vicepresidente.

Una “vendetta per Banca Etruria”, sostengono le anonime gole profonde di Palazzo Koch, così come aveva già dichiarato il senatore di Mdp Miguel Gotor.

Le accuse di Bankitalia contro la Boschi

Dunque, secondo quanto scritto da Marco Palombi sul quotidiano diretto da Marco Travaglio, la mozione contro Ignazio Visco sarebbe stata scritta dal Giglio Magico di Maria Elena Boschi per “vendetta” dopo quanto era successo con Banca Etruria. I boschiani non avrebbero perdonato al governatore di Bankitalia le sue responsabilità nel fallimento della banca aretina, di cui babbo Boschi (multato due volte da Visco e una dalla Consob) arrivò addirittura a ricoprire il ruolo di vicepresidente nel 2015. Le fonti anonime di Palazzo Koch ricordano tutti gli atti compiuti dalla Boschi (quando era ministro per le Riforme del governo Renzi) per cercare di salvare la banca dove, oltre al padre, lavorava anche il fratello Emanuele.

E poi aggiungono: “E ora è arrivata la mozione, basta vedere dove è stata scritta”.

La ricostruzione dei fatti

Per rispondere alla domanda di cui sopra è necessario ricostruire i concitati fatti che hanno portato alla presentazione della mozione anti Visco. Prima firmataria dell’atto votato dal parlamento martedì 17 ottobre è la deputata Pd Silvia Fregolent. La Fregolent, che non si sarebbe mai occupata nella sua carriera di questioni inerenti Bankitalia e non avrebbe le competenze necessarie, viene descritta come una boschiana di ferro. E dunque, si chiedono in molti, chi ha scritto veramente la mozione? L’ufficio legislativo del Pd alla Camera (teoricamente responsabile di questi temi), presieduto dall’orlandiano Andrea Martella, nega ogni coinvolgimento attraverso non meglio precisate “fonti interne”. E nessun organismo ufficiale, come la direzione Pd o i gruppi parlamentari, ha mai discusso il contenuto della stessa.

Mozione scritta dallo staff della Boschi?

Infine, il sottosegretario al Tesoro Pier Paolo Baretta, secondo “fonti di governo” avrebbe avuto la possibilità di visionare il testo anti Visco solo intorno alle tre del pomeriggio del 17 ottobre, in tempo per limare i passaggi più duri ma non per evitare la messa al voto.

Il punto fondamentale, però, è che la mozione non è giunta a Baretta per mano del capogruppo Dem Ettore Rosato, ma direttamente da Palazzo Chigi, luogo dove risiede lo staff della Boschi, attraverso una email. I numerosi indizi raccolti portano le fonti interne a Bankitalia ad affermare con certezza che “sono loro ad aver scritto la mozione”.

Travaglio distrugge il duo Renzi & Boschi: proprio loro che per le crisi bancarie non hanno mosso un dito, contribuendo ad un crac da 60 miliardi, ora chiedono la testa di Visco. Sarebbe una barzelletta se non fosse uno scandalo!

Travaglio

 

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Travaglio distrugge il duo Renzi & Boschi: proprio loro che per le crisi bancarie non hanno mosso un dito, contribuendo ad un crac da 60 miliardi, ora chiedono la testa di Visco. Sarebbe una barzelletta se non fosse uno scandalo!

Durissimo editoriale di Marco Travaglio contro Matteo Renzi e Maria Elena Boschi sulla vicenda banche.

L’ex premier nei giorni scorsi ha chiesto la testa del governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco in quanto giudicato responsabile del disastro bancario. Marco Travaglio, nonostante concordi sulla responsabilità di Visco, definisce una “barzelletta”, se non uno “scandalo”, il fatto che a richiedere la rimozione di Visco siano i due rappresentanti del governo Renzi, che sulle banche ne ha combinato di tutti i colori.

Scrive Travaglio:

“Di Boschi e di riviera”

Che la Vigilanza di Bankitalia non abbia vigilato sui crac bancari, lo sanno anche i bancomat. Che Ignazio Visco, detto Tutto-va-ben-madama-la-marchesa, in un Paese serio non sarebbe più governatore da un pezzo, non ci sono dubbi (chi ne avesse ancora si legga Giorgio Meletti a pag. 2). Ma che a chiedere la sua testa sia il duo Renzi&Boschi, sarebbe una barzelletta se non fosse uno scandalo. Chi ha lasciato marcire per anni le crisi bancarie senza muovere un dito, per non turbare l’ottimismo obbligatorio fino al referendum del 4 dicembre 2016, contribuendo a far lievitare il conto di quei crac fino a 60 e passa miliardi a carico dello Stato? Il governo Renzi-Boschi. Ora, in linea con la regola aurea dei governi italiani – il bue che dà del cornuto al bue – siamo alla guerra per banche: ciascuno cerca un capro espiatorio da immolare sull’altare delle urne. E vedremo chi resterà col cerino in mano. Ma sarebbe paradossale se fosse il solo Visco, senza portarsi dietro il resto della compagnia. Se salta lui, non si vede come possa restare la sottosegretaria Boschi, favoritissima al premio Conflitto d’Interessi 2014-2017 (prima l’ambito riconoscimento era esclusiva di B.): una preziosa scultura di una faccia di bronzo.

Il 18.12.2015, prima che la Camera respinga la mozione di sfiducia M5S-Sel sul suo conflitto d’interessi di ministra e di azionista e figlia del vicepresidente di Banca Etruria, la statista di Arezzo giura: “Non c’è alcun conflitto d’interessi né favoritismo né corsia preferenziale: non ho tutelato la mia famiglia, ma solo le istituzioni… Si dimostri che ho favorito mio padre o che son venuta meno ai miei doveri istituzionali e sarò la prima a lasciare l’incarico”. E la sfanga.

Il 10.1.2016 torna sull’argomento in un’intervista al Corriere: “L’ipotesi di un mio conflitto di interessi è a dir poco fantasiosa… Se la cosa non fosse così seria, mi farebbe anche sorridere il fatto che alcuni autorevoli esponenti oggi prendano determinate posizioni, pur sapendo che sono le stesse persone che un anno fa suggerivano a Banca Etruria un’operazione di aggregazione con la Banca Popolare di Vicenza. Se fosse stata fatta quell’operazione, oggi avrebbero avuto un danno enorme i correntisti veneti e quelli toscani”. Un attacco alzo zero a Visco che aveva caldeggiato la fusione Etruria-Vicenza. Poi purtroppo si scopre che la ministra ha mentito. Non una, ma più volte.

1) Nel marzo 2014, un mese dopo la nascita del governo Renzi, Maria Elena e Pier Luigi Boschi (membro del Cda di Etruria) ricevono nella loro villa di Laterina tre banchieri.

Sono – come rivela, mai smentito, Meletti – il presidente e l’ad di Veneto Banca, Flavio Trinca e Vincenzo Consoli, e il presidente di Etruria Giuseppe Fornasari. Tema del vertice segreto: come resistere, con l’appoggio del nuovo governo, alle richieste di Bankitalia per fondere Etruria e Veneto Banca con Pop Vicenza. A maggio il papà della neoministra diventa vicepresidente di Etruria col neopresidente Lorenzo Rosi. I due bussano a tutte le porte, anche a quella del bancarottiere Carboni. Ma invano.

2) Nel gennaio 2015 – rivela Ferruccio de Bortoli – un mese prima del commissariamento di Etruria chiesto da Bankitalia al governo, la Boschi chiama l’Ad di Unicredit Federico Ghizzoni e gli chiede di rilevare una a caso delle varie banche decotte: Etruria. Ghizzoni inoltra la richiesta alla manager Marina Natale, che dà parere negativo. La Boschi smentisce e annuncia querela a De Bortoli (mai fatta). Renzi, nel suo libro Avanti, scriverà che “chiedere a Ghizzoni di studiare il dossier Etruria sarebbe stato come minimo ridondante visto che era un dossier che stavano studiando tutti”. E così sembra confermare lo scoop di De Bortoli, senza spiegare a che titolo la Boschi avrebbe chiamato il banchiere (non è il ministro del Tesoro e i ministri economici erano ignari dell’iniziativa).

3) Il 3.2.2015 manca una settimana al commissariamento di Etruria. Il governo Renzi ha appena varato il decreto che riforma le banche popolari (Etruria inclusa), imponendo loro di trasformarsi in Spa più grandi (qualcuno l’ha saputo in anticipo, ha fatto incetta di azioni Etruria e ci fa un sacco di soldi visto che il titolo si gonfia in pochi giorni fino al 60%). Quel giorno Consoli fa due telefonate (intercettate dai pm che indagano su Veneto Banca). Una al capo della sede di Bankitalia a Firenze: “Io chiamo Pier Luigi e vedo se mi fissa un incontro, anziché con la figlia, direttamente col premier”. L’altra a Pier Luigi Boschi, che promette: “Io ne parlo con mia figlia, col presidente (Renzi, ndr) domani e ci si sente in serata”.

4) L’altroieri, dal treno, Renzi ordina la dichiarazione di guerra a Visco: la scrive il capogruppo Rosato col contributo della Boschi e della sua fedelissima Silvia Fregolent. La sottosegretaria, che segue come una badante il premier Gentiloni, si dimentica di avvertirlo del blitz, lasciando all’oscuro anche i ministri e soprattutto il presidente Mattarella. I quattro non la prendono bene. Parlano di “tradimento”. I cronisti descrivono la sottosegretaria al Quirinale “appartata, abbacchiata e silenziosa”. Manca solo che i corazzieri le passino spazzola e strofinaccio per farsi lustrare le sciabole e spolverare i pennacchi. Lei non parla con nessuno, anche perché nessuno parla con lei (ma Gentiloni, cornuto felice, è costretto a difenderla, almeno in pubblico). Però qualcuno dovrebbe dirglielo: cara, hai mentito al Parlamento, hai interferito nell’affare Etruria, continui a impicciarti di banche mentre, alla sola parola, dovresti nasconderti sotto la scrivania: ora basta. Tòrnatene a Laterina e non farti più vedere, men che meno accompagnata dai genitori.

L’articolo su Il Fatto Quotidiano.