Quanto manca a una guerra tra Stati Uniti e Corea del Nord?

guerra

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

Quanto manca a una guerra tra Stati Uniti e Corea del Nord?

Un vero conflitto è stato ritenuto a lungo improbabile se non impossibile, ma il vento sta cambiando, per il peggio.

Una guerra tra Stati Uniti e Corea del Nord provocherebbe decine di migliaia se non centinaia di migliaia di morti, comporterebbe il pericolo di un intervento cinese, porterebbe in prima linea i trentamila soldati americani dislocati nella Corea del Sud, potrebbe rendere inevitabile il ricorso ad armi nucleari per la prima volta dopo Hiroshima e Nagasaki e modificherebbe per molto tempo gli equilibri dell’area e i cruciali rapporti tra Washington e Pechino. Per questo, malgrado i test missilistici e atomici di Pyongyang e la «guerra delle parole» tra Kim Jong-un e Donald Trump, un vero conflitto è stato ritenuto a lungo improbabile se non impossibile.

Il vento cambia (in peggio)

Ma il vento sta cambiando, per il peggio. Esperti qualificati e diplomatici coinvolti nella crisi, ai quali il Corriere ha avuto accesso in diverse capitali, concordano nel ritenere che il punto di non ritorno si stia avvicinando ad una velocità pari a quella dei progressi nord-coreani nella sperimentazione degli ICBM (missili intercontinentali) e nella messa a punto di testate nucleari miniaturizzate. In realtà nessuno vuole la guerra, spiegano i nostri interlocutori, e meno di tutti la vuole Kim Jong-un che conosce bene la debolezza del suo Paese e punta sulla minaccia nucleare soltanto per ottenere uno status capace di proteggerlo da rovesciamenti di regime patrocinati dagli Usa (o dalla Cina). Ma tra non molto la tecnologia militare prevarrà sulle tattiche. Quando la Corea del Nord sarà effettivamente in grado di colpire con armi nucleari il territorio metropolitano degli Usa (e non soltanto Guam), l’America non potrà tollerare un simile rischio e «dovrà» attaccare le basi sotterranee che nascondono l’arsenale missilistico e atomico di Pyongyang. Quanto manca a questa Ora X? Pochi mesi, forse meno. E le sanzioni economiche contro Pyongyang non saranno in grado di fermare l’orologio. È per questo che politici, esperti e diplomatici sono impegnati in una corsa contro il tempo che è diventata una «corsa contro la guerra» . Il tentativo, a buon punto almeno sulla carta, è quello di fissare i parametri di un possibile accordo negoziale di compromesso tra Washington e Pyongyang utilizzando i buoni uffici di altri Paesi e, forse, anche un dialogo diretto ancora avvolto nel mistero.

Il caso Tillerson

Il Segretario di Stato statunitense è in visita a Pechino, il 30 settembre scorso. Ai giornalisti, nella sorpresa generale, confida che gli Usa stanno sperimentando «canali di comunicazione multipli e diretti con Pyongyang». Canali che non passano dalla Cina. Il giorno dopo, il presidente Trump mette in rete un tweet nel quale elogia le buone intenzioni di Tillerson ma gli dice anche che sta perdendo tempo. L’ultimo capitolo è del 15 ottobre scorso: Rex Tillerson, scrive una agenzia internazionale, dichiara che Trump non crede che il dialogo diplomatico con Pyongyang sia tempo perso. Caos all’interno dell’Amministrazione, oppure contatti per ora inconfessabili? La seconda ipotesi è la più verosimile.

Il formato negoziale

Chi ci sta lavorando ritiene che un negoziato anti-guerra dovrebbe prendere la forma di una conferenza regionale che poi regionale non sarebbe. Corea del Nord, Corea del Sud, Giappone e Cina. Ma ovviamente anche gli Stati Uniti. E la Russia, che pur avendo soltanto un piccolo confine con la Corea del Nord vuole avere un ruolo nella crisi per diventare influente in Asia dopo esserlo diventata in Medio Oriente. E ancora l’Europa, che potrebbe aver facilitato i canali di cui parla Tillerson. Dove, non importa (forse in qualche collaudata sede europea, come Ginevra o Vienna). Purché si cominci in tempo per congelare eventuali propositi bellici.

Il compromesso

Naturalmente è la parte più delicata del progetto, anche perché nessuna delle due parti in conflitto (Usa e Corea del Nord) accetterebbe di perdere la faccia. Bisogna partire, dice chi se ne occupa, dalle esigenze minime e indispensabili. Per gli Usa, si tratta per prima cosa di escludere che i vettori nord-coreani possano raggiungere il territorio metropolitano. Ma anche Guam andrebbe protetta in un nuovo patto di sicurezza regionale, e anche la Corea del Sud, e il Giappone. Per Kim Jong-un la chiave è una garanzia credibile che metta al riparo se stesso e il suo regime da colpi bassi. E Pyongyang vuole incrementare la sua importanza regionale, così come vuole proseguire (perché questo accade già) nel miglioramento dell’economia. La Cina vuole sicurezza e stabilità, la Russia vuole esserci. Lo scambio, allora, potrebbe prendere questa forma. La Corea del Nord accetta di fermare la ricerca e i test degli ICBM, e di distruggere quelli esistenti. Gli Usa non sarebbero più raggiungibili. Pyongyang conserva però un arsenale nucleare regionale che già possiede e che ha già inciso sugli equilibri dell’area. Inoltre, a tutela di Guam, dei Paesi alleati degli Usa, ma anche a garanzia contro le paure di Kim Jong-un, viene concluso un trattato di sicurezza regionale che esclude l’uso della forza e i cambiamenti di regime dall’esterno. E cancella le sanzioni. Garanti anche militari del rispetto del patto sono Cina e Russia, oppure soltanto la Cina, oppure ancora Cina e Usa. La riunificazione coreana sarà incoraggiata. La presenza americana nel Sud sarà ridotta ma non eliminata. Il Giappone non disporrà di armi nucleari.

Incognite che restano

Ammesso che si arrivi a tanto, dovranno essere risolte alcune questioni «accessorie» ma fondamentali. Prima fra tutte quella delle verifiche. Come potranno gli Usa verificare che la minaccia degli ICBM non esista più? Forse dovrà accontentarsi delle ispezioni cinesi se Pyongyang le accetterà, oppure di quelle dell’Onu. Qualcuno a Washington non sarà contento. Ma in questo arduo cammino negoziale, che potrebbe anche non riuscire ad avanzare, ogni passo va paragonato all’ormai incombente pericolo di una guerra di certo catastrofica ma ancora oggi imprevedibile nella reale portata delle sue conseguenze umane e strategiche. Ora il rullo di tamburi comincia ad avere una alternativa di pace, e la novità non è di poco conto.

fonte e articolo intero:

http://www.corriere.it/esteri/17_ottobre_29/washington-pyongyang-quanto-manca-all-ora-x-649b2c30-bc1c-11e7-b9f3-82f15d252a79.shtml

Signore e Signori, ecco a Voi gli Stati Uniti, quelli che si ergono a paladini della giustizia nel mondo: 88 armi ogni 100 abitanti. Negli ultimi 1.735 giorni 1.516 sparatorie!

 

Stati Uniti

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Signore e Signori, ecco a Voi gli Stati Uniti, quelli che si ergono a paladini della giustizia nel mondo: 88 armi ogni 100 abitanti. Negli ultimi 1.735 giorni 1.516 sparatorie!

 

Negli Stati Uniti 88 armi ogni 100 abitanti. Negli ultimi 1.735 giorni 1.516 sparatorie.
Negli Stati Uniti le probabilità di morire in un conflitto a fuoco sono 11 volte superiori rispetto a qualsiasi altro paese sviluppato: le sparatorie, spesso con vittime, sono state negli ultimi anni quasi una al giorno.

Ottantotto armi da fuoco ogni cento abitanti. E’ questo il dato che più di ogni altro spiega cosa è accaduto domenica sera a Las Vegas, quando Stephen Paddock, pensionato di 64 anni, si è affacciato dal 32esimo piano di un hotel ed ha aperto il fuoco sulle persone che stavano assistendo a un concerto country. L’uomo era riuscito a portare nella sua stanza di albergo 23 tra pistole e fucili e centinaia di munizioni, mentre una perquisizione nella sua casa ha rivelato che ne possedeva altre 19, tutte perfettamente funzionanti. E’ probabilmente proprio nella facilità di accesso alle armi da fuoco che vanne trovate le ragioni della tragedia di Las Vegas, la più grave sparatoria nella storia degli Stati Uniti, ma anche di altri episodi simili numericamente meno consistenti, ma ugualmente gravi e soprattutto praticamente quotidiani.

USA: negli ultimi 1.735 giorni 1.516 sparatorie
E’ il Guardian a fornire alcuni dati che spiegano il fenomeno della stragi negli Stati Uniti, paese in cima alle classifiche mondiali per la quantità di armi possedute dai suoi cittadini. Episodi come quello di Las Vegas capitano in un numero 11 volte superiore rispetto a qualsiasi altro paese sviluppato, secondo uno studio pubblicato nel 2014 nel Journal of International Criminal Justice. Negli ultimi 1.735 giorni le sparatorie sono state 1.516, molte delle quali con la presenza di vittime. Come detto, mediamente negli USA ci sono 88 pistole ogni 100 abitanti: un dato impressionante anche se rapportato al secondo paese di tale classifica, lo Yemen, dove le armi sono invece 54 ogni 100 abitanti.

Curare persone ferite dalle armi costa agli USA 2,8miliardi di dollari
Secondo il Guardian, sono 30mila le persone uccise dalle armi da fuoco ogni anno negli States. In due casi su tre si tratta di suicidi. Sono invece 100mila gli uomini, donne o bambini che vengono feriti, stando a uno studio pubblicato sulla rivista Health Affairs. In termini sanitari, il costo sostenuto per curare le persone coinvolte in conflitti a fuoco è di 2,8miliardi di dollari all’anno. Dati emblematici: per gli americani le probabilità di morire a causa di un conflitto a fuoco sono 25 volte più alte rispetto agli altri paesi sviluppati. Un sondaggio dell’Università di Harvard rivela che la metà delle armi da fuoco in circolazione nel paese è detenuta dal 3% appena della popolazione e che 7,7 milioni di cittadini posseggono tra gli otto e i 140 fucili o pistole.

Uomo, conservatore e residente fuori dalle città: il profilo dei proprietari di armi
Significativo il profilo dei possessori di armi: si tratta di bianchi, prevalentemente conservatori e residenti fuori dalle grandi città. Il reddito naturalmente incide sulla possibilità di acquistare legalmente un pezzo: chi guadagna almeno 25.000 dollari ogni anno entra più facilmente in un’armeria. Il 30% dei conservatori dichiara il possesso di un’arma, rispetto al 19% dei moderati e al 14% dei liberali. L’acquisto di pistole e fucili continua ad essere una prerogativa maschile, dal momento che le donne che si rivolgono alle armerie rappresentano una porzione ridotta (12%) del mercato.

fonte: https://www.fanpage.it/negli-stati-uniti-88-armi-ogni-100-abitanti-negli-ultimi-1-735-giorni-1-516-sparatorie/

 

 

Michail Gorbaciov: “Il mondo si sta preparando per la Terza Guerra Mondiale”

 

Gorbaciov

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

Michail Gorbaciov: “Il mondo si sta preparando per la Terza Guerra Mondiale”

“Kim Jong-Un ‘orders IMMEDIATE EVACUATION of Pyongyang’ as tensions with US estate.” Questo è quanto riporta il quotidiano inglese Express nella pagina delle news del 14 aprile. Il leader nord-coreano Kim Jong-un ha dato ordine ai residenti della capitale di lasciare la città immediatamente, diffondendo così paure su una possibile preparazione alla guerra.

Articoli sulla russa Pravda affermano che più di 600mila persone – circa il 25 per cento della popolazione della città – è stata evacuata con urgenza, a seguito dell’escalation delle tensioni tra la Corea del Nord e gli Stati Uniti. Secondo i media della Corea del Sud, i residenti della Corea el Nord si sono reciprocamente salutati, diffondendo preoccupazioni sul fatto che il leader tirannico sia prossimo ad agire dopo mesi di test nucleari.
Ai reporters stranieri è stato detto di prepararsi per un “grande importante evento” in occasione della festività nazionale più importante della Corea del Nord, dal nome “Day of the Sun – il Giorno del Sole”.

Come afferma la TV Nbc citando più fonti dell’intelligence americana, si crede che un test nucleare si possa verificare durante il fine settimana. Il sesto ordigno atomico nordcoreano è atteso, secondo molti analisti, entro quest’oggi, 15 aprile, giorno del 105esimo anniversario della nascita del nonno e fondatore della dinastia Kim al potere in Corea del Nord, Kim Il-sung.

Dalla Russia però si fa sentire anche un personaggio molto illustre, che dichiara come oggi nel mondo sono chiaramente visibili i segni di una guerra globale.

“La retorica dei leader politici in questi ultimi anni sta diventando sempre più militare e i media usano le loro parole, ‘aggiungere benzina sul fuoco’”, queste le ultime dichiarazioni dell”ex presidente dell’Unione Sovietica, Mijaíl Gorbachov. Lo stesso Gorbachov ha inoltre dichiarato: “Oggi nel mondo si distinguono chiaramente i segni visibili della guerra fredda, mentre la corsa agli armamenti in alcuni paesi è già in corso.”

Come indicato dall’ex leader sovietico in un’intervista al quotidiano Bild, sembra che il mondo sia attualmente sul piede di guerra, tenendo conto della scala di tensione tra alcuni stati. “Le relazioni tra grandi potenze continuano a deteriorarsi. Questo crea l’impressione che il mondo si stia preparando per la guerra. Tutti i segni della guerra fredda sono evidenti”, ha detto Gorbaciov.

Un altro segno della guerra imminente su larga scala, in base a quanto detto da Gorbaciov, è la corsa agli armamenti che si sta attivamente svolgendo in alcune regioni del mondo, mentre i paesi sono costantemente in movimento con le loro truppe . “Non molto tempo fa, la NATO  e le truppe russe erano nettamente distinte. Ora sono faccia a faccia”, ha detto l’ex premier.

 

 

fonte: http://www.complottisti.com/mijail-gorbaciov-il-mondo-si-sta-preparando-per-la-terza-guerra-mondiale/

Forse si fanno schifo da soli, per questo hanno fatto in modo di non farci sapere niente: martedì 19 settembre la Camera ha respinto le mozioni per bloccare la vendita di armi a Paesi in guerra che violano i diritti umani. La guerra in Yemen, con le nostre armi, può continuare e chissenefrega dai bambini che crepano!

Yemen

 

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

Forse si fanno schifo da soli, per questo hanno fatto in modo di non farci sapere niente: martedì 19 settembre la Camera ha respinto le mozioni per bloccare la vendita di armi a Paesi in guerra che violano i diritti umani. La guerra in Yemen, con le nostre armi, può continuare e chissenefrega dai bambini che crepano!

 

La Camera contro lo stop alle bombe in Yemen

tratto da: https://www.cittanuova.it/la-camera-lo-stop-alle-bombe-yemen/

Gino Strada e il ritorno del colonialismo

 

Gino Strada

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

 

Gino Strada e il ritorno del colonialismo

(di Arturo Diaconale – opinione.it) – Ciò che stupisce non è l’attacco di Gino Strada al ministro dell’Interno Marco Minniti per l’azione che il responsabile del Viminale cerca di realizzare per frenare l’afflusso incontrollato di migranti nel nostro Paese. Strada è da sempre su posizioni di solidarismo estremo. E il suo attacco costituisce una sorta di anticipazione di uno dei temi che la sinistra più intransigente, legata al mondo del volontariato più radicale, porterà avanti con la massima energia nel corso della campagna elettorale. Quello della critica al blocco del corridoio umanitario del Mediterraneo in nome della solidarietà e della pietà umana per quelle masse di profughi che non potendo più usufruire dei barconi e delle navi delle Ong saranno costretti a marcire nelle prigioni e nei campi di concentramento delle milizie libiche o dei governi corrotti e incapaci del Centro Africa.

Non è affatto peregrina la tesi di chi sostiene che per i migranti è mille volte meglio correre il rischio di finire affogati nel Canale di Sicilia o venire sbattuti nei centri di accoglienza italiani piuttosto che morire di stenti nei deserti africani o diventare oggetto di ogni tipo di violenza nei lager dei nuovi mercanti di schiavi. Ma questa sorta di teoria del male minore, che sarebbe quello di un’accoglienza difficile e senza speranza di integrazione nel nostro Paese, salva la coscienza di chi la sostiene ma non fa compiere un solo passo in avanti alla soluzione di un problema che alla radice ha le drammatiche condizioni delle zone da dove i flussi migratori provengono.

Tutti sono concordi nel sostenere che sarebbe meglio eliminare le cause delle migrazioni, e quindi dare stabilità e benessere ai Paesi devastati dalla guerra civile, dalla fame e dai governi dispotici e corrotti. Ma nessuno è in grado di formulare una proposta concreta per compiere un’operazione del genere. Perché tutti quelli che cercano di salvare la propria coscienza proponendo o l’accoglienza indiscriminata e irresponsabile o aiutare i disgraziati a casa loro sanno perfettamente che la prima soluzione è destinata a provocare tensioni incontrollabili a casa nostra e la seconda ad arricchire i governanti corrotti e dispotici abilissimi nel prendere gli aiuti del mondo occidentale e trasformarli in depositi personali nei paradisi fiscali.

E allora? L’irrealismo di Gino Strada porta a una conclusione paradossale. Perché pone come unica alternativa al solidarismo estremo che può devastare l’Italia e l’Europa il ritorno, sotto forma di aiuti controllati e garantiti dalla presenza militare, al vecchio colonialismo.

tratto da: https://infosannio.wordpress.com/2017/09/07/gino-strada-e-il-ritorno-del-colonialismo/

“Occhi aperti” sullo Yemen, il gesto di una bimba – scampata ad un bombardamento, che cerca di aprire l’occhio tumefatto per vedere – diventa il simbolo del conflitto

Yemen

 

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

 

“Occhi aperti” sullo Yemen, il gesto di una bimba – scampata ad un bombardamento, che cerca di aprire l’occhio tumefatto per vedere – diventa il simbolo del conflitto

Buthaina, 5 anni, era rimasta ferita in un bombardamento che il 25 agosto ha ucciso la sua famiglia. Il suo “occhiolino”, il gesto di tirarsi su la palpebra gonfia per riuscire a vedere, è diventato virale su Twitter con l’hashtag #occhiaperti, riportando l’attenzione sulla guerra civile che da due anni sconvolge il Paese

Un gesto drammatico ma spontaneo, quello di una bambina col viso tumefatto che con la mano si aiuta per sbirciare oltre l’occhio gonfio. Un gesto immortalato da un fotografo e diventato virale su Twitter, replicato da centinaia di utenti. Dal suo letto di ospedale la piccola Buthaina, cinque anni, diventa il simbolo del conflitto in Yemen.

Ricoverata da quasi due settimane, è circondata dagli zii e da nuovi ‘amici’, le tante persone che hanno conosciuto la sua storia attraverso i media. La bambina è l’unica sopravvissuta della sua famiglia a un bombardamento che il 25 agosto ha ucciso almeno 16 civili a Sana’a, capitale dello Yemen. Tra questi, i genitori e 5 tra fratelli e sorelle. Gravi le ferite riportate: avrebbe diverse frattura al cranio, ma i dottori dicono che ce la farà.

Quando i giornali locali sono andati nella sua stanza di ospedale, Buthaina si è aiutata con una mano per tirar su la palpebra, mettendo indice e pollice a “c” intorno all’occhio destro. L’ ‘occhiolino’ è stato fotografato e messo sui social. Centinaia di utenti si sono scattati dei selfie imitando il gesto della bambina, con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla situazione drammatica dello Yemen. Dal 2015 è in atto una guerra civile che secondo l’Unhcr, il Consiglio dei diritti umani dell’Onu, ha causato oltre 13 mila vittime civili, milioni di sfollati e un’epidemia di colera che ha contagiato 600 mila persone.

Ora Buthaina è affidata a una coppia di zii, che dal giorno del bombardamento non si sono mai separati da lei. La bambina ancora non sa cosa sia successo ai genitori e al resto della famiglia. “Non potrò mai sostituire suo padre, ma ora lei per me è una figlia e lo sarà per sempre”, ha detto lo zio ai reporter della Cnn, “spero almeno che la perdita che ha subito la nostra famiglia possa portare alla fine del conflitto che sta sconvolgendo il nostro Paese”.

tratto da: http://www.repubblica.it/esteri/2017/09/07/news/yemen_buthaina_gesto_mano_bambina_conflitto_guerra-174881067/

Morti di serie A e morti di serie B – Sono tre giorni che i Tg parlano dell’uragano che ha provocato 20 morti in USA. 2 anni di silenzio, invece, per la guerra in Yemen che ha già ucciso 10.000 persone. Ma i primi sono Americani (serie A) i secondi sono solo poveri negri!

 

Yemen

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

Morti di serie A e morti di serie B – Sono tre giorni che i Tg parlano dell’uragano che ha provocato 20 morti in USA. 2 anni di silenzio, invece, per la guerra in Yemen che ha già ucciso 10.000 persone. Ma i primi sono Americani (serie A) i secondi sono solo poveri negri!

 

(ANSA) – SANAA, 16 GEN – Solo negli ultimi due anni di guerra, nello Yemen il numero di civili morti ha superato, secondo una stima ottimistica, i 10.000: lo fa sapere l’Onu, che quantifica i feriti in circa 40.000. Secondo quanto riferito ai cronisti da Jamie McGoldrick, dell’Ufficio per il Coordinamento degli affari umanitari delle Nazioni Unite, la stima sui civili morti è basata sulla conta delle vittime raccolte dalle strutture sanitarie del disastrato Paese, e la cifra reale potrebbe essere anche molto più elevata.

Ma i Tg muti.

3 giorni di Tg per i morti Americani

Con tutto il rispetto per tutti i morti, ma…

by Eles

 

Dal New York Times le foto dello Yemen che Stati Uniti e Arabia Saudita non vogliono che tu veda… E anche noi ci dovremmo vergognare un bel po’ visto che le armi agli arabi glie le vendiamo proprio noi…!

Yemen

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

Dal New York Times le foto dello Yemen che Stati Uniti e Arabia Saudita non vogliono che tu veda… E anche noi ci dovremmo vergognare un bel po’ visto che le armi agli arabi glie le vendiamo proprio noi…!

L’Arabia Saudita mantiene un blocco mediatico tale che i giornalisti non possono documentare le atrocità commesse nello Yemen con la complicità statunitense.

Le immagini come quelle che accompagnano l’articolo pubblicato martedì scorso sul quotidiano statunitense ‘The New York Times’, scritto da Nicholas Kristof non appaiono sugli schermi televisivi e raramente nei quotidiani occidentali, in parte perché l’Arabia Saudita blocca con successo l’accesso di giornalisti stranieri nello Yemen.

Il giornalista Nicholas Kristof nel suo articolo pubblicato ha denunciato di aver cercato per quasi un anno di raggiungere aree devastate dagli attacchi sauditi nello Yemen senza successo perché il regime saudita lo ha impedito.

Kristof ha poi riferito che l’unico modo per accedere alle aree dello Yemen soggetto a continue attacchi aerei è attraverso voli charter organizzati dalle Nazioni Unite e gruppi umanitari, in quanto i voli commerciali sono vietati.

Tuttavia, gli aerei militari sauditi controllano questo spazio aereo e vietano qualsiasi volo dove c’è un giornalista a bordo. L’ONU “non sta assumendo rischi” e considera questo divieto di imbarcare i giornalisti molto seriamente, ha raccontato il giornalista.

“Ciò è pazzesco: l&#

39;Arabia Saudita obbliga le Nazioni Unite ad escludere i giornalisti per evitare la copertura delle atrocità saudita”, ha spiegato Kristof.

L’autore dell’articolo ha sottolineato che il governo saudita commette crimini di guerra nello Yemen con le complicità statunitensi e del Regno Unito.

I Sauditi regolarmente bombardano i civili e, peggio ancora, hanno chiuso lo spazio aereo e hanno imposto un blocco per sottomettere la popolazione yemenita. Ciò significa che i civili dello Yemen, compresi i bambini, se non muoiono nei bombardamenti, li fanno morire alla fame. Kristof ha citato il caso di Buthaina, una ragazza di 4 o 5 anni che è stata l’unica della sua famiglia che è riuscita a sopravvivere ad un attacco saudita.

Secondo Kristof gli statunitensi devono fermare tutti i trasferimenti di armi in Arabia Saudita finché non finisce il blocco e il bombardamento del regno contro lo Yemen.

Uno degli effetti devastanti di questa aggressione è la peggiore epidemia globale del colera che è scoppiata in Yemen, dove molte persone sono malnutrite. Ogni giorno 5000 yemeniti contraggono il colera.

Fonte: The New York Times

Dieci cose che devi sapere sulla NATO e perché l’Italia non dovrebbe assolutamente far parte di questa associazione a delinquere!

 

NATO

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

Dieci cose che devi sapere sulla NATO e perché l’Italia non dovrebbe assolutamente far parte di questa associazione a delinquere!

Cos’è veramento la NATO? E quali sono realmente le finalità per le quali è stata creata?

1. La NATO – Organizzazione del Trattato dell’Alleanza dell’Atlantico del Nord, detta anche Patto Atlantico – nasce a Washington nel 1949, con l’obiettivo ufficiale della “difesa collettiva” dei dodici Stati membri (art. 5 dello statuto) contro il nemico di allora, l’Unione Sovietica. La NATO, in realtà, verrà utilizzata negli anni per ben altri obiettivi.

2. In risposta alla nascita della NATO, nel 1955, l’Unione sovietica crea il Patto di Varsavia. Nel 1991 il Patto di Varsavia si dissolve, insieme all’URSS. La NATO però non muore. Diventa lo strumento con cui esportare “democrazia e diritti umani”.

3. Nel 1999, a Washington viene siglato, dai governi dei Paesi NATO, il “nuovo concetto strategico” che cambia la natura del trattato, autorizzando interventi militari di aggressione. Il Parlamento italiano non è mai stato consultato in merito.

4. Il nuovo concetto della NATO e le azioni di guerra alle quali l’Italia partecipa, violano l’art 11 della Costituzione e il Trattato di non proliferazione nucleare. Sul territorio italiano, nelle oltre centodieci basi USA/NATO, sono presenti novanta testate nucleari.

5. Grazie al “Nuovo Concetto Strategico”, la NATO inizia interventi militari d’aggressione. Nel 1999 la Nato bombarda quel che rimane della Jugoslavia: è la «guerra in Kosovo».

6. Nel 2001, gli Usa e altri membri della NATO bombardano l’Afghanistan. Nel 2003 la NATO prende in consegna la guerra, tutt’ora in corso in questo Paese strategico per i flussi di materie prime: è la «guerra in Afghanistan».

7. Nel 2003, Usa e alleati bombardano e invadono, senza mandato ONU, l’Iraq, reo di essersi sottratto al dominio del dollaro. Nel 2004, la NATO si coinvolge direttamente nell’Iraq occupato, su richiesta Usa: è la «guerra in Iraq».

8. Nel 2011, la NATO con l’operazione «Unified Protector» bombarda la Libia, che per ragioni finanziarie e strategiche era da tempo nel mirino: è la «guerra in Libia».

9. Dopo il colpo di stato del febbraio 2014 in Ucraina, la NATO, un’alleanza oggi di 28 stati membri, ha ormai nel mirino i confini della Russia. A partire dal 2003, membri e partner Nato iniziano l’opera di accerchiamento della Siria. Sul futuro di Ucraina e Siria si giocano i destini del mondo.

10. Le guerre della NATO dal 1999 ad oggi hanno prodotto centinaia di migliaia di morti, feriti, mutilati, sfollati, territori devastati, smembrati, economie fallite, destabilizzazioni estese a intere regioni. I popoli dei Paesi membri dovrebbero iniziare a chiedersi: Chi ci difende dalla NATO?

Fonte: http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=82&pg=14171

La domanda che si fanno pensioni, terremotati, disoccupati e gente comune, ma non i nostri politoci né i giornalisti fedeli al regime: Perché un miliardo per una nave da guerra?

 

nave da guerra

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

La domanda che si fanno pensioni, terremotati, disoccupati e gente comune, ma non i nostri politoci né i giornalisti fedeli al regime: Perché un miliardo per una nave da guerra?

Perché un miliardo per la nave da guerra?
Ogni giorno spendiamo 64 milioni di euro, che vuol dire 2,7 milioni all’ora, 45 mila euro al minuto. Ma da ieri il conto delle spese militari è più salato. Con una sobria cerimonia a Castellammare di Stabia, stabilimento Fincantieri, è stata tagliata la prima lamiera di una nuova scintillante «Portaelicotteri» che si chiamerà «Trieste», varo tra due anni, pronta a combattere nel 2022. Non costerà proprio due lire. La cifra che uscirà dalle nostre tasche, essendo il committente il ministero della Difesa, sarà di un miliardo e 100 milioni euro.

Un bel botto per il ministro della Difesa Roberta Pinotti, che avviandosi alla fine la legislatura avrà la riconoscenza di molti. Finalmente diventiamo una vera superpotenza navale e proprio nel giorno in cui l’Istat detta le cifre della vergogna con un milione mezzo di famiglie che si arrabattano per trovare da mangiare.

Ma gli esperti ci informano che la nuova «Unità multiruolo d’assalto anfibio» sarà un gioiello e oltretutto «ecologica», a basso impatto ambientale e con un controllo inflessibile degli «effluenti biologici». Si spreca retorica sugli armamenti e anche in questo caso, a consolazione preventiva di eventuali pacifisti, si esagera con enfasi sul cosiddetto «dual use» militare e civile, spacciando una nave da guerra per un vascello da soccorso umanitario, visto che nella sua pancia c’è un presidio ospedaliero in grado di accogliere fino a settecento persone. Gioirà il ministro della Salute Beatrice Lorenzin che potrà chiedere alla collega di governo il permesso per attraccarla alla riva di qualche disastrato ospedale. La costruzione del gioiello è prevista dalla nuova «Legge Navale» varata dal governo Renzi. Ma un contratto tira l’altro e già in costruzione ci sono altre unità dai nomi bizzarri e dalle performance straordinarie, naturalmente per il soccorso in mare dei migranti. Chissà se i posti a sedere sul naviglio da superpotenza sono quelli previsti dal numero chiuso di Matteo Renzi. L’Italia ha già due portaerei, la Garibaldi e la Cavour. Di solito non le usiamo, perché mancano i soldi per il gasolio. Ma il nuovo battello insieme a due micidiali propulsori diesel e due turbine a gas da paura avrà anche due motori elettrici. Il portafoglio del contribuente può sorridere e il ministro annunciare missione compiuta.

Siamo tutti più tranquilli, anche se, irriducibili pacifisti che stanno con Papa Francesco, ci permettiamo una domanda: ne avevamo bisogno? L’Italia ha manie di grandezza e il primo ministro donna della Difesa nella storia del Paese doveva proprio fare la differenza e portare la flotta italiana a superare la potenza navale francese e ad eguagliare quella inglese? Non era forse meglio fermarsi a riflettere proprio sulle parole di Bergoglio che un’ Europa meno armata è «un’Europa più forte» e che «la pace sarà duratura nella misura in cui armiamo i nostri figli con le armi del dialogo»? L’Italia ha una spesa militare sproporzionata. È aumentata quest’anno del 10 per cento e negli ultimi dieci anni dell’86 per cento. Ma i governi la nascondono nei capitoli di spesa del ministero dello Sviluppo economico, che avrebbe un’altra ragione sociale. L’industria militare in Italia conta solo 112 imprese, ma sono le più coccolate.

Il gioco delle tre carte permette ai ministri della Difesa di dichiararsi pacifisti e a tutti gli altri il mimetismo delle responsabilità, mascherando spese e finanziamenti onerosissimi, che secondo il Rapporto «MIL€X», presentato alla Camera dei deputati alcuni mesi fa, raggiungono tassi del 30-40 per cento. Ma la lobby militare-industriale non ha orecchie per intendere e degli spiccioli non sa che farsene.

tratto da: http://www.ecodibergamo.it/stories/Editoriale/perche-un-miliardoper-la-nave-da-guerra_1243152_11/