È ufficiale: il ministro delle riforme sbagliate Boschi, che aveva dichiarato di lasciare la politica, ha mentito spudoratamente sul suo conflitto di interessi. Si è occupata attivamente di Banca Etruria del Padre, che ha truffato e rovinato la vita a migliaia di risparmiatori. Ma basta cazzeggiare. Avete visto che avevano ragione? Spelacchio è morto, mica vorrete affidare il Paese ai Grillini?

 

Boschi

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

È ufficiale: il ministro delle riforme sbagliate Boschi, che aveva dichiarato di lasciare la politica, ha mentito spudoratamente sul suo conflitto di interessi. Si è occupata attivamente di Banca Etruria del Padre, che ha truffato e rovinato la vita a migliaia di risparmiatori. Ma basta cazzeggiare. Avete visto che avevano ragione? Spelacchio è morto, mica vorrete affidare il Paese ai Grillini?

 

Ghizzoni conferma che Boschi gli chiese di acquistare Etruria. E dice che ricevette una mail da Carrai (a che titolo?) sulla questione.

La Boschi ha mentito. Ha mentito spudoratamente, prendendo per i fondelli milioni di Italiani, tra cui tutti i truffati e ridotti in miseria da Banca Etruria della “persona perbene” alias Pier Luigi Boschi.

E parliamo di un ministro delle riforme che ogni volta che ha tentato di fare una riforma ha fatto una puttanata.

E parliamo del ministro che dichiarò pubblicamente cge se si perdeva il famoso referendum del 4 dicembre avrebbe abbandonato la politica… per poi attaccarsi con i denti alla poltrona.

Ma il problema è un altro.

Il problema è che “spelacchio” (l’albero di Natale di Roma della Raggi) è morto.

Come cazzo potete pensare di votare i grillini se non sono capèaci di fare un albero di Natale?

Ai posteri l’ardua sentenza, sperando che siano meno coglioni di noi!

 

By Eles

 

Il mistero della mozione contro il governatore di Bankitalia Visco: la firma è di tal Silvia Fregolent che di questioni bancarie non capisce una mazza, ma è una “boschiana” di ferro. L’ipotesi più accreditata? Scritta dallo staff della Boschi!

 

Visco

 

.

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Il mistero della mozione contro il governatore di Bankitalia Visco: la firma è di tal Silvia Fregolent che di questioni bancarie non capisce una mazza, ma è una “boschiana” di ferro. L’ipotesi più accreditata? Scritta dallo staff della Boschi!

 

Bankitalia accusa: mozione anti Visco scritta dalla Boschi

Fonti di Palazzo Koch indicano nello staff del sottosegretario di Palazzo Chigi il responsabile della stesura del testo.

La mozione parlamentare contro il governatore di Bankitalia Ignazio Visco, presentata alla Camera martedì scorso dal Pd, sarebbe stata scritta dallo staff giuridico del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Maria Elena #Boschi. Ad affermarlo sono fonti interne alla Banca d’Italia, rigorosamente mantenute anonime, che oggi il giornalista Marco Palombi riporta sul Fatto Quotidiano. Ma a contribuire a far puntare il dito dell’opinione pubblica contro il presunto conflitto di interessi della famiglia Boschi nella intricata vicenda Banca Etruria-Vigilanza di bankitalia è anche un articolo apparso ieri, 20 ottobre, sul Corriere della Sera, in cui si parla di come #Viscoavesse segnalato a più riprese le “molte anomalie” della banca aretina di cui Pier Luigi Boschi, padre di Meb, è stato anche vicepresidente.

Una “vendetta per Banca Etruria”, sostengono le anonime gole profonde di Palazzo Koch, così come aveva già dichiarato il senatore di Mdp Miguel Gotor.

Le accuse di Bankitalia contro la Boschi

Dunque, secondo quanto scritto da Marco Palombi sul quotidiano diretto da Marco Travaglio, la mozione contro Ignazio Visco sarebbe stata scritta dal Giglio Magico di Maria Elena Boschi per “vendetta” dopo quanto era successo con Banca Etruria. I boschiani non avrebbero perdonato al governatore di Bankitalia le sue responsabilità nel fallimento della banca aretina, di cui babbo Boschi (multato due volte da Visco e una dalla Consob) arrivò addirittura a ricoprire il ruolo di vicepresidente nel 2015. Le fonti anonime di Palazzo Koch ricordano tutti gli atti compiuti dalla Boschi (quando era ministro per le Riforme del governo Renzi) per cercare di salvare la banca dove, oltre al padre, lavorava anche il fratello Emanuele.

E poi aggiungono: “E ora è arrivata la mozione, basta vedere dove è stata scritta”.

La ricostruzione dei fatti

Per rispondere alla domanda di cui sopra è necessario ricostruire i concitati fatti che hanno portato alla presentazione della mozione anti Visco. Prima firmataria dell’atto votato dal parlamento martedì 17 ottobre è la deputata Pd Silvia Fregolent. La Fregolent, che non si sarebbe mai occupata nella sua carriera di questioni inerenti Bankitalia e non avrebbe le competenze necessarie, viene descritta come una boschiana di ferro. E dunque, si chiedono in molti, chi ha scritto veramente la mozione? L’ufficio legislativo del Pd alla Camera (teoricamente responsabile di questi temi), presieduto dall’orlandiano Andrea Martella, nega ogni coinvolgimento attraverso non meglio precisate “fonti interne”. E nessun organismo ufficiale, come la direzione Pd o i gruppi parlamentari, ha mai discusso il contenuto della stessa.

Mozione scritta dallo staff della Boschi?

Infine, il sottosegretario al Tesoro Pier Paolo Baretta, secondo “fonti di governo” avrebbe avuto la possibilità di visionare il testo anti Visco solo intorno alle tre del pomeriggio del 17 ottobre, in tempo per limare i passaggi più duri ma non per evitare la messa al voto.

Il punto fondamentale, però, è che la mozione non è giunta a Baretta per mano del capogruppo Dem Ettore Rosato, ma direttamente da Palazzo Chigi, luogo dove risiede lo staff della Boschi, attraverso una email. I numerosi indizi raccolti portano le fonti interne a Bankitalia ad affermare con certezza che “sono loro ad aver scritto la mozione”.