La madre di Pamela: “mia figlia vittima di una violenza assurda… ma poi “ringrazia” Luca Traini, autore di una violenza assurda…!

Pamela

 

Pamela

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

La madre di Pamela: “mia figlia vittima di una violenza assurda… ma poi “ringrazia” Luca Traini, autore di una violenza assurda…!

La madre di Pamela: “mia figlia vittima di una violenza assurda… Chi può darle torto?  Ed anche quando urla “L’assassino deve morire soffrendo e lentamente”, da genitore non posso che essere con lei…

No, non sono parole fuori luogo. Sono parole di una madre… provate ad immedesimarvi e vedrete che anche voi non potreste perdonare, anzi…

Però, poi quando senti che “ringrazia” Luca Traini, autore di una violenza altrettando assurda, allora dico NO!

Sei cretina. Capisci che se approvi Traini, approvi la stessa violenza assurda che ha ucciso tua figlia?

Signori, non è una questione di colore della pelle o colore politico. La violenza è assurda. Sempre.

 

Da Libero:

Pamela Mastropietro, parla la madre: “Ringrazio Luca Traini per il cero acceso per mia figlia”

Parla a Il Tempo, il quotidiano della Capitale, Alessandra Verni, la mamma di Pamela Mastropietro. Lo fa in un’intervista in cui nega che sua figlia conoscesse Luca Traini, l’autore della sparatoria di Macerata contro gli immigrati: “Mia figlia era di Roma e non conosceva nessuno a Macerata, tantomeno lui. Basta con queste sciocchezze…”. La donna però tiene a ringraziare il ragazzo che ora è in carcere con l’accusa di strage: “Lo ringrazio per aver acceso un cero per mia figlia. È stato uno dei pochi, in tutto quello che è successo, ad aver avuto un pensiero vero per mia figlia. E non mi interessa che il cero avesse l’effige di Mussolini. Traini era di destra, ma a me la politica non interessa”.

Da Libero

 

By Eles

La madre di Pamela: “mia figlia vittima di una violenza assurda… ma poi “ringrazia” Luca Traini, autore di una violenza assurda…!ultima modifica: 2018-02-07T20:34:55+00:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento