…E all’ambasciata italiana arriva conto da 1000 euro per i selfie della Boschi in Canada

Boschi

 

Boschi

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

 

…E all’ambasciata italiana arriva conto da 1000 euro per i selfie della Boschi in Canada

 

Maria Elena Boschi, il servizio fotografico durante il viaggio in Canada che agita Palazzo Chigi

Qui si parla del viaggio in Canada di Maria Elena Boschi, effettuato tra il 14 e il 16 settembre scorsi. Il punto è che a Palazzo Chigi hanno scoperto qualcosa che non torna su quel tour, nel dettaglio una fattura da saldare, trasmessa dall’ambasciata italiana di Ottawa, per un servizio fotografico di oltre mille euro. Una vicenda di cui dà conto Il Fatto Quotidiano, che punta il dito: “Sfruttando l’incarico di governo, la sottosegretaria promuove se stessa e alimenta relazioni personali con le risorse pubbliche destinate alle ‘missioni’ dei rappresentanti dell’esecutivo”.

La Boschi si trovava in Canada per intervenire al Global Progress, un seminario di matrice riformista di centrosinistra. L’agenda era fittissima: incontro con la ministra Maryam Monsef, brindisi all’Istituto di Cultura di Toronto coi parlamentari eletti all’estero, altra passerella nel Centro canadese di Architettura fra imprenditori e banchieri. Una serie di incontri sempre vietati ai giornalisti, tanto che non vi è alcun resoconto ufficiale. Ovviamente, in seguito, l’incontro col primo ministro Justin Trudeau e altri esponenti di spicco della politica canadese.

Ma come detto, a un mese dal rientro dal Canada, ad accendere le polemiche è stato il servizio fotografico già citato: non era incluso nel preventivo autorizzato da Paolo Aquilanti, il segretario generale di Palazzo Chigi, di fatto l’unico dirigente che valuta le spese dalla Boschi. Ed è qui che l’articolo del Fatto Quotidiano si fa più pesante, affermando: “Aquilanti di professione fa il segretario generale, in realtà svolge le mansioni di segretario particolare di Meb, la scorta ovunque”. Dunque si punta il dito contro il fatto che “del presunto viaggio di Stato esiste soltanto il diario di Meb: qualche pensiero dispero su Facebook, un album di fotografie postato su Instagram”.

E insomma, il quotidiano diretto da Marco Travaglio insinua che, anche a causa della presenza di Aquiltani, non ci sia poco controllo sulle spese della Boschi, la quale – come da titolo del Fatto – “s’invia in Canada e lascia il conto a Palazzo Chigi”. Per certo quelle del servizio fotografico che nessuno aveva previsto.

tratto da: http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13268759/maria-elena-boschi-viaggio-canada-servizio-fotografico-palazzo-chigi.html

…E all’ambasciata italiana arriva conto da 1000 euro per i selfie della Boschi in Canadaultima modifica: 2017-10-26T22:14:14+00:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento